NAVIGA IL SITO

Gerarchica dei bisogni e investimento finanziario

Borsa e realizzazione personale. Attenzione ai rischi

di Manuela Tagliani
Abraham Maslow cominciò a interessarsi di psicologia quando frequentava l'università del Wisconsin dove tra il 1930 e il 1934 si laureò. Dal 1943 inizia gli studi della sua scala gerarchica dei bisogni, ma è negli anni '60 e '70 che pubblica le sue scoperte. Il concetto della scala gerarchica dei bisogni è applicato agli esseri umani e sostiene che i bisogni basilari di solito hanno la precedenza, ma, una volta che questi vengono soddisfatti, altri bisogni entrano in gioco.

I bisogni primari sono fisiologici e soddisfarli garantisce la sopravvivenza: respirare, bere, mangiare, riprodursi. Poi, in ordine di importanza, si crea una serie di bisogni legati alla sicurezza e alla difesa personale.

Una volta che l'individuo ha soddisfatto i bisogni primari e si sente protetto e al sicuro, può concentrarsi su altri bisogni legati all'amore e al possesso, seguiti dal bisogno del rispetto per se stessi e per gli altri.

Maslow vide che una volta soddisfatti questi bisogni, non c'erano altri bisogni e quindi altra motivazione ad agire.

Vide anche un ultimo livello di “bisogno”, diverso dagli altri perché legato all'auto-realizzazione dell'individuo. Diverse cose sono associabili alla "auto-realizzazione" - essere sicuri di riuscire a superare le sfide della vita, scegliere tra quello che vale di più e di meno, sentire che il proprio tempo è stato utilizzato in modo creativo e inventivo. E sembra che l'auto-realizzazione crei dipendenza, perché una volta che il processo è stato innescato, gli individui ne vogliono sempre di più.

Secondo Maslow, solo poche persone entrano nel "regno" dell'auto-realizzazione, nella maggior parte dei casi perché i bisogni primari sono già stati realizzati.

La gerarchia dei bisogni di Maslow è stata adattata per includere una complessità maggiore di elementi nell'area dell'auto-realizzazione. Come la sete di conoscenza, il bisogno per l'ordine estetico e la bellezza, oltre a un bisogno di "trascendenza" oltre il quale l'auto-realizzazione porta al bisogno di aiutare gli altri per trovare degli scopi nella vita.

Come possiamo vedere il bisogno di auto-realizzazione è intrinseco in noi, e, in generale ci serve per migliorarci sempre. È una sorta di competizione con noi stessi che ci permette di aumentare le nostre ricchezze, fisiche e spirituali. Per alcuni, investire fornisce un interesse comune con amici e parenti. I club dell'investimento, soprattutto in America, sono ormai diffusi su tutto il territorio. Per non parlare di forum e newsgroup, che in Rete hanno permesso a molti di sentirsi parte di un gruppo.

Attenzione però, se l'auto-realizzazione è solitamente una forza positiva, dobbiamo stare attenti che non ci porti a investire in modo poco saggio. Se l'unico motivo per cui investiamo in borsa è che questo ci fa sentire realizzati, le probabilità che i nostri investimenti non siano fatti con cura salgono.

Manuela Tagliani
manuela.tagliani@gmail.com


Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Gli incentivi per l'assunzione di lavoratori

La legge riconosce sgravi contributivi per le assunzioni di persone in particolari condizioni. L’incentivo ha un’entità e una durata variabile. In questa guida tutti i bonus attualmente in vigore

da

ABCRisparmio

Come funziona la cedolare secca

Come funziona la cedolare secca

La cedolare secca consiste in un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali che si applica a redditi derivanti dalla locazione di immobili Continua »