NAVIGA IL SITO

Bio-ON & Co, unicorni e razzie in un mercato senza controlli (La Repubblica)

di Edoardo Fagnani 4 nov 2019 ore 07:43 Le news sul tuo Smartphone

borsa_milanoAffari&Finanza, l’inserto economico del lunedì del quotidiano La Repubblica, ha dato ampio spazio al momento attraversato dall’AIM Italia, il listino di Borsa Italiana dedicato alla piccole imprese, dopo lo scandalo giudiziario che ha travolto Bio-ON. Il settimanale finanziario ha ricordato che in estate, prima delle accuse mosse dal fondo Quitessential, la società attiva nel settore delle bioplastiche era arriva a valere circa un miliardo di euro, vale a dire un quinto dell’intera capitalizzazione del listino.

Alla luce di quanto successo, Affari&Finanza si chiede se sia arrivato il momento per l’AIM Italia per rivedere alcune regole, in particolare sui controlli pre e post quotazione, che sono volutamente differenti rispetto alle aziende quotate nel listino principale di Borsa Italiana. A questo proposito il settimana finanziario ha segnalato che a breve Borsa Italiana dovrebbe  valutare possibili modifiche ai regolamenti, una pratica adottata periodicamente dalla società che gestisce il mercato finanziario in Italia. “A inizio 2018 era stato previsto l’obbligo per le società di avere una ricerca, prodotta dallo specialist, almeno due volte l’anno”, ha ricordato Affari&Finanza.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: bio on , aim italia

Guide Lavoro

Unisalute: cos'è e come funziona

Unisalute è una società assicurativa specializzata nella sanità. Fa parte del gruppo Unipol e gestisce numerosi fondi di assistenza sanitaria integrativa e casse professionali

da

ABCRisparmio

Come si effettua il riscatto della laurea

Come si effettua il riscatto della laurea

Il riscatto della laurea consente di considerare validi per la pensione gli anni trascorsi all’università, come se si fosse lavorato anziché studiato Continua »