NAVIGA IL SITO

Seduta positiva per il FTSEMib

Tra i titoli italiani a più grande capitalizzazione segno più per industriali, banche e risparmio gestito. In rialzo Telecom Italia. Vendite su Diasorin dopo il piano 2022

di Mauro Introzzi 11 giu 2019 ore 17:40

mercato-positivo_2Seduta positiva, sul tenore di quella precedente, per i principali indici di Borsa Italiana. In crescita anche le altre borse europee, mentre i maggiori indici Usa viaggiano in territorio positivo. A Piazza Affari tra i titoli a più grande capitalizzazione segno più per industriali, banche e risparmio gestito. Tra i singoli in rialzo Telecom Italia, mentre si sono concentrate le vendite su Diasorin dopo il piano 2022.

Così alla campana di fine contrattazioni il FTSEMib ha messo a segno un rialzo dello 0,61% a 20.610 punti (minimo di 20.483 punti, massimo di 20.705 punti). Il FTSE Italia All Share ha parimenti guadagnato lo 0,61%. Chiusura positiva anche per il FTSE Italia Mid Cap (+0,58%) e per il FTSE Italia Star (+0,22%).

 

CONSULTA le quotazioni dei titoli del SOLMib40

 

Tra i maggiori titoli in rialzo le banche, che hanno prolungato i progressi della seduta precedente anche se i progressi si sono ridotti nel corso del pomeriggio. BPER Banca è salita dello 0,94, BancoBPM dello 0,89%, Unicredit dello 0,23%. Balzo del Credito Valtellinese (+5,5%). Sul Creval non sono stati diffusi comunicati price sensitive né circolano indiscrezioni. La settimana prossima, martedì 18 giugno, i vertici della società presenteranno il piano industriale dell'istituto.

In evidenza i titoli del risparmio gestito. Azimut (+1,1%) ha comunicato di aver chiuso il mese di maggio 2019 con una raccolta netta positiva di circa 164 milioni di euro. Il dato, da inizio anno, evidenzia il raggiungimento così di quota 2 miliardi. Il totale delle masse comprensive del risparmio amministrato si attesta a fine maggio a 54,6 miliardi, di cui 42,2 miliardi fanno riferimento alle masse gestite

Bene Banca Generali (+2,24%).

 

Tra i migliori del FTSEMib c'è stata STM (+2,35). Tra gli altri industriali da segnalare Prysmian (+1,29%) e CNH Industrial (+2,05%).

In salita FCA (+0,94%). Secondo quanto ha scritto MF non sarebbe escluso che i vertici della società possano valutare con Renault la riapertura delle negoziazioni per la fusione già caldeggiata nei giorni scorsi. Cruciale sembra essere la posizione di Nissan, alleata della casa transalpina e partecipata da quest'ultima con una quota rilevante (il 43,5% circa).

Ok anche Telecom Italia (+1,08%). Secondo il Sole24Ore Cdp e il gruppo telefonico avrebbero trovato una quadratura del cerchio sulla valutazione di Open Fiber, che è nell’ordine di 2 miliardi per il 100%. La due società starebbero lavorando per dare vita alla società della rete che dovrà mettere insieme Open Fiber (50% della stessa Cdp e 50% Enel) con la rete Telecom.

 

Vendite su Diasorin (-3,43%). La società della diagnostica ha esaminato ed approvato il piano industriale per il quadriennio 2019-2022. I target economici diffusi dalla società indicano per il periodo di piano ricavi in crescita annua tra il 5% e il 10%, un margine operativo lordo sul fatturato comparabile a quanto registrato nel 2018 e un flusso di cassa cumulato 2019-2022 compreso tra i 700 e i 750 milioni di euro.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Il Reddito di cittadinanza è il nuovo sussidio contro la povertà. Lo si potrà richiedere dal 6 marzo 2019 e verrà distribuito a partire dal 27 aprile. Destinatari, requisiti e importi Continua »

da

ABCRisparmio

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

Il modello 730 precompilato 2019 sarà accessibile online dal 16 aprile. Può semplificare molte cose nella compilazione della dichiarazione dei redditi. Continua »