NAVIGA IL SITO

UBI Banca, i conti 2019 e il dividendo 2020

UBI Banca ha chiuso il 2019 con utili in crescita a 352,9 milioni di euro. I vertici hanno deciso di proporre all'assemblea lo stacco di un dividendo 2020 pari a 0,13 euro

di Mauro Introzzi 10 feb 2020 ore 13:59

ubi-banca_1 UBI Banca ha comunicato di aver chiuso il 2019 con utili in crescita a 352,9 milioni di euro dai 302,4 milioni di euro dell'anno precedente. Cresce la raccolta totale mentre scendono i crediti deteriorati. I vertici hanno deciso di proporre all'assemblea lo stacco di un dividendo 2020 pari a 0,13 euro. La settimana prossima (lunedì 17 febbraio) è prevista la diffusione del piano industriale per il triennio 2020/2022.

 

UBI BANCA, CONTI ECONOMICI DEL 2019

UBI Banca ha chiuso il 2019 con un margine di interesse pari a 1,72 miliardi di euro, in calo dagli 1,79 miliardi del 2018. I proventi operativi si sono attestati a 3,64 miliardi di euro, in salita del 3,4% rispetto all'anno precedente. Il risultato della gestione operativa è stato così pari a 1,27 miliardi di euro, in salita del 18,5% rispetto all'anno precedente.

L’utile al netto delle poste non ricorrenti si è invece attestato a 352,9 milioni, in crescita del 16,7% rispetto all’analogo periodo del 2018.

 

UBI BANCA, DATI PATRIMONIALI A FINE 2019

Al 31 dicembre 2019, i crediti netti verso la clientela erano pari a 84,6 miliardi, in calo rispetto agli 85,2 di fine settembre 2019 e agli 89 miliardi di fine 2018. Disaggregando il dato, i crediti netti in bonis risultavano pari a 80,4 miliardi dagli 80,2 di fine settembre 2018 e dagli 83 miliardi di fine 2018, mentre i crediti deteriorati netti confermano una costante e decisa riduzione, passando a 4,2 miliardi dai circa 5 miliardi di fine settembre 2019 e dai quasi 6 miliardi di inizio 2019 (rispettivamente -16,1% vs settembre 2019 e -30,2% vs inizio anno).

Lo stock di crediti deteriorati totali lordi si è attestato a 6,84 miliardi, in diminuzione del 17,7% rispetto al 30 settembre 2019 e del 29,6% rispetto a fine 2018.

A seguito dei rimborsi per 1,5 miliardi effettuato con valuta 25 settembre 2019 e per 1 miliardo con valuta 18 dicembre scorso, l’esposizione del gruppo verso la BCE a titolo di TLTRO2 è pari a 10 miliardi di euro nominali.

 

RATIO PATRIMONIALI DI UBI BANCA A FINE 2019

Al 31 dicembre 2019, il CET1 si attestava al 12,29% fully loaded rispetto al 12,09% di fine settembre 2019 (e all’11,34% del dicembre 2018). Si rammenta che il ratio fully loaded non include né DTA future né azioni di ottimizzazione. Il ratio phased in risulta sostanzialmente allineato al ratio fully loaded, e pari al 12,34% (era il 12,14% a fine settembre 2019 e l’11,70% a dicembre 2018).

Il Total Capital Ratio del gruppo ammontava al 15,83% fully loaded (era il 15,58% al 30 settembre 2019 e il 13,44% a dicembre 2018) e al 15,88% phased in (era il 15,63% al 30 settembre 2019 e il 13,8% a dicembre 2018). Includendo la recente emissione inaugurale di Additional Tier 1 da 400 milioni di euro (collocata con successo il 13 gennaio 2020), il Total capital ratio si attesterebbe, fully loaded, a oltre il 16,5%.

La somma di CET1, Tier2, Senior Non Preferred e pro-forma per la recente emissione di AT1, porterebbe a un ratio del 19,1% degli RWA a protezione dei detentori di obbligazioni Senior. A fine dicembre 2019 il leverage ratio del gruppo si attestava al 5,44% phased-in e al 5,42% fully loaded.

 

UBI BANCA, IL DIVIDENDO 2020

Il management di UBI Banca ha proposto la distribuzione di un dividendo 2020 (relativo all’esercizio 2019) di 0,13 euro per azione, in aumento rispetto agli 0,12 euro assegnati lo scorso anno, pe un ammontare complessivo di 147,6 milioni di euro. La cedola garantisce un rendimento del 4,4% sul prezzo di chiusura del titolo UBI Banca al 7 febbraio 2020. Il dividendo sarà staccato lunedì 18 maggio 2020 e messo in pagamento il 20 maggio.

 

LE STIME 2020 DI UBI BANCA

In attesa della diffusione del piano industriale per il triennio 2020/2022 (prevista per il prossimo lunedì 17 febbraio), il management di UBI Banca ha segnalato che nel 2020 proseguirà la ricomposizione dei ricavi "core" a favore di una crescita delle commissioni nette rispetto al margine d'interesse.

UBI Banca ha dichiarato che i crediti deteriorati lordi sono attesi in riduzione, aggiungendo che a fine 2019 è iniziata l’analisi di un’operazione di cessione di crediti deteriorati SME per circa 800 milioni di euro lordi, da realizzarsi entro il 2020. Di conseguenza, grazie alla riduzione dello stock di crediti deteriorati, il costo del credito è atteso in significativa riduzione rispetto al 2019.

Infine, l'utile netto del 2020 è stimato superiore a quello del 2019 con conseguente crescita del dividendo.

 

VIDEO: Massiah commenta i dati 2019

Tutte le ultime su: ubi banca , dividendi , bilanci 2019
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Cosa è il Durc e a chi serve

Il Durc (Documento Unico di Regolarità Contributiva), serve ad attestare la regolarità dei versamenti dovuti a Inps e Inail

da

ABCRisparmio

Cosa è e a cosa serve l'Isee

Cosa è e a cosa serve l'Isee

L’Isee è una sorta di "carta di identità" economica in base alla quale la pubblica amministrazione valuta se un cittadino ha diritto o meno a determinate prestazioni o agevolazioni Continua »