NAVIGA IL SITO

FTSEMib: il sale e il pepe

Evidenziamo in questo articolo la ricetta per evitare gli errori cui gli investitori stanno per andare incontro in questa fase di mercato.

di Fabio Pioli 11 dic 2023 ore 11:59

Di Fabio Pioli, trader professionista, ideatore di Miraclapp, la più grande piattaforma del reddito extra

analisi-tecnica-indiceNulla è cambiato per l’indice FTSEMib e riepiloghiamo velocemente le verità principali:

  1. la strategia è sempre quella di non abbandonare i titoli in portafoglio salvo quando essi dovessero dare un segnale ribassista; altrimenti seguire il trend;
  2. il trend di breve periodo è rialzista;
  3. il trend di medio periodo è rialzista:
  4. il trend di lungo periodo è incerto:
  5. il trend di lungo periodo assume evidenza rialzista in caso di giornate di guadagno giornaliero consecutive da +3%, +4%, +5%;
  6. vietato assumere posizioni rialziste su tale aspettativa ed in tale evenienza;
  7. vietato assumere posizioni ribassiste (sull’indice) prima del raggiungimento del livello di supporto (salito rispetto alla scorsa settimana a 29.500 punti circa (Figura 1).

analisi-tecnica-ftsemib-11-dicembre-2023-1 Fig 1. Future FTSEMib – Grafico giornaliero

 

Tutto semplice ed evidente, soprattutto il comportamento da tenere, non ci sono titubanze, non ci sono incertezze.

E basterebbe questo, nella sua concisione, per finire qui l’articolo.

Ma i risparmiatore vuole il pepe, vuole un po’ più di emozione, o il sale, se vogliamo, un po’ più di sapore, anche se dovrebbe essere consapevole che sono  proprio questi due ingredieni che fanno male. Come il sale ed il pepe che il risparmiatore ha voluto provare nel mettersi short sul mercato andando contro trend. Decisione sconsigliata e sconsigliabile che non ha tardato a rivelarsi nociva.


E mettiamocelo allora un po’ di sale.

Se vogliamo farci del male, ad esempio, possiamo interrogarci su “Dove andrà il mercato”. Eccoci accontentati: diventa molto nocivo sapere che l’analisi tecnica dice che il mercato, se il laterale pluriennale 25.000–12.000 dovesse ritenersi rotto, andrebbe a 37.000 punti.

analisi-tecnica-ftsemib-11-dicembre-2023-2

Fig 2. Future FTSEMib – Grafico mensile

 

Perché questa informazione è nociva? Perché facilita la decisione sbagliata: mentre la mossa giusta (indubitabilmente giusta, attenzione, a prescindere dal fatto che i prezzi finalmente decollino) è quella di non comprare (adesso e in questa fase), sapere che il mercato può andare a 37.000 facilita la mossa sbagliata (indubitabilmente sbagliata, anche se i prezzi dovessero andare a 37.000) che è quella di comprare qui.

 

Vogliamo aggiungere un po’ di pepe?

Eccoci accontentati: sappiamo che se rompesse i 29.500 punti i prezzi avrebbero più dell’80% di scendere ulteriormente e che si dovrebbe andare short. Come questa informazione può farci del male? In tre modi: facendo venire voglia di mettersi short (o di vendere i titoli in portafoglio, il che è lo stesso) qui per risparmiare 1.000 punti. Sbagliato: ci si metterebbe contro trend e contro probabilità (quindi casualmente dalla parte giusta e casualmente dalla parte sbagliata).

Altro errore: non riconoscere la rottura dei 29.500 (il prezzo viene toccato e si va oltre ma non si capisce che non si tratta di rottura: ci si mette short quando il mercato ha invece finito il suo trend ribassista. Terzo e ultimo errore: la rottura dei 29.500 è rappresentata da un vero segnale ma l’errore consiste nel pensare che indicativo di un trend di lungo periodo mentre è indicativo solo di un trend di breve o medio periodo.

 

Insomma il sale ed il pepe sono buoni, danno sapore ed eccitazione ma in borsa è preferibile non aggiungerli là dove non ci vogliono: si rovina il piatto e fa peggio alla salute.

 

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà. L'autore comunica che la presente esposizione presenta informazioni che potrebbero potenzialmente suggerire implicitamente o esplicitamente una strategia di investimento riguardante uno o più strumenti finanziari e pareri sul valore o il prezzo attuale o futuro di tali strumenti ed è da intendersi come una comunicazione di marketing. In quanto tale non rappresenta una ricerca preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l'indipendenza di una ricerca in materia di investimento e non è soggetta a nessun divieto che proibisca le negoziazioni da parte degli analisti e dei soggetti rilevanti prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

 

Tutte le ultime su: analisi tecnica
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.