NAVIGA IL SITO

Titolo sotto la lente: Eni


Negli ultimi 3 anni il titolo Eni ha registrato una performance negativa (-12,1%) contro il -0,6% dell'indice FTSE Mib: il titolo ha seguito un trend discendente, proseguito fino a febbraio 2016, seguito da una fase laterale ed una ripresa negli ultimi due mesi dell'anno

di Claudio Guerrini 27 mar 2018 ore 10:37

A cura di evaluation.it

 

ENI: PROFILO SOCIETARIO

Eni è una delle compagnie energetiche integrate più importanti al mondo; opera nelle attività del petrolio e del gas naturale, della generazione elettrica e dell'ingegneria e costruzioni, in cui vanta competenze di eccellenza e forti posizioni di mercato a livello internazionale. Obiettivo dell'Eni è la creazione di nuovo valore in grado di soddisfare le attese degli azionisti; ciò si realizza mediante il continuo miglioramento della posizione di costo e della qualità dei prodotti e dei servizi per i propri clienti, nonché mediante l'attenzione per le esigenze dei dipendenti e, in generale, per il perseguimento di un modello di crescita sostenibile e nel rispetto degli interessi di tutti gli stakeholders, anche con l'attenta valutazione degli impatti ambientali delle proprie attività e lo sviluppo di nuove e più efficienti tecnologie. Opera in circa 70 Paesi con circa 75.000 dipendenti.

pagella-eni_1

 

ENI: ANALISI DEL TITOLO

eni-logoLe azioni Eni fanno parte del paniere FTSE Mib e rientrano nel segmento Blue Chips. 
Eni mostra una rischiosità in linea con la media del mercato (beta prossinmo a 1) riflettendo da un lato il buon grado di diversificazione geografica delle attività dall'altro la dipendenza dall'andamento dei prezzi degli idrocarburi. 
Negli ultimi 3 anni il titolo Eni ha registrato una performance negativa (-12,1%) contro il -0,6% dell'indice FTSE Mib: il titolo ha seguito un trend discendente, proseguito fino a febbraio 2016, seguito da una fase laterale ed una ripresa negli ultimi due mesi dell'anno; andamento piuttosto incerto nel corso del 2017, con una flessione nella prima metà ed una lieve ripresa nel secondo semestre; mancanza di una chiara direzionalità anche nei primi mesi del 2018.

analisi-eni_1

 

ENI: COMMENTO AI DATI DI BILANCIO

Voci di bilancio

2015

var %

2016

var %

2017

Totale Ricavi

68.945,00

-17,77

56.693,00

25,20

70.977,00

Margine Operativo Lordo

11.699,00

-18,02

9.591,00

61,95

15.533,00

Ebitda margin

16,97

----

16,92

----

21,89

Risultato Operativo

-2.781,00

-177,56

2.157,00

271,44

8.012,00

Ebit Margin

-4,03

----

3,80

----

11,29

Risultato Ante Imposte

-6.231,00

-107,69

479,00

1.328,81

6.844,00

Ebt Margin

-9,04

----

0,84

----

9,64

Risultato Netto

-9.378,00

-84,46

-1.457,00

-331,78

3.377,00

E-Margin

-13,60

----

-2,57

----

4,76

PFN (Cassa)

16.863,00

-12,38

14.776,00

-26,12

10.916,00

Patrimonio Netto

53.669,00

-1,09

53.086,00

-9,43

48.079,00

Capitale Investito

71.588,00

-3,99

68.730,00

-12,68

60.017,00

ROE

-17,47

----

-2,74

----

7,02

ROI

-3,94

----

3,18

----

13,58

 

Nel triennio 2015-2017 Eni ha mostrato una crescita del fatturato del 2,9% mentre il margine operativo lordo è aumentato del 32,8% in presenza di una riduzione dei margini di 4,9 punti percentuali. Il risultato operativo è passato da un rosso di 2,8 miliardi ad un saldo positivo di 8 miliardi mentre l'utile netto è passato da -9,4 a +3,4 miliardi. La redditività del capitale è ritornata positiva sia a livello di ROE, passato dal -17,5% al 7%, che di ROI sceso di oltre 17 punti al 13,6%. In calo l'indebitamento finanziario netto, sceso di quasi 6 miliardi a 10,9 miliardi, con un debt to equity passato da 0,31 a 0,23.

ENI: I COMPARABILI

Azienda

P/E

P/BV

Dividend Yield %

Eni

15,19

1,07

5,67%

Total

15,82

1,30

5,19%

Repsol

10,24

0,73

5,34%

Exxon

16,15

1,70

4,07%

Commento: tra le principali aziende operanti nel settore dell'estrazione di idrocarburi Eni è nella media sia sulla base del rapporto Price/Book Value (Prezzo/Valore Contabile) che del Price/Earnings (Prezzo Utili); buono il rendimento da dividendi, superiore al 5% ed il più elevato tra le aziende incluse nel campione.

ENI: PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA

Opportunità: 

  • scoperte di nuovi giacimenti ed efficientamento di quelli esistenti
espansione nel gas con a
  • acquisizione di nuovi clienti e nella produzione di energia elettrica


Rischi :

  • nuove flessioni dei prezzi degli idrocarburi
  • riduzione dei contributi sulle fonti fossili

ENI: LA VALUTAZIONE

Nell'applicazione del metodo dei flussi di cassa scontati e dell'Economic Value Added si sono ipotizzati:

  • una crescita dei ricavi che passa dall'11% del 2018 all'1,5% di lungo periodo;
  • un Ebitda margin in crescita dal 20,5% del 2018 al 20,7% del 2019 e seguenti;
  • un ROI di lungo periodo del 15%
Infine si prevedono un tax rate stabile al 50% ed un costo del debito medio al 5%.

I risultati del modello convergono su un valore per azione di circa 15,3 Euro che tende a crescere (ridursi) di 1,35 Euro per ogni punto in più (in meno) del margine sulle vendite come mostrato nella figura seguente.

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutte le ultime su: eni , titolo settimana
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.