NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » Banca Carige, i conti del primo trimestre 2018

Banca Carige, i conti del primo trimestre 2018

Banca Carige ha chiuso il primo trimestre 2018 con proventi in calo e utili in crescita rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. CET1 ratio phased-in al 12,1%

di Mauro Introzzi 11 mag 2018 ore 14:32

Banca Carige ha chiuso il primo trimestre 2018 con proventi in calo e utili in crescita rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Secondo quanto evidenziato dalla nota dello stesso gruppo l'istituto si ripresenta al mercato in utile dopo 5 anni grazie alla piena realizzazione delle azioni strategiche previste nel Piano Industriale 2017-2020.

 

CARIGE, CONTI DEL PRIMO TRIMESTRE 2018

Banca Carige ha chiuso il primo trimestre 2018 con proventi operativi pari a 135,2 milioni di euro, in calo dell'8,5% rispetto allo stesso periodo del 2017 e in miglioramento del 18,5% rispetto all’ultimo trimestre del 2017.

Il margine operativo lordo è stato pari a 17,5 milioni di euro, sostanzialmente in linea con il risultato di 12 mesi prima mentre il margine operativo netto ha toccato i 4,6 milioni rispetto al rosso di 53,6 milioni di euro dello stesso periodo del 2017.

banca-carige-logoIl periodo si è così chiuso con un utile di periodo di pertinenza della capogruppo pari a 6,4 milioni di euro, in grande miglioramento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, chiuso con una perdita di 41,1 milioni di euro.

 

CARIGE, AGGREGATI PATRIMONIALI DEL PRIMO TRIMESTRE 2018

La provvista globale, che include la raccolta diretta e i debiti verso banche, ammontava a fine marzo a 20,5 miliardi, in calo del 4,7% rispetto al 31 dicembre 2017. L’ammontare complessivo del rifinanziamento con BCE, il TLTRO 2 risultava pari a 3,5 miliardi di euro.

I crediti deteriorati lordi per cassa alla clientela ammontano a 4,7 miliardi, stabili sui livelli di dicembre 2017. L’NPE ratio lordo si attesta al 26,7% e l’NPE ratio netto al 15,6%.

La percentuale di copertura dei crediti deteriorati per cassa verso clientela è pari al 49,7%, rispetto al 44,8% registrato a fine 2017.

 

CARIGE, RATIO PATRIMONIALI A FINE MARZO 2018

L’indicatore di solidità patrimoniale CET1 ratio phased-in è pari al 12,1%, superiore sia alla soglia minima del 9,625% richiesta da BCE, sia alla soglia inclusiva della Pillar 2 capital guidance, pari all’11,175%. Il Total Capital ratio phased-in si attesta al 12,3% superiore al requisito regolamentare, ma inferiore al target SREP 2018 (13,125%).

Il perfezionamento delle operazioni straordinarie, in corso di esecuzione, previste dal Piano Industriale 2017-2020 consentirà il superamento di tale soglia.

 

CARIGE, STIME SUL 2018

Nelle slide di presentazione dei risultati trimestrali ci sono le stime sui conti dell'intero 2018. I vertici ritengono che l'anno si possa chiudere con un utile netto di 28,8 milioni di euro, una previsione leggermente rivista al rialzo rispetto a quanto preventivato nel piano industriale (pari a 25 milioni di euro).

 

CARIGE, PRESTO UN BOND SUBORDINATO?

Secondo quanto indicato dal responsabile finanziario dell'istituto durante la conference call sui conti trimestrali, nelle prossime settimane Banca Carige valuterà le condizioni di mercato per una eventuale emissione di bond subordinati dopo una trimestrale definita "buona".

Tutti gli articoli su: banca carige , primo trimestre 2018 Quotazioni: BCA CARIGE
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.