NAVIGA IL SITO

FTSEMib: una chimera, non probabilità

Finito il trend di breve periodo, capiamo, senza farci condizionare da nulla che non sia oggettivo, dove andrà il mercato italiano.

di Fabio Pioli 9 ott 2023 ore 11:57

Di Fabio Pioli, trader professionista, ideatore di Miraclapp, la più grande piattaforma del reddito extra

analisi-economiaPossiamo finalmente svelare le posizioni aperte da Miraclapp di cui si è parlato negli ultimi due articolo (articoli “FTSEMib: equilibrio fortemente instabile” e “FTSEMib: partenza rimandata a questa settimana”).

Una già la sapete: era lo short sul titolo A2A, chiusa con un guadagno percentuale del 5,21% (e un guadagno rispetto al rischio sostenuto di oltre il 70%).

L’altra ancora aperta al tempo, e che non avevamo comunicato, giustamente, per non confondere (non sapevamo dove e quando l’ avremmo chiusa) era uno short prorpio sull’indice italiano FTSEMib, chiuso invece la scorsa settimana con un +3,26% di guadagno (+116% rispetto al rischio sostenuto (quindi la seconda operazione è migliore della prima nonostante la percentuale di discesa minore)) cui va aggiunto uno short su ENI fatto in settimana con un guadagno dell'1,25%.

Come si collega tutto questo al titolo dell’articolo? Che nel fare queste operazioni Miraclapp non ha inseguito chimere, ma probabilità. Oltre a non entrare su opinioni, non è uscita in base ad opinioni ma lo ha fatto perche le probabilità di ulteriore guadagno, se prima erano superiori all’80%, adesso divenivano sconosciute.

Se traduciamo questo in discorso logico, non sapevamo più se il mercato sarebbe sceso, sarebbe salito o sarebbe rimasto fermo.

Se traduciamo invece tutto questo graficamente, ciò significa che il mercato ha terminato un trend di breve periodo, ma nel lungo periodo è ancora in equilibrio: non è ribassista: i supporti di lungo periodo di area 28.000 non sono stati rotti. Oggettivamente (Figura 1).

analisi-tecnica-ftsemib-9-ottobre-2023-1

Fig 1. Future FTSEMib – Grafico settimanale

 

Può andare quindi sia su forte sia giù forte, come prima delle nostre operazioni.

Ci sono invece persone che sono rimaste short seguendo una chimera o che, al contrario hanno comprato seguendo una chimera, non probabilità.

Non funziona. Nel breve periodo ovviamente funziona perché una delle due direzioni verrà presa ma nel lungo periodo non funziona perché ci si ritroverà prima o poi con il famoso titolo chimera in portafoglio, che perde almeno il 30-50%, di cui si credevano chissà quali mitologiche potenzialità ma in realtà era appunto una chimera. Nulla di oggettivo.

Per ultimo, come si noterà, non parlo di guerra/guerre o altre notizie. Anche ritenere che un singolo evento estero possa condizionare le scelte di milioni di individui, ognuno con la propria testa e le proprie convinzioni è una chimera.

Perché la scienza, che imperversa in tutti i campi della nostra vita, nei mercati non ha il suo posto ma è ancora presente la mitologia?

 

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà. L'autore comunica che la presente esposizione presenta informazioni che potrebbero potenzialmente suggerire implicitamente o esplicitamente una strategia di investimento riguardante uno o più strumenti finanziari e pareri sul valore o il prezzo attuale o futuro di tali strumenti ed è da intendersi come una comunicazione di marketing. In quanto tale non rappresenta una ricerca preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l'indipendenza di una ricerca in materia di investimento e non è soggetta a nessun divieto che proibisca le negoziazioni da parte degli analisti e dei soggetti rilevanti prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.
Tutte le ultime su: analisi tecnica
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.