NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » FTSEMib, ancora uno scivolone!

FTSEMib, ancora uno scivolone!

Piazza Affari e le borse europee hanno replicato i ribassi registrati ieri. È rimasta elevata la volatilità sui bancari, dove spicca il calo subito da Banca Carige

di Edoardo Fagnani 11 ott 2018 ore 17:49

Piazza Affari e le borse europee hanno terminato la seduta odierna in territorio negativo, replicando i ribassi registrati ieri. È rimasta elevata la volatilità sui bancari, dove spicca il calo subito da Banca Carige. Ancora una seduta negativa per Ferrari e Astaldi. Intanto, sul NADEF è arrivato anche il giudizio negativo dell’agenzia Fitch: gli esperti ritengono troppo ottimistici i target fissati dal governo sul rapporto deficit/pil e sul Pil per il triennio 2019/2021. Riflettori ancora puntati sulle aste di titoli di stato italiani, dopo gli alti e bassi registrati dallo spread tra Btp e bund tedeschi con scadenza a 10 anni; in mattinata il Tesoro ha collocato quattro Btp con scadenza a medio-lungo termine per un ammontare di 6,5 miliardi di euro: il rendimento del triennale ha superato il 2,5%, mentre quello del settennale ha superato il 3,2%.

Il FTSEMib ha terminato la giornata con un ribasso dell’1,84% a 19.357 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 19.348 punti e un massimo di 19.664 punti. Il FTSE Italia All Share ha ceduto l’1,8%. Performance negative anche per il FTSE Italia Mid Cap (-1,43%) e il FTSE Italia Star (-2,3%). Nella seduta odierna il controvalore degli scambi è salito a 2,88 miliardi di euro, rispetto ai 2,69 miliardi di ieri; oggi sono passate di mano 2.085.029.033 azioni (1.478.142.155 nella seduta di ieri). Su 396 titoli trattati, 335 hanno chiuso in ribasso, mentre le performance positive sono state solo 46; invariate le restanti 15 azioni.

L’euro ha sfiorato gli 1,16 dollari; alle 17.30 il bitcoin si confermava sotto i 6.500 dollari (meno di 5.500 euro).

 

CONSULTA le quotazioni dei titoli del SOLMib40

 

crollo-borsaÈ rimasta elevata la volatilità sui bancari. Il vice premier, Luigi di Maio, ha ribadito che il governo taglierà le detrazioni agli istituti di credito sugli interessi passivi. 

Banca Carige ha chiuso la giornata con un calo del 6,12% a 0,0046 euro, dopo essere arrivata a perdere il 10% in mattinata. L’agenzia Fitch ha tagliato il rating sulla solidità patrimoniale di Banca Carige, portandolo da "B-" a "CCC+"; il giudizio conferma l'istituto ligure tra gli emittenti speculativi. Secondo gli esperti il fallimento dell'istituto è una "possibilità reale", in quanto l'operazione di rafforzamento del capitale risulta "sfidante", sulla base dell'attuale scenario; Fitch non esclude, quindi, l'ipotesi di un intervento dei regolatori. Le prospettive sul rating per i prossimi trimestri sono "negative" e non è escluso un ulteriore peggioramento nei prossimi trimestri. Banca Carige ha precisato che negli incontri tenuti con i regulators non è mai stato espresso alcun riferimento a una eventuale possibilità di fallimento. Al riguardo del CET1, l'istituto ha precisato che l'indice è in linea con i requisiti previsti dalla vigilanza. La stessa Banca Carige ha comunicato che si è tenuto il programmato vertice con i rappresentanti della BCE. L'istituto ligure ha precisato che l'incontro che è stato costruttivo in ottica di percorso per il rispetto dei requisiti sull’Overall Capital Requirement 2018 e si sono analizzate le prospettive future anche in vista della valutazione di possibili alleanze.

Performance negative anche per Unicredit (-1,78% a 11,938 euro) e IntesaSanpaolo (-2,47% a 2,034 euro). Gli analisti di Santander hanno ripreso la copertura sui due istituti con un prezzo obiettivo rispettivamente di 16,8 euro di 2,5 euro. Gli esperti hanno fissato un rating “Buy” (acquistare) su Unicredit e un giudizio “Hold” (mantenere) su IntesaSanpaolo.

 

Anche oggi vendite su Ferrari. Il titolo del Cavallino Rampante ha lasciato sul terreno il 2,23% a 100,9 euro. Intanto, gli analisti di Jefferies hanno tagliato da 125 euro a 115 euro il prezzo obiettivo, in seguito alla revisione delle stime per i prossimi esercizi e alla modifica dei parametri di valutazione dell’azienda. Gli esperti hanno anche peggiorato da “Buy” (acquistare) a “Hold” (mantenere) il giudizio.

 

Telecom Italia ha registrato un minimo ribasso dello 0,24% a 0,502 euro. MF ha aggiornato sulle ultime novità sul dossier Persidera, la controllata che la compagnia telefonica intende valorizzare. Secondo quanto riportato dal quotidiano finanziario, Telecom Italia, azionista al 70% della società infrastrutturale, e il socio di minoranza Gedi (al 30%) starebbero “valutando le offerte di ISquare, che mette sul piatto 250 milioni per l’asset, e di Rai Way, che però offre solo 200 milioni per l’infrastruttura”. Intanto, gli analisti di Exane hanno limato da 0,38 euro a 0,36 euro il prezzo obiettivo su telecom Italia, confermando il giudizio “Underperform” (farà peggio del mercato). Inoltre, dalle comunicazioni giornaliere fornite dalla Consob si apprende che il 10 ottobre LONE PINE CAPITAL ha ridotto la posizione corta su Telecom Italia portandola dall'1,42% all'1,19%. RENAISSANCE TECHNOLOGIES ha limato dallo 0,5% allo 0,49% lo "short" sulla compagnia telefonica.

 

Astaldi ha subito una flessione del 19,4% a 0,5655 euro, dopo aver terminato la seduta di ieri con un tonfo del 17,5%. Il titolo della società di costruzioni era rimasto congelato al rialzo fino alle ore 15.40.

 

Spicca l’ottima performance di Bialetti Industrie (+16,4% a 0,43 euro). La società ha comunicato di aver sottoscritto con Och-Ziff Capital Investments un accordo vincolante per un’operazione di investimento a favore della società quotata a Piazza Affari per un ammontare complessivo di 40 milioni di euro. In particolare, l’investimento prevede un apporto dell’Investitore al patrimonio netto di Bialetti Industrie per complessivi 5 milioni di euro, tramite partecipazione a un aumento di capitale e/o altre modalità tecniche. All’esito di questo intervento, Och-Ziff Capital Investment deterrà una partecipazione nel capitale di Bialetti Industrie pari al 25%.

Tutti gli articoli su: piazza affari Quotazioni: ASTALDI BCA CARIGE FERRARI
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza 2019: cos'è e come funziona

Reddito di cittadinanza 2019: cos'è e come funziona

Il Reddito di Cittadinanza è quasi al via. Tutto verrà definito dalla legge di bilancio. Vediamo, sulla linea delle ultime novità, a chi spetta e quali sono i requisiti per ottenerlo Continua »

da

ABCRisparmio

Bonus asilo nido: cos'è, chi lo può prendere e a quanto ammonta

Bonus asilo nido: cos'è, chi lo può prendere e a quanto ammonta

Nell’ambito degli interventi normativi volti a sostenere i redditi delle famiglie c'è il cosiddetto bonus asilo nido dell'INPS, un contributo economico per sostenerne le spese Continua »