NAVIGA IL SITO

Lindbergh, conosciamo meglio la società

L'azienda è specialista nella consegna notturna per i tecnici manutentori dell’industria e della manifattura. Attualmente Lindbergh è attiva mediante tre business unit trasversali

di Edoardo Fagnani 21 dic 2021 ore 10:25

lindberghDoppio esordio all’Euronext Growth Milan (ex AIM Italia) nella seduta di lunedì 20 dicembre 2021. Lindbergh ha debuttato contemporaneamente a Estrima nel listino dedicato alle PMI dinamiche e competitive, a seguito del collocamento di complessive 2.675.000 azioni ordinarie, di cui 2.499.000 azioni in aumento di capitale (147mila riservate a Green Consulting) e 176.000 azioni collocate nell’ambito dell’esercizio dell’opzione di over-allotment.

Il prezzo di collocamento delle azioni Lindbergh era stato fissato a 1,7 euro, con una capitalizzazione di mercato post money pari a 14,45 milioni di euro.

Il controvalore complessivo delle risorse raccolte attraverso il collocamento è pari a 4,55 milioni di euro, di cui 4,25 milioni in aumento di capitale. La raccolta (inclusiva dell’opzione di over-allotment) ha generato una domanda pari a circa 4 volte l’offerta.

 

LINDBERGH – L’ATTIVITA’

Lindbergh opera nel settore del Field Service Management, le cui attività rientrano nel mercato del Maintenance, Repair & Operations (MRO).
L'azienda, operativa in Italia e in Francia, è specialista nella consegna notturna per i tecnici manutentori dell’industria e della manifattura, ma nel corso degli anni ha ampliato la propria area di servizi.

Attualmente Lindbergh è attiva mediante tre business unit trasversali:

  • Network management (core business), che riguarda la vendita ai tecnici manutentori itineranti di servizi e prodotti, forniti tramite consegna notturna direttamente a bordo dei veicoli in uso (servizio in-boot in-night entro le 7 del mattino).
  • Waste management, che riguarda il servizio di gestione di tutte le procedure riguardanti il ciclo di vita dei rifiuti, anche speciali.
  • Warehouse management, che gestisce l’esecuzione di operazioni logistiche e di stoccaggio riguardanti carrelli elevatori nuovi e usati dei clienti.

 

LINDBERGH – I DATI DI BILANCIO

Lindbergh ha fornito alcuni dati finanziari relativi al 2020 e al primo semestre 2021.

Nel dettaglio, la società ha terminato lo scorso anno con un valore della produzione di 9,07 milioni di euro, in aumento dell’11% rispetto agli 8,16 milioni ottenuti l’anno precedente. In forte miglioramento anche il margine operativo lordo (+24%), passato da 1,04 milioni a 1,29 milioni di euro; di conseguenza, la marginalità è salita al 14%. Lindbergh ha terminato il 2020 con un utile netto di 794mila euro, rispetto ai 559mila euro contabilizzati l’anno precedente.

Nei primi sei mesi del 2021 il valore della produzione di Lindbergh è aumentato del 20% a 5,26 milioni di euro, mentre il margine operativo lordo è balzato del 35% a 879mila euro, portando la marginalità al 17%. La società ha terminato il semestre con un utile netto di 559mila euro.

A fine giugno 2021 l’indebitamento netto di Lindbergh era salito a 749mila euro, rispetto ai 570mila euro di inizio anno.

Nel documento di ammissione delle azioni all’Euronext Growth Milan Lindbergh ha precisato che al momento non ha adottato alcuna politica in merito alla distribuzione di dividendi. Nel documento di ammissione il management ha segnalato che nel corso degli ultimi tre esercizi ha distribuito dividendi per complessivi 1,56 milioni di euro, corrispondenti a circa l’80% dell’utile cumulato nel triennio 2018/2020.

 

LINDBERGH – LA STRATEGIA

Nel documento di ammissione delle azioni all’Euronext Growth Milan Lindbergh ha segnalato che l’obiettivo principale dell’azienda è quello di completare il processo di realizzazione di un vero e proprio marketplace per tutti i prodotti e servizi di cui possano necessitare i suoi clienti e utenti. Di conseguenza, il management ritiene che la miglior strategia di sviluppo del gruppo dovrà essere attuata secondo sette distinte linee di azione:

  • Investimenti in tecnologia high-value.
  • Rafforzamento della struttura commerciale e incremento dell’attività di marketing.
  • Ampliamento della community di FSEs (Field Service Engineer, tecnici manutentori operanti sul campo, le cui prestazioni sono eseguite in luoghi esterni rispetto ai locali dell’azienda cui fa capo).
  • Incremento di up-selling (offerta di prodotti e servizi a maggiore valore aggiunto rispetto a quelli a cui il cliente è interessato o che ha già acquistato) e cross-selling (offerta di prodotti e servizi complementari rispetto a quelli a cui il cliente è interessato o che ha già acquistato).
  • Ideazione e implementazione di nuovi servizi.
  • Internazionalizzazione.
  • Operazioni di acquisizione.
Tutte le ultime su: euronext growth milan , lindbergh
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.