NAVIGA IL SITO

Il FTSEMib chiude in rialzo (ma sotto i massimi intraday)

Il principale indice di Borsa Italiana è tornato ai livelli raggiunti il 19 febbraio 2020, prima dello scoppio della pandemia da Covid-19. Bene banche e petroliferi

di Edoardo Fagnani 1 giu 2021 ore 17:44

mercato-azionario-positivoI maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno terminato la prima seduta del mese di giugno in territorio positivo anche se hanno ripiegato dai massimi intraday, in scia all'avvio incerto di Wall Street.

Il FTSEMib ha guadagnato lo 0,6% a 25.322 punti, dopo aver oscilato tra un minimo di 25.268 punti e un massimo a 25.553 punti. Il principale indice di Borsa Italiana è tornato ai livelli raggiunti il 19 febbraio 2020, prima dello scoppio della pandemia da Covid-19: in quell’occasione il FTSEMib toccò un massimo intraday a 25.483 punti. Il FTSE Italia All Share è salito dello 0,61%. Segno più anche per il FTSE Italia Mid Cap (+0,75%) e per il FTSE Italia Star (+0,17%). Nella seduta del 1° giugno 2021 il controvalore degli scambi è salito a 2,47 miliardi di euro, rispetto agli 1,55 miliardi di lunedì; sono passate di mano 688.536.519 azioni (479.354.533 nella seduta di lunedì).

Alle 17.40 il bitcoin era sceso a 36.200 dollari (circa 29.500 euro).

Lo spread Btp-Bund resta sotto i 110 punti.

L’euro ha sfiorato gli 1,225 dollari.

 

Cattolica Assicurazioni in frazionale progresso (+0,43% a 7 euro) dopo il balzo del 15,1% messo a segno il giorno precedente, in seguito alla decisione di Generali (+0,68%) di promuovere un’offerta pubblica di acquisto volontaria totalitaria avente a oggetto la totalità delle azioni ordinarie della compagnia assicurativa quotata al MidCap.

 

Spunti importanti tra i bancari.

Seduta brillante per la Popolare di Sondrio (+2,51% a 4,164 euro). UnipolSai (+1,79%) ha comunicato che, per effetto di ulteriori acquisti effettuati sul mercato successivamente alla conclusione della procedura di reverse accelerated bookbuilding dello scorso 26 maggio, la partecipazione detenuta direttamente nell'istituto ammonta a 40.850.000 azioni ordinarie, pari a circa il 9,01% del capitale.

Chiusura positiva anche per il BancoBPM (+1,02% a 2,958 euro). Dalle comunicazioni diffuse dalla Consob il 31 maggio 2021 si apprende che il 24 maggio UBS Group ha ridotto allo 0,096% la partecipazione detenuta nel capitale della banca.

Performance migliore per IntesaSanpaolo (+1,2%).

 

Andamento positivo per i titoli del settore petrolifero, dopo che a New York il prezzo del greggio (future con scadenza a luglio 2021) ha superato i 68,5 dollari al barile.

ENI ha guadagnato il 2,37% a 10,294 euro.

Performance migliori per Saipem (+3,98% a 2,143 euro) e Tenaris (+2,7% a 9,582 euro).

 

Spicca il balzo di ePrice (+24,2% a 0,0698 euro), dopo essere rimasta sospesa per eccesso di rialzo per gran parte della seduta. Il consiglio di amministrazione della società ha preso atto della manifestazione d'interesse non vincolante formalizzata da parte di un primario operatore italiano del settore della grande distribuzione, alla realizzazione di un'operazione di investimento in ePrice Operations, società operativa interamente controllata da ePrice.

Tutte le ultime su: piazza affari
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.