NAVIGA IL SITO

Indici positivi a Piazza Affari: rialzo minimo per il FTSEMib

Focus sui titoli del settore bancario: in evidenza il BancoBPM e Banca MPS. Performance positiva per FinecoBank. Giornata negativa, invece, per ERG.

di Edoardo Fagnani 11 dic 2023 ore 17:40

trading-grafico_1_1I maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno registrato progressi frazionali nella prima seduta della settimana. Secondo Mark Dowding - Fixed Income CIO, RBC BlueBay AM - potremmo assistere a un dicembre insolitamente intenso, prima che le cose si calmino. "Negli ultimi due mesi abbiamo assistito a movimenti di mercato significativi e, da questo punto di vista, non prevediamo un calo della volatilità fino alla fine dell'anno", ha aggiunto l'esperto.

Il FTSEMib ha guadagnato lo 0,07% a 30.427 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 30.303 punti e un massimo di 30.470 punti. Stessa variazione per il FTSE Italia All Share (+0,07%). Chiusura positiva anche per il FTSE Italia Mid Cap (+0,05%) e per il FTSE Italia Star (+0,49%).

Il bitcoin è sceso sotto i 42.000 dollari (meno di 39.000 euro).

Lo spread Btp-Bund ha oscillato tra i 175 e i 180 punti, con il rendimento del Btp decennale che si è consolidato al 4,05%.

L’euro si è attestato a 1,075 dollari.

 

Focus sui titoli del settore bancario.

Rialzo frazionale per il BancoBPM (+0,78% a 5,028 euro). L'istituto ha comunicato di aver ricevuto la decisione prudenziale, contenente gli esiti aggiornati del processo annuale di revisione e valutazione prudenziale da parte della BCE. In particolare, nel 2024 il requisito complessivo in termini di Common Equity Tier 1 ratio che l'istituto dovrà rispettare su base consolidata è pari al 9,07%. BancoBPM ha ricordato che al 30 settembre 2023 l'istituto superava ampiamente i requisiti prudenziali potendo contare su un Common Equity Tier 1 ratio del 14,33%.

Performance migliore per il Monte dei Paschi di Siena (+2,93%).

 

Giornata decisamente positiva per FinecoBank (+5,26% a 13,61 euro).

 

Chiusura negativa, invece, per ERG (-1,93% a 26,48 euro). Gli analisti di Morgan Stanley hanno ritoccato al rialzo il prezzo obiettivo sulla società energetica, portandolo a 27,3 euro; tuttavia, gli esperti hanno peggiorato ad "Underweight" (sottopesare) il giudizio.

 

Tra le utilities spicca il ribasso di Terna (-1,59%).

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.