NAVIGA IL SITO

Piazza Affari ancora in calo: FTSEMib -1,3%

Hanno prevalso le vendite sui bancari, con l'eccezione del Monte dei Paschi di Siena. Male risparmio gestito e petroliferi. In controtendenza Moncler

di Edoardo Fagnani 12 ott 2022 ore 17:42

mercato-scende_2I maggiori indici di Borsa Italiana hanno chiuso la seduta in territorio negativo: in particolare, il FTSEMib ha perso oltre un punto percentuale. Louise Dudley - Global Equities Portfolio Manager di Federated Hermes - ha segnalato che, con l’approssimarsi della prossima stagione degli utili al centro delle priorità degli investitori, il precedente trimestre di revisioni al ribasso (sia sul fronte del Pil che degli utili) non può che portare con sè un tono negativo. "L'unico aspetto positivo è che una fase di debolezza dell’economia si porta dietro banche centrali più aggressive e la prospettiva di aumenti dei tassi d'interesse meno ripidi", ha prrecisato l'esperto.

Il FTSEMib ha lasciato sul terreno l'1,27% a 20.467 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 20.421 punti e un massimo di 20.755 punti. Il FTSE Italia All Share ha chiuso in calo dell'1,26%. Performance negative anche per il FTSE Italia Mid Cap (-1,23%) e per il FTSE Italia Star (-1,54%). Nella seduta del 12 ottobre 2022 il controvalore degli scambi è stato pari a 1,69 miliardi di euro, lo stesso ammontare di martedì.

Il bitcoin è rimasto poco sopra i 19.000 dollari (oltre 19.500 euro).

Lo spread Btp-Bund ha toccato i 245 punti, con il rendimento del Btp decennale che ha oscillato intorno al 4,8%. In mattinata il Ministero dell'economia e delle finanze ha collocato un BOT annuale: il rendimento lordo di aggiudicazione è aumentato al 2,532%.

L’euro si è riportato a 0,97 dollari.

 

Hanno prevalso le vendite sui bancari, con l'eccezione del Monte dei Paschi di Siena. Il titolo dell’istituto senese ha registrato un balzo del 10,1% a 25,58 euro, in una seduta caratterizzata da diverse sospensioni per eccesso di rialzo. Secondo quanto riportato dai principali quotidiani restano ancora da definire la tempistica e i dettagli dell’aumento di capitale da 2,5 miliardi di euro.

In rosso IntesaSanpaolo (-1,18%) e BPER Banca (-0,78%).

 

Performance negative anche per le compagnie maggiormente attive nel risparmio gestito. Spicca il ribasso di Azimut Holding (-5,6%).

 

Vendite sui titoli del settore petrolifero, dopo che il prezzo del greggio a New York (contratto con scadenza a novembre 2022) è sceso sotto gli 88 dollari al barile.

ENI ha subito una flessione dell’1,5% a 11,396 euro. Male anche Saipem (-4,05%) e Tenaris (-4,69% a 13,81 euro).

 

Leonardo (-4,72%) ha registrato una delle peggiori performance di giornata al FTSEMib.

 

Qaulche spunto tra le società del lusso, in scia al dato sul fatturato dei primi nove mesi del 2022 diffuso da LVMH, risultato in crescita del 28% e migliore delle attese. In particolare, Moncler ha guadagnato il 2,77%.

 

Telecom Italia TIM in altalena. Il titolo della compagnia telefonica ha perso il 2,73% a 0,1713 euro.

 

Al MidCap male Juventus FC (-2,29% a 0,273 euro). Il club bianconero è stato sconfitto per 2 a 0 dal Maccabi Haifa nella quanta giornata dei gironi della Champions League. Ora le speranze per la qualificazione agli ottavi di finale della maggiore manifestazione calcistica europea sono ridotte al lumicino.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.