NAVIGA IL SITO

Chiusura sui massimi di giornata per il FTSEMib

Chiude sui valori massimi della seduta la giornata borsistica del principale indice di Piazza Affari. Vendite su Telecom Italia. Bene Pirelli dopo i conti trimestrali

di Mauro Introzzi 12 nov 2021 ore 17:50

borsa-positiva_1Chiude sui valori massimi della seduta la giornata borsistica del principale indice di Piazza Affari. Vendite su Telecom Italia. Bene Pirelli dopo i conti trimestrali. La giornata è stata ancora caratterizzata dalla diffusione dei conti di periodo dei primi nove mesi dell'anno da parte di molte società quotate.

ll FTSEMib ha guadagnato lo 0,36% a 27.732 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 27.579 punti e un massimo di 27.736 punti. Il FTSE Italia All Share ha messo a segno un progresso dello 0,35%. Performance positive anche per il FTSE Italia Mid Cap (+0,38%) e per il FTSE Italia Star (+0,69%). Nella seduta del 12 novembre 2021 il controvalore degli scambi è salito a 2,36 miliardi di euro, rispetto ai 2,28 miliardi di giovedì; sono passate di mano 979.211.623 azioni (471.569.610 nella seduta precedente).

Ancora prese di beneficio sul bitcoin, sceso sotto i 63.000 dollari (sotto i 55.000 euro).

Lo spread Btp-Bund è salito oltre i 120 punti.

L’euro è rimsto sotto i 1,15 dollari.

 

Tra i singoli titoli da segnalare il calo di Telecom Italia (-2,2%). Il suo consiglio di amministrazione riunitosi ieri su richiesta di alcuni consiglieri, ha esaminato il difficile contesto di mercato e le sfide che attendono la società in materia di strategia, performance aziendale e organizzazione, anche in vista della preparazione del piano strategico 2022-2024. Il consiglio di amministrazione ha inoltre definito il percorso per la preparazione e condivisione del piano stesso, da approvare nella riunione del consiglio prevista a febbraio 2022. La società ha infine ricordato che non è in corso alcuna negoziazione relativa alla rete o altri asset strategici.

 

Tra le altre variazioni di rilievo da segnalare quelle - positive - di Azimut (+3,27%) e Pirelli (+3,52%). Di entrambe sono evidentemente piaciute le rispettive trimestrali. Il colosso degli pneumatici ha registrato risultati che hanno evidenziato un netto recupero rispetto all'anno passato, falcidiato dalla pandemia da Covid-19. Il management del colosso degli pneumatici ha rivisto al rialzo i target su ricavi e generazione di cassa dell'intero anno, confermando gli altri obiettivi.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.