NAVIGA IL SITO

Bialetti approva il nuovo piano industriale e una manovra finanziaria

di Redazione Lapenna del Web 20 lug 2021 ore 07:55 Le news sul tuo Smartphone

bialetti_2Bialetti Industrie ha comunicato di aver sottoscritto, a seguito del nuovo piano industriale e della nuova manovra finanziaria, un nuovo accordo di ristrutturazione dei debiti con Sculptor Ristretto Investments, veicolo di investimento gestito e amministrato in ultima istanza da Sculptor Capital, Moka Bean, AMCO - Asset Management Company, Banca Finanziaria Internazionale, Loan Agency Services, Bialetti Holding e illimityBank.

Il piano nasce con l'obiettivo di far fronte alla situazione di crisi connessa all'emergenza sanitaria da Covid-19, la quale ha reso impossibile adempiere alle obbligazioni di pagamento e dall'accordo di ristrutturazione del 2019, oltre che dal prestito obbligazionario non convertibile senior.

Il management della società si è attivato per trovare soluzioni che si sono tradotte in quanto segue:

  • La predisposizione di un nuovo piano industriale, economico e finanziario per gli esercizi 2020-2024, in continuità con il piano approvato nel 2019 e sotteso all'accordo di ristrutturazione 2019, ma che al contempo riflette le ripercussioni derivanti dall'emergenza pandemica.
  • Lo studio di una manovra finanziaria con oggetto una nuova ristrutturazione dell'indebitamento finanziario, il rafforzamento patrimoniale di Bialetti e l'iniezione di risorse finanziarie per il risanamento della posizione debitoria.
  • Le interlocuzioni con investitori di primario standing disponibili a contribuire al rafforzamento finanziario e patrimoniale (illimityBank e AMCO).
  • Le negoziazioni con Ristretto, AMCO e Moka Bean per modificare le condizioni dell'accordo di ristrutturazione 2019.

Contestualmente al nuovo piano industrale 2020-2024 Bialetti, è stata approvata la focalizzazione del gruppo sul settore del caffe, con l'espansione su mercati ad alto potenziale come Stati Uniti, Germania, Cina e Russia. Pianificati anche la razionalizzazione la riduzione del numero dei punti vendita, investimenti per la valorizzazione del marchio e l'espansione sui mercati esteri e sul digitale.

Nel nuovo accordo di ristrutturazione, in riferimento ai 64 milioni di euro di debiti, sono state prese le seguenti decisioni:

  • La remissione da parte di illimity e AMCO di crediti per circa 20 milioni di euro, pari al 35% del debito chirografario;
  • La conversione in strumenti finanziari partecipativi equity del 14% dei crediti vantati nei confronti di illimity per circa 5 milioni di euro, e da AMCO per circa 3 milioni di euro, per un totale di 8 milioni di euro.

È inoltre prevista un'iniezione di capitali derivante dall'emissione di un prestito obbligazionario non convertibile senior (prestito obbligazionario Illimity) per complessivi 10 milioni di euro, che sarà sotto sottoscritto integralmente da illimity.

Bialetti ha anche concordato il riscadenziamento delle obbligazioni sul prestito obbligazionario Sculptor, fissato ora al 28 novembre 2024, e dell'indebitamento chirografario della società pari a 37 milioni di euro.

Il nuovo piano industriale prevede inoltre la dismissione di asset funzionali a una maggiore focalizzazione del business della società sulla promozione e vendita dei prodotti a maggior marginalità, tra cui i prodotti del segmento caffè.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: bialetti