NAVIGA IL SITO

Il FTSEMib chiude in rosso la seduta e la settimana

Giornata nervosa per i titoli bancari: IntesaSanpaolo e UniCredit hanno chiuso in rosso, mentre BPER Banca ha guadagnato oltre il 2%. Male CNH Industrial e Stellantis

di Edoardo Fagnani 1 ott 2021 ore 17:44

mercato-rossoI maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno chiuso in rosso una seduta caratterizzata da diversi cambi di direzione. Pierre Veyret – analista tecnico di ActivTrades - non esclude che le recenti brusche correzioni, in parte guidate dal panico dei venditori a seguito di un rally stabile a lungo termine delle azioni, possano essere di breve durata. "Molti investitori a lungo termine potrebbero vedere la situazione attuale come un'occasione per entrare nel mercato a prezzi più convenienti dal momento che i banchieri centrali non hanno ancora annunciato nulla di preciso per quanto riguarda la portata e il ritmo del tapering a venire", ha avvertito l'esperto.

Il FTSEMib ha perso lo 0,27% a 25.615 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 25.276 punti e un massimo di 25.740 punti. Il prinicipale indice di Borsa Italiana ha terminato la settimana con un ribasso dell'1,36%. Il FTSE Italia All Share ha chiuso la giornata in flessione dello 0,16%. Variazioni frazionali per il FTSE Italia Mid Cap (+0,75%) e per il FTSE Italia Star (-0,21%). Nella seduta del 1° ottobre 2021 il controvalore degli scambi è sceso a 2,55 miliardi di euro, rispetto ai 2,94 miliardi di giovedì; sono passate di mano 691.706.803 azioni (753.612.040 nella seduta di giovedì).

Alle 17.30 il bitcoin si era riportato oltre i 47.000 dollari (poco meno di 41.000 euro).

Lo spread Btp-Bund è tornato sotto i 105 punti.

L’euro è risalito a 1,16 dollari.

 

Seduta nervosa per i titoli del settore bancario.

Chiusura in rosso IntesaSanpaolo (-0,18% a 2,449 euro) e UniCredit (-0,21% a 11,476 euro).

Da segnalare il forte progresso di BPER Banca (+2,41% a 1,9795 euro).

 

In forte rialzo Banca Mediolanum (+1,6% a 9,5 euro). La compagnia ha confermato la distribuzione di un dividendo di 0,75333 euro e potrà anche valutare, ove sussistano tutte le condizioni previste, la distribuzione di un acconto dividendo nel quarto trimestre 2021, a valere sui risultati economici definiti alla chiusura del terzo trimestre.

 

Perfromance decisamente negative per CNH Industrial (-3,13% a 14,24 euro) e Stellantis (-1,54% a 16,268 euro).

 

Non si è fermata la discesa di DiaSorin (-3,42% a 175,15 euro). Per il titolo della società di diagnostica si è trattato dell'ottavo ribasso consecutivo.

 

Al MidCap è proseguito il recupero di Autogrill (+7,61%), dopo le indicazioni sull’andamento operativo e finanziario del gruppo della ristorazione nei primi otto mesi del 2021.

 

ePrice ha registrato un scivolone del 12,4% a 0,0493 euro. Con riferimento alla manifestazione di interesse non vincolante ricevuta da parte di un primario operatore italiano del settore della grande distribuzione, la società quotata ha comunicato che l'operatore non ritiene di proseguire nelle negoziazioni relative alla possibile realizzazione dell’operazione alle condizioni definite nella manifestazione di interesse. Inoltre, il consiglio di amministrazione di ePrice, ravvisando che non vi siano le condizioni per esercitare la delega attribuita dall’assemblea di aumentare il capitale per un importo massimo di 10 milioni di euro con esclusione del diritto di opzione, ha deciso di valutare nei tempi più rapidi possibili, le migliori opzioni a tutela dei creditori, degli stakeholder e dell’attività svolta dalla controllata ePrice Operations.

 

Salcef Group ha guadagnato l'8,07% a 18,75 euro. La società ha comunicato che è stata completata l’operazione di collocamento privato, mediante procedura di accelerated bookbuilding, di 2.000.000 azioni ordinarie di nuova emissione rivenienti dall’aumento di capitale con esclusione del diritto di opzione. Le azioni di nuova emissione sono state sottoscritte ad un prezzo unitario di 16 euro, per un controvalore complessivo di 32 milioni di euro.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.