NAVIGA IL SITO

FTSEMib: nodi al pettine

In questo articolo sono individuati gli elementi più importanti di inizio anno. Avere queste prospettive, evitare questi errori ed adottare questi comportamenti rappresenterà la chiave di volta del 2024

di Fabio Pioli 15 gen 2024 ore 12:06

Di Fabio Pioli, trader professionista, ideatore di Miraclapp, la più grande piattaforma del reddito extra

analisi-mercato_1Abbiamo già parlato più volte di psicologia su queste pagine, ultima la scorsa settimana quando è stato rilevato il più facile errore che può essere fato quest’anno, che è portato dal pericolo dell’ abitudine (vedi articolo della scorsa settimana “FTSEMib: il pericolo dell’abitudine”).

E’ importante parlarle perché è proprio la psicologia umana che crea le oscillazioni, non sono le notizie esterne o altre condizioni indipendenti dal mercato: sono le componenti interne del mercato che determinano le dinamiche dello stesso.

E in particolare, come detto, lo stato psicologico creato dalle oscillazioni passate dei prezzi.

Ecco che (e non è un fenomeno nuovo) la stabilità dei prezzi fa tendere ad uno stato di tranquillità e di mancanza di timore.

Ecco che si giungerà dunque impreparati alla fase in cui le oscillazioni forti si manifesteranno.

 

Alcuni, come detto hanno già sbagliato nel corso del 2023: sono fatti trovare impreparati rispetto alle accelerazioni rialziste di alcuni titoli e li hanno venduti senza doverlo fare oppure hanno tenuto in portafoglio titoli che queste manifestazioni rialziste non le hanno proprio pensate, trascurando un rischio che ancora corrono, anzi, in misura maggiore oppure, ancora e peggio di tutto, si sono messi short facendo “tesoro” di un comportamento passato che era valido appunto per il passato e che li ha abituai a reagire allo stesso modo a situazioni invece diverse.

Nel 2024 tutte queste premesse verranno esacerbate; infatti con ogni probabilità sarà questo l’anno in cui i nodi verranno al pettine: sarà questo l’anno in cui assisteremo, probabilmente, a quell’accelerazione rialzista (o a quell’inversione d prezzi) che è stata preparata per tutto il 2023, facendo adagiare le persone.

I grafici infatti dopo 15 anni di laterale (stiamo parlando di 15 anni!) non possono più rimanere fermi: o verrà asseverata l’uscita dei prezzi verso l’alto al fine di dirigersi alla proiezione grafica di 37.000–37.550 punti (Figura 1) ma ne dovrà assolutamente essere data la prova tramite giornate di rialzi consecutivi da +3%, +4%, +5%.

analisi-tecnica-ftsemib-15-gennaio-2024-1

Fig 1. Future FTSEMib – Grafico mensile

 

Oppure si tornerà nel laterale con la possibilità addirittura e a vari tappe di uscire dalla parte opposta, che significa andare, con il tempo, a zero punti (Figura 2).

analisi-tecnica-ftsemib-15-gennaio-2024-2

Fig 2. Future FTSEMib – Grafico mensile

 

Ed ecco che torniamo alla psicologia ossia alla componente interna e più rilevante del mercato: se queste prospettive entrambe così promettenti vi mettono l’ansia di provare a prenderli, questi movimenti (uno dei due sarà infatti vero), sappiate che è proprio lo stato psicologico che dovete a tutti costi evitare.

E’ stata questa ansia di guadagno che ha infatti indotto chi si è messo short nel 2023: psicologicamente non poteva rischiare di perdere l’opportunità (un’opportunità inesistente in realtà) di guadagnare così tanto al ribasso.

E potrebbe essere la stessa ansia che potrebbe farti sbagliare nel 2024: se infatti, tra i vari comportamenti sbagliati da tenere nel 2023 (e li abbiamo evidenziati tutti nel corso dell’anno) forse, dovendo sceglierne uno solo, quello più sbagliato era vendere i titoli in portafoglio senza senso; se dovessimo scegliere quello più sbagliato in questa fase (e li abbiamo evidenziati tutti nell’ articolo della scorsa settimana) sarebbe comprare o ricomprare i titoli “buoni” a prezzi “buoni”; ossia ai primi storni o a discese successive del mercato.

Se l’ansia e l’emotività giocano dunque un negativo, viceversa l’atteggiamento giusto è quello razionale.

E l’atteggiamento razionale implica che un viaggio si compone di molti passi.

Attendiamo dunque la prima, in assenza della quale nessuna mossa deve essere fatta: essa consiste la rottura (eventuale) dei 30.200 punti (conseguentemente all’individuazione di una corrispondente figura grafica) per vendere e mettersi al ribasso.

 

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà. L'autore comunica che la presente esposizione presenta informazioni che potrebbero potenzialmente suggerire implicitamente o esplicitamente una strategia di investimento riguardante uno o più strumenti finanziari e pareri sul valore o il prezzo attuale o futuro di tali strumenti ed è da intendersi come una comunicazione di marketing. In quanto tale non rappresenta una ricerca preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l'indipendenza di una ricerca in materia di investimento e non è soggetta a nessun divieto che proibisca le negoziazioni da parte degli analisti e dei soggetti rilevanti prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.
Tutte le ultime su: analisi tecnica
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.