NAVIGA IL SITO

Il FTSEMib parte in rosso ma chiude in positivo

Forte volatilità per i titoli del settore bancario: sotto i riflettori IntesaSanpaolo, BPER Banca e BancoBPM. Brillano Pirelli e NEXI dopo la trimestrale

di Edoardo Fagnani 13 mag 2021 ore 17:49

mercato-azionario-positivoI maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno terminato la seduta in territorio positivo, dopo essere arrivati a perdere oltre il 2% in mattinata. I mercati azionari del Vecchio Continente hanno benefciato dell'ottima partenza di Wall Street.

Il FTSEMib ha messo a segno un progresso dello 0,14% a 24.486 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 23.898 punti e un massimo di 24.564 punti. Iil FTSE Italia All Share ha guadagnato lo 0,19%. Segno più anche per il FTSE Italia Mid Cap (+0,51%) e per il FTSE Italia Star (+0,27%). Nella seduta del 13 maggio 2021 il controvalore degli scambi è sceso a 2,67 miliardi di euro, rispetto ai 2,83 miliardi di mercoledì; sono passate di mano 630.274.481 azioni (682.827.438 nella seduta di mercoledì). Su 443 titoli trattati, 245 hanno registrato una performance negativa, mentre i rialzi sono stati 159; invariate le restanti 39 azioni.

Alle 17.35 il bitcoin si attestava poco sopra i 50.000 dollari (meno di 42.000 euro).

Lo spread Btp-Bund è rimasto oltre i 110 punti.

L’euro si è confermato sotto gli 1,21 dollari.

 

Forte volatilità per i titoli del settore bancario.

Sotto i riflettori IntesaSanpaolo (-0,42%), BPER Banca (-0,2%) e BancoBPM (+0,46%). Moody’s ha modificato l’outlook dei tre istituti, portandolo da “negativo” a “stabile”, nell’ambito di un’azione che ha interessato diversi istituti di credito italiani e riflette una valutazione più positiva sull’economia italiana e sul settore bancario nazionale.

UniCredit ha registrato una flessione dell'1,88% a 10,008 euro.

 

Chiusura negativo per i titoli del settore petrolifero, dopo che a New York il prezzo del greggio (future con scadenza a giugno 2021) è sceso a 64 dollari al barile.

ENI ha ceduto l'1,47% a 10,304 euro.

Segno meno anche per Saipem (-0,83% a 2,023 euro) e Tenaris (-2,27% a 9,658 euro).

 

In forte progresso Pirelli (+2,57% a 4,713 euro). La società ha diffuso i risultati finanziari del primo trimestre del 2021, periodo che ha visto una crescita dei principali indicatori economici, sostenuti dalla ripresa della domanda. Il management di Pirelli ha confermato i target finanziari per il 2021, comunicati al mercato in occasione della presentazione del piano industriale al 2025 avvenuta lo scorso 31 marzo.

 

NEXI e Prysmian hanno guadagnato rispettivamente il 3,33% e il 2,76% dopo la diffusione dei risultati trimestrali.

 

Tod’s (+6,43% a 47,04 euro) ha registrato la migliore performance di giornata tra le società del MidCap. Alcune banche d'affari hanno incrementato il target price sul titolo dopo la diffusione dei risultati trimestrali.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.