NAVIGA IL SITO

Il FTSEMib chiude con un rialzo (minimo)

Seduta nervosa per i titoli del settore bancario, dopo la correzione subita il giorno precedente. Giornata positiva per i titoli del settore petrolifero. Molto bene STM

di Edoardo Fagnani 14 lug 2021 ore 17:45

analisi-tecnica-mercatiVariazioni frazionali per i maggiori indici di Borsa Italiana e per le principali piazze finanziarie europee. Pierre Veyret – analista tecnico di ActivTrades - ha segnalato che la maggior parte degli indici sta testando il principale livello di supporto a breve termine, in una mossa di pull-back. "Le preoccupazioni sull'aumento dei prezzi rimangono il driver di mercato più importante questa settimana e molti investitori iniziano a mettere in discussione l'effetto "transitorio" dell’inflazione, come descritto dalla FED", ha evidenziato l'esperto.

Il FTSEMib ha registrato un rialzo dello 0,15% a 25.194 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 25.098 punti e un massimo di 25.320 punti. Il FTSE Italia All Share ha guadagnato lo 0,12%. Segno meno, invece, per il FTSE Italia Mid Cap (-0,07%) e per il FTSE Italia Star (-0,1%). Nella seduta del 14 luglio 2021 il controvalore degli scambi è sceso a 1,58 miliardi di euro, rispetto agli 1,74 miliardi di martedì; sono passate di mano 389.590.110 azioni (537.000.871 nella seduta di martedì).

Il bitcoin ha sfiorato i 33.000 dollari (oltre 27.500 euro).

Lo spread Btp-Bund si è attestato oltre i 100 punti.

L’euro è tornato oltre gli 1,18 dollari.

 

Seduta nervosa per i titoli del settore bancario, dopo la correzione subita il giorno precedente.

In rialzo UniCredit (+0,8% a 9,627 euro). Moody's ha confermato i rating sull'istituto dopo aver aggiornato la propria metodologia per le banche.

In calo di oltre un punto e mezzo percentuale, invece, il BancoBPM (-1,54% a 2,628 euro).

 

Giornata positiva per i titoli del settore petrolifero.

ENI ha guadagnato lo 0,2% a 10,024 euro.

Performance migliori per Saipem (+2,16% a 1,988 euro) e Tenaris (+1,75% a 8,932 euro).

 

Spicca il forte rialzo di STM (+2,48% a 33,23 euro).

 

Brunello Cucinelli ha perso lo 0,29% a 51,25 euro. Il gruppo del cachemire ha comunicato i risultati preliminari del primo semestre 2021. Nel dettaglio, i ricavi netti sono stati pari a 313,71 milioni di euro, in aumento del 52,9% rispetto ai 205,14 milioni ottenuti nella prima metà dello scorso anno; a cambi costanti l'incremento sarebbe stato del 57,7%. Brunello Cucinelli ha segnalato che i ricavi del primo semestre 2021 sono cresciuti del 7,7% (+10% a cambi costanti) rispetto ai 291,4 milioni al 30 giugno 2019. Per l'intero 2021 il management di Brunello Cucinelli stima una crescita del fatturato nell'ordine del 20% rispetto al 2020, con un incremento di circa il 10% rispetto al 2019.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.