NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » Dividendi: che avaro il gruppo Agnelli!

Dividendi: che avaro il gruppo Agnelli!

L’erogazione dei profitti non è certamente una delle principali peculiarità delle varie società di casa Agnelli. Seppur Fiat Chrysler Automobiles abbia annunciato il ritorno alla cedola

di LombardReport .com 8 giu 2018 ore 08:45

A cura di Lorenzo Raffo

 

Puntare sulle grandi “families” in termini di distribuzione dei profitti non è una scelta vincente un po’ ovunque nel mondo, pur con qualche eccezione, sebbene di solito le relative “companies” siano o molto conservative nei trend di Borsa o all’opposto eccessivamente volatili. La seconda alternativa appare quella che caratterizza il macrocosmo degli Agnelli – o degli eredi a nome Elkann – molto abili nel preparare un minestrone privo di sapori per gli investitori di lungo periodo ma gustosissimo per chi punta sul breve/medio termine.

 

Le attese su FCA deludono

fiat-chrysler-automobiles-logoScontentano non solo in termini di performance post presentazione del piano industriale al 2022, da cui ci si attendevano rivelazioni più succose, ma anche di annunci da dividendo: un payout del 20% nei prossimi cinque anni – come dichiarato – appare poca cosa rispetto al mondo dell’automobile. FCA punta a una crescita dei ricavi nel quinquennio del 7% annuo, con un obiettivo di Ebit nel 2022 di 13-16 miliardi. Il 2018 potrebbe già essere molto positivo con 8,1 miliardi (+15,7%) ma il 2019 risultare meno generoso in termini di crescita: gli analisti scontano infatti solo un +3,4%. Considerando che dal 2020 i mercati Usa sono visti in potenziale recessione, la forchetta dei 13/16 miliardi di Ebit appare troppo ottimistica, una specie di ultima promessa di Marchionne di cui non dovrà più rispondere agli azionisti.

E’ pur vero che il cash flow ha obiettivi interessanti, nettamente migliori rispetto al recente passato. I veri problemi sono altri: stanno negli investimenti necessari per lo sviluppo delle motorizzazioni elettriche, salvo che arrivi un partner più evoluto in tale ambito, e nella ristrutturazione verso l’alto della gamma, trascurando i “mass market” Fiat in Europa e Chrysler negli Usa, opzione con molti punti interrogativi

 

Guardare quindi in chiave di rendimento da cedola a FCA appare una scelta inopportuna, mentre si conferma l’appeal speculativo dell’azione, seppur con margini in compressione. Lo fanno capire le fenomenali performance degli ultimi tre anni rispetto ai maggiori concorrenti:

Marchio

Performance

Dividend yield

FCA

+96,3%

0%

General Motors

+25,5%

3,46%

Renault

-7,4%

4,18%

Toyota

-10,6%

2,92%

Ford

-19,7%

5,0%

Daimler

-22,3%

5,8%

Volkswagen

-22,7%

2,39%

 

Cnh, stessa situazione

Il 2 maggio è stato pagato il dividendo del gruppo riferito all’attività macchine movimento terra/camion: 0,14 euro. Equivale oggi a uno yield dell’1,42%, quando Caterpillar – una delle concorrenti dirette – si posiziona all’1,99%, con un nettamente più favorevole meccanismo di versamenti trimestrali. Inoltre Cnh prosegue in un trend altalenante della distribuzione di profitti (0,11 euro pagamento 2017/esercizio 2016 – 0,13 euro pagamento 2016/esercizio 2015 – 0,20 euro pagamento 2015/esercizio 2014). Il 2017 si era chiuso con ricavi in crescita del 10%, utili a 1,52 miliardi di dollari e un margine operativo del 5,8% rispetto al 5,5% dell’anno precedente. Per il 2018 ci si attende ricavi netti dalle attività industriali compresi tra 27 e 28 miliardi di $, pressoché stabili rispetto al 2017, e un aumento del 30% del risultato diluito per azione tra 0,63 e 0,67 dollari.

P/E (rapporto prezzo/utili)

16,6 (-31,4%) nel 2018

Eps (utile per azione) in $

0,70 (+45,8%) nel 2018

Roe (redditività capitale proprio)

6,9%

 

Correlazione in Borsa Cnh - FCA

Dal 2015 è stata molto forte fino al luglio 2017, quando Fca ha amplificato il movimento rialzista con un effetto leva di quasi 2:1, poi ampliatosi, pur con una corrispondenza dei trend sia rialzisti sia ribassisti. Il confronto va nella fase attuale a netto vantaggio di FCA.

 

Il compromesso sta in Exor

Da un punto di vista puramente grafico la capogruppo di diritto olandese Exor si colloca a metà fra FCA e Cnh, salvo negli ultimi mesi, data l’accelerazione rialzista di FCA. Altrettanto deludente, come per le due controllate industriali, si rivela l’erogazione di dividendi. Lo yield attuale si ferma infatti all’1,38% (0,35 euro – stacco 18/6 – pagamento 20/6), valore modestissimo se si considera che per esempio Investor AB degli svedesi Wallenberg riconosce un ben più sostanzioso 3,2%. La recente assemblea ha però confermato l'autorizzazione al riacquisto di azioni ordinarie: durerà 18 mesi e non supererà il 10%, con un ammontare massimo di 500 milioni di euro. Intanto si è avuta la convalida che Exor sta studiando la possibilità di rafforzare la controllata PartnerRe, attiva in campo riassicurativo, essendo interessata “a valutare opportunità, con focus soprattutto sul ramo vita”.

In sintesi: una panoramica globale porta a delle conclusioni molto semplici:

 

Azione

Appeal speculativo

Appeal da rendimento

FCA

Alto (target 22,5 -25 €)

Bassissimo

Cnh

Alto (target 13,5/14,5 €)

Basso

Exor

Alto (target 64 - 73 €)

Basso

 

Per altre raccomandazioni di borsa: LombardReport.com

lombardreport

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutti gli articoli su: dividendi Quotazioni: CNH INDUSTRIAL FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES EXOR
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Sostegno al reddito, tutte le misure di aiuto economico in Italia

Sostegno al reddito, tutte le misure di aiuto economico in Italia

In Italia ci sono diverse forme di sostegno al reddito. Servono ad aiutare chi si trova in difficoltà economiche. In questo articolo vediamo quali sono Continua »

da

ABCRisparmio

Comprare o affittare casa?

Comprare o affittare casa?

Se inserita in un'ottica di gestione patrimoniale, comprare o affittare casa può essere una scelta più difficile di quanto sembri. Uno strumento elaborato dal New York Times aiuta a chiarirsi le idee. Continua »