NAVIGA IL SITO

FTSEMib: dalla padella alla brace

L’indice italiano, con il suo future ha tenuto i 20.030 punti. Questo dato tecnico non induce a ottimismo ma neanche a pessimismo; semplicemente a ponderare bene le scelte.

di Fabio Pioli 17 ott 2022 ore 11:45

Di Fabio Pioli, trader professionista, ideatore di Miraclapp, la più grande piattaforma del reddito extra analisi-tecnica_11

Mentre il future sul FTSEMib ha tenuto in settimana i sui supporti tecnici di 20.030 (lo vedremo dopo), analizziamo uno dei comportamenti che alcuni (non molti per fortuna ma solo i più “reattivi”) stanno tenendo in questo periodo: il passaggio dall’azionario ai BTP.

Alcuni di fronte alla constatazione della propria impossibilità (per inesperienza e non professionalità, mancanze scusabili, naturalmente) di guadagnare sull’azionario e ritenendo il periodo “storico” pericoloso (cosa che è vera perché ogni periodo storico lo è) hanno smobilizzato o pensano di smobilizzare la loro posizione in titoli azionari per investire in obbligazioni di stato italiano, rischiando di cadere così dalla padella alla brace, come si suol dire.

Non solo perché, effettivamente, rimanendo sull’azionario, fino ad ora, avrebbero fatto meglio perdendo di meno (chi ha investito a fine luglio su BTP ha una perdita, variabile a seconda della scadenza, che va da un -4,04% ad un -21,86% contro un -2,19% dell’indice italiano FTSEMib, che sostanzialmente ha tenuto), ma soprattutto se ci si raffronta ai rischi che si corrono per il futuro.

L’Italia è infatti esposta direttamente a un incombente rischio downgrading e contemporaneamente (e in maniera collegata) ad un rischio insolvenza dovuto al possibile aumento dei tassi.

 

Il rischio downgrading (abbassamento del rating) è stato recentemente ventilato come “probabile” dalla società di rating Moody’s, che chiama il rating dell’Italia "Baa3", solo un gradino, secondo la sua scala, sopra il non investment grade o area di non investimento. In altre parole un abbassamento del rating scatenerebbe in automatico una serie di vendite da disinvestimento da parte dei fondi pensione e fondi comuni e Sicav mondiali che per contratto non avessero la possibilità di investire in strumenti speculativi, come diverrebbero i BTP in tale scenario.

Ci si può immaginare il crollo di valore dei titoli di Stato italiani..

Il rischio insolvenza è legato alla difficoltà del pagamento degli interessi che avrebbe l’Italia se i tassi effettivi salissero ancora. Si calcola che con tassi effettivi all’8% l’ Italia dovrebbe sopperire a 100 miliardi di euro ogni anno solo per il pagamento di interessi sul debito pregresso.

 

Quindi quei pochi che hanno cambiato cavallo, non hanno, a mio avviso, stimato bene i rischi.

Perché invece non restare sull’azionario e cavalcare invece i movimenti anziché subirli?

Sì perché questo avrebbe il vantaggio di essere liquidi con i soldi sul conto corrente, entrare ed uscire dai titoli (solo al rialzo o anche al rialzo e al ribasso) quando è opportuno (leggi “quando è probabile guadagnare”) e poi tornare nuovamente liquidi con i soldi sul conto corrente.

 

Ad esempio, sul mercato italiano, ci sono stati, a fronte di questo -2,19% dell’indice italiano, dei titoli che hanno fatto bene prima al ribasso e poi al rialzo. Perché non prendere (o cercare di prendere, con i quantitativi giusti e gli stop-loss) queste oscillazioni?

Nell’analisi tecnica, ad esempio, il livello più importante, come scritto su queste pagine nelle scorse settimane, era 20.030 del future sull’indice italiano. Questo livello, nonostante l’aggressione di giovedì scorso che ha portato i prezzi a 20.080, è stato tenuto (Figura 1).

analisi-tecnica-ftsemib-17-ottobre-2022-1

Fig 1. Future FTSEMib – Grafico giornaliero

 

Da lì è iniziata una reazione, che ha portato ai valori attuali di 20.900 punti. Perché non cavalcare questa reazione? (come abbiamo fatto noi con un titolo azionario). Perché non cavalcare il prossimo movimento?

Infatti sebbene alcuni pensino (e io mi sono sempre battuto contro questo) che operare bene sui mercati finanziari significhi “prevedere” (e le previsioni indicano che siamo in onda 3 di 3 quindi che si dovrebbe scendere, anzi crollare (Figura 2)

analisi-tecnica-ftsemib-17-ottobre-2022-2

Fig 2. Future FTSEMib – Grafico settimanale

 

Operare bene sui mercati finanziari significa invece seguire: seguire i prezzi, che ti indicano dove ti porteranno con affidabilità conosciuta in anticipo.

Quindi non si rischi di fare qualcosa senza conoscerne la matematica: si rischia di passare dalla padella alla brace.

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà. L'autore comunica che la presente esposizione presenta informazioni che potrebbero potenzialmente suggerire implicitamente o esplicitamente una strategia di investimento riguardante uno o più strumenti finanziari e pareri sul valore o il prezzo attuale o futuro di tali strumenti ed è da intendersi come una comunicazione di marketing. In quanto tale non rappresenta una ricerca preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l'indipendenza di una ricerca in materia di investimento e non è soggetta a nessun divieto che proibisca le negoziazioni da parte degli analisti e dei soggetti rilevanti prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

 

Tutte le ultime su: piazza affari , analisi tecnica
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.