NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » FTSEMib: i mercati non votano

FTSEMib: i mercati non votano

I mercati non reagiscono; agiscono. Sono retti da leggi naturali per cui il movimento che inizia oggi è già nato un anno fa e, pertanto si può già dire adesso quello che accadrà domani

di Fabio Pioli 6 ago 2018 ore 10:47

Di Fabio Pioli, trader professionista, presidente dell’Associazione Italiana Traders e Piccoli Risparmiatori e fondatore di CFI Consulenza Finanziaria Indipendente (www.cfionline.it)

 

Facciamo il punto della situazione dopo il turno di sosta della scorsa settimana.

 

Ci troviamo al cospetto di un lunghissimo movimento laterale. Esso perdura da ben 48 settimane, pari a 12 mesi. Ebbene sì. Un anno (Figura 1).

 

analisi-tecnica-ftsemib-6-agosto-2018-1

Fig 1. Future FTSEMib – Grafico settimanale

 

La cosa non stupisca perché fa parte del paradosso del mercato: esso viene percepito come volatile e invece ha la caratteristica di non esserlo per il 90% del tempo.

analisi-tecnica_10Non deve generare meraviglia perché l'assenza di oscillazioni serve a non mettere in utile la maggior parte delle persone, aumentandone i dubbi.

Era una cosa, tra l'altro, già conosciuta negli anni ’30 da William Gann, che citava un suo conoscente che faceva una sola operazione all'anno, la chiudeva, poi andava in vacanza e tornava l'anno successivo per una nuova operazione.

 

Il corollario a tale teorema è il fatto che ci sarà una prossima grossissima oscillazione.

Naturalmente non si conosce la direzione e non si deve conoscere anzitempo ma sarà molto molto grossa a motivo della proporzionalità tra laterale e direzionalità (Figura 2):

 

analisi-tecnica-ftsemib-6-agosto-2018-2

Fig 2. Future FTSEMib – Grafico settimanale

 

E mi raccomando: non si cerchi di prenderla senza avere le probabilità a favore: il giochetto del laterale serve appunto a concedere abbastanza tempo affinchè i meno pazienti sbaglino.

D'altra parte, se l'83% dei fondi globali attivi non fa meglio dei vari indici azionari (fonte studio annuale di Standard and Poor’s e Dow Jones), considerando un arco di tempo di ben 15 anni, e si parla di professionisti, perché voi dovreste fare meglio di loro?

 

Quello che non vorrei che accadesse questa volta è però il contesto che accompagnerà il movimento.

Non vorrei che i soliti collegassero la forte direzionalità ad altri eventi con frasi tipo “i mercati accolgono la notizia”, “i mercati votano”, “la notizia piace/non piace ai mercati”.

C’è tanto ignoranza dietro queste frasi. Ricordatevi: i mercati non votano, non hanno la matita in mano.

I mercati non reagiscono; agiscono. Sono retti da leggi naturali per cui il movimento che inizia oggi è già nato un anno fa e, pertanto si può già dire adesso quello che accadrà domani.

Per quello molti guadagnano e per quello, dopo il laterale, un grosso movimento ci sarà.

 

Strumenti di analisi: supporti e resistenze statici, studio lateralizzazioni.

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutti gli articoli su: analisi tecnica
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza 2019: cos'è e come funziona

Reddito di cittadinanza 2019: cos'è e come funziona

Il Reddito di Cittadinanza è quasi al via. Tutto verrà definito dalla legge di bilancio. Vediamo, sulla linea delle ultime novità, a chi spetta e quali sono i requisiti per ottenerlo Continua »

da

ABCRisparmio

La cedolare secca spiegata in tre minuti

La cedolare secca spiegata in tre minuti

In questa guida vediamo cos'è e come funziona la cedolare secca sui contratti di locazione, le sue aliquote, le novità introdotte per il 2018 e il cosiddetto decreto Airbnb Continua »