NAVIGA IL SITO

Aeffe, lo Star va di moda...

L’azienda è a capo di Aeffe Fashion Group, gruppo di società attivo nella realizzazione e distribuzione di prêt-à-porter, calzature e pelletteria. Il gruppo può contare su un portafoglio di 91 marchi debitamente depositati, di cui 84 marchi già registrati. L’attività di Aeffe è caratterizzata da un elevato grado di internazionalizzazione.

di La redazione di Soldionline 10 lug 2007 ore 12:57

Prima della pausa estiva il segmento Star ha ancora tempo di accogliere matricole. Il focus si sposta sul settore della moda. La nuova matricola che punta al segmento ad alti requisiti, infatti, è Aeffe, che andrà ad affiancare Mariella Burani FG, l'altra maison già quotata allo Star.
L'offerta pubblica è iniziata il 9 luglio e terminerà il 18 luglio alle ore 16.30. L'offerta riservata ai dipendenti terminerà il giorno prima. La società dovrebbe debuttare a Piazza Affari il 24 luglio.
La quotazione di Aeffe avverrà tramite un'offerta pubblica di vendita e sottoscrizione. La società punta a collocare complessivamente 34,8 milioni di titoli, che potrebbero diventare 40 milioni nel caso il collocatore esercitasse interamente l'opzione di greenshoe. Le azioni di nuova emissione saranno 19 milioni, mentre i titoli venduti dagli attuali azionisti varieranno da 15,8 milioni a 21 milioni, in caso di esercizio o meno dell'opzione di greenshoe. Le azioni saranno messe in vendita da I.M Fashion, società di diritto lussemburghese partecipata in misura paritetica esclusivamente Alberta Ferretti e Massimo Ferretti e attuale azionista di riferimento di Aeffe con una quota del 49,98%. In caso di sottoscrizione integrale delle azioni vendute, compresa la quota relativa alla greenshoe, la quota di I.M. Fashion è destinata a scendere al 21,6%. La holding è interamente controllata da Ferreti Fratelli Holding, l'altro azionista di riferimento di Aeffe, con una quota che al momento è del 45,43%, ma che con l'aumento di capitale è destinata a diluirsi al 37,39%.
In caso di sottoscrizione integrale delle azioni offerte,
il flottante di Aeffe si attesterà al 32,41%, che potrebbe salire al 37,26% qualora fosse esercitata integralmente la greenshoe.
L'offerta pubblica (la parte di offerta riservata al pubblico indistinto) ammonta a un minimo di 3,48 milioni di titoli, pari al 10% dell'intera offerta (esclusa la
greenshoe).
La forchetta indicativa di prezzo si colloca tra 4,1 e 5,4 euro, che equivale a una differenza del 31,7% tra gli estremi. Il prezzo massimo vincolante è pari a 5,4 euro per azione. Sulla base di questa indicazione e supponendo la sottoscrizione integrale delle azioni derivanti dall'aumento di capitale, l'intera società è stata valorizzata tra i 440,2 e i 579,8 milioni di euro. Il collocamento dovrebbe portare nelle casse della società nuove risorse comprese tra i 77,9 milioni e i 102,6 milioni di euro, al lordo dei costi di quotazione.
Il lotto minimo è di 800 azioni (8mila per il lotto minimo maggiorato). Per partecipare all'offerta, quindi, bisognerà spendere una cifra minima compresa tra i 3,28mila e i 4,32mila euro. Nel prospetto informativo i vertici della società hanno precisato che per i dipendenti che ne faranno richiesta sarà garantita l'assegnazione di azioni fino a un massimo di 2 lotti minimi per ciascun richiedente.
Sempre nel prospetto informativo i vertici di Aeffe hanno ricordato che nel mese di aprile, nell'ambito di una riorganizzazione delle partecipazioni di controllo, sono avvenuti alcuni scambi azionari tra gli azionisti di riferimento dell'azienda. I prezzi dei passaggi azionari si sono attestati nell'intorno di 2,6 euro per azione, praticamente la metà dei valori determinati dalla forchetta di prezzo fissata dal management per il collocamento. I vertici di Aeffe hanno precisato che i valori degli scambi sono stati determinati con l'ausilio di apposite perizie condotte da soggetti indipendenti.

Tutte le ultime su: IPO
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Cosa è il Durc e a chi serve

Il Durc (Documento Unico di Regolarità Contributiva), serve ad attestare la regolarità dei versamenti dovuti a Inps e Inail

da

ABCRisparmio

Come funziona la rottamazione delle cartelle e quali debiti riguarda

Come funziona la rottamazione delle cartelle e quali debiti riguarda

La rottamazione delle cartelle consente di estinguere i debiti iscritti a ruolo dall’Agenzia delle Entrate e Riscossione senza pagare sanzioni o interessi di mora Continua »