NAVIGA IL SITO

BancaEtruria presenta gli obiettivi 2004 e i risultati del IV trimestre

di La redazione di Soldionline 26 feb 2004 ore 13:16 Le news sul tuo Smartphone
Nel corso dell’evento STAR organizzato da Borsa Italiana, il Direttore Generale di BancaEtruria Luca Simoni presenta i dati del budget 2004 ed i risultati consolidati ed individuali del quarto trimestre 2003. Per il Gruppo Etruria il margine d’interesse nel 2004 è previsto a circa 140 milioni di euro, mentre quello di intermediazione a 260 milioni di euro, con una crescita che in entrambi i casi sarà superiore al 4%. Sempre per il 2004 è previsto in aumento anche il risultato lordo di gestione (+25,75% a 93,8 milioni di euro circa) e l’utile lordo da attività ordinaria (+33,5% a oltre 55 milioni di euro). L’indice ROE è stimato in crescita dal 6,5% del 2003 a circa il 9% nel 2004.
Nel corso dell’incontro Simoni presenterà i risultati raggiunti nel 2003 attraverso l’implementazione del Piano Industriale e gli interventi qualificanti previsti per il 2004:
l’apertura di nuove filiali
lo sviluppo della Rete di Promotori Finanziari
l’esternalizzazione dei servizi di credito al consumo e dei prestiti personali
l’ulteriore focalizzazione verso il segmento Retail della clientela
il rafforzamento del Governo dei rischi
l’evoluzione del sistema informativo
Nell’ultimo trimestre del 2003 a livello consolidato si è evidenziata una dinamica positiva di tutti i principali margini economici in cui spiccano l’incremento del risultato lordo di gestione (+61,9%) e dell’utile ordinario (+83,7%) che raggiunge oltre 41 milioni di euro su base annua. Il rapporto cost/income è passato da 80,82 del dicembre 2002 a 69,79, dovuto tra l’altro alla costituzione di un unico centro di acquisto con risparmi per 1,5 milioni di euro circa e agli interventi di efficentamento attuati sulla rete dei promotori finanziari. In questo caso, l’azione della Banca è stata mirata al riallineamento del pay out passato dal 120% all’87% e alla revisione dei livelli commissionali con un risparmio di 3,9 milioni di euro.
Per la Capogruppo BancaEtruria, l’utile da attività ordinarie si attesta a 4,694 milioni di euro e fa salire la stima al 31/12/03 a 33,831 milioni di euro (+49,03 sul 31/12/02), le rettifiche e gli accantonamenti raggiungono i 42,51 milioni di euro. Le sofferenze passano da circa 115 milioni di euro del 2002 a circa 131 milioni delle stime a fine 2003, per effetto della politica prudenziale adottata dalla Banca e per l’andamento della congiuntura economica non ancora favorevole. Nel corso dell’esercizio BancaEtruria ha anche ceduto pro soluto crediti in sofferenza per circa 43 milioni di euro netti.
Tra gli aggregati patrimoniali si segnala la crescita della raccolta gestita che sale del 26% raggiungendo 1.357 milioni di euro per effetto della azione di trasformazione della raccolta amministrata. Gli impieghi economici aumentano a 3.542,94 milioni di euro (+7,98%).
“I risultati raggiunti nel 2003 acquistano maggiore valenza se si considera che sono il frutto della gestione ordinaria, i proventi delle operazioni straordinarie sono stati infatti interamente accantonati”, commenta Luca Simoni. “Inoltre lo sviluppo dei volumi è stato costante durante tutto l’anno a ulteriore conferma della crescita strutturale che ha visto protagonista BancaEtruria”.
BancaEtruria infine annuncia che la partecipata Mecenate Leasing srl sta perfezionando per un controvalore di 207,5 milioni di euro la cartolarizzazione di un portafoglio crediti in bonis erogati dalle controllate Etruria Leasing e Aci Leasing. Le due società il 31 dicembre 2003 hanno completato il loro processo di fusione, per cui attualmente la partecipazione di BancaEtruria in Etruria Leasing è pari al 98,50%. Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.