NAVIGA IL SITO

Aumento capitale Trevi Fin: le caratteristiche

L'aumento di capitale è finalizzato a rafforzare la struttura patrimoniale e finanziaria del gruppo, al fine di consentire di cogliere e perseguire le opportunità di sviluppo

di Edoardo Fagnani 20 ott 2014 ore 11:22

Trevi Fin chiede nuove risorse ai propri azionisti. La società ha lanciato un aumento di capitale, con l'obiettivo di raccogliere nuove risorse per circa 198,6 milioni di euro (al lordo dei costi dell'operazione).

AUMENTO CAPITALE TREVI FIN – LE MOTIVAZIONI DELL'OFFERTA
Nel prospetto informativo la società ha precisato che l'aumento di capitale è finalizzato a rafforzare la struttura patrimoniale e finanziaria del gruppo, al fine di consentire di cogliere e perseguire le opportunità di sviluppo nei relativi mercati di riferimento. Nel dettaglio, i proventi saranno prioritariamente destinati a supportare lo sviluppo delle attività del gruppo nel medio periodo, mediante finanziamento di acquisizioni e progetti di sviluppo per un ammontare complessivo di circa 100 milioni di euro.
trevifin2Inoltre, Trevi Fin intende accrescere la propria capacità di accedere a nuovi e ulteriori segmenti di mercato, riferibili sia al Settore Trevi sia al Settore Drillmec. A questo riguardo, il management stima che l’accesso a nuovi segmenti di mercato possa determinare un incremento nel medio periodo del capitale investito netto consolidato. Il gruppo intende destinare 44 milioni di euro al finanziamento di questi incrementi.
I vertici dell'azienda hanno precisato che, in caso di mancata integrale sottoscrizione dell’aumento di capitale, la destinazione dei relativi proventi netti non muterà rispetto a quanto sopra indicato, mentre saranno ridotti proporzionalmente gli importi complessivi.

AUMENTO CAPITALE TREVI FIN – GLI IMPEGNI DEGLI AZIONISTI
Sempre nel prospetto informativo la società ha segnalato che il 16 ottobre 2014 ha ricevuto quattro distinti impegni di sottoscrizione, irrevocabili e incondizionati, di Trevi Holding, Davide Trevisani, Fondo Strategico Italiano e FSI Investimenti, senza vincolo di solidarietà, relativi all’esercizio dei diritti di opzione che sono stati oggetto del contratto di investimento e di cui ciascuno sarà titolare successivamente all’esecuzione del contratto. Questi impegni hanno ad oggetto la sottoscrizione al prezzo di offerta di azioni pari al 29,1% del capitale di Trevi Fin.

AUMENTO CAPITALE TREVI FIN – Date e caratteristiche dell’offerta

AUMENTO CAPITALE TREVI FIN.
   
Numero massimo di azioni emesse 94.588.965
Numero azioni alla data del prospetto 70.194.300
Numero azioni in caso di integrale sottoscrizione 164.783.265
Prezzo di sottoscrizione 2,1 euro
Sconto su prezzo teorico ex diritto calcolato alla chiusura del 16 giugno (5,14 euro) 34,47%
Rapporto di assegnazione 27 azioni ogni 20 diritti posseduti
Percentuale di nuove azioni su totale azioni ordinarie ante aumento 135%
   
Controvalore complessivo dell'operazione 198.636.827 euro
Spese relative all'operazione circa 5.900.000 euro
Controvalore complessivo netto dell'operazione circa 192.700.000 euro
Percentuale di spese sul totale dell'operazione circa il 2,97%
Capitale sociale in caso di integrale sottoscrizione 82.391.632,5 euro
   
Prezzo di chiusura di venerdì 17 ottobre 4,768
Valore di rettifica 0,67854848
Prezzo dell'azione all'avvio dell'aumento di capitale 3,236 euro
Prezzo dei diritti all'avvio dell'aumento di capitale 1,533 euro
Codice ISIN diritti IT0005057333
   
Inizio aumento capitale lunedì 20 ottobre 2014
Termine quotazione diritti venerdì 31 ottobre 2014
Termine aumento di capitale giovedì 6 novembre 2014
Comunicazione dei risultati dell’Offerta Entro 5 giorni dal termine del periodo di opzione
Assegnazione delle azioni Al termine del periodo di opzione
   
Consorzio di garanzia SI
Coordinatori del consorzio di garanzia Banca IMI -BNP Paribas - Unicredit
Impegni di sottoscrizione Trevi Holding, Davide Trevisani, Fondo Strategico Italiano e FSI Investimenti (sul 29,1% del capitale)

 

Tutte le ultime su: trevi , aumento trevi
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »