NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Lavoro

Come si scorpora l'IVA da un importo

Come scorporare l’imposta sul valore aggiunto, l’IVA, da un prezzo lordo. Togliere la percentuale IVA dall'importo lordo non è un procedimento corretto. I calcoli devono invece essere precisi

di Mauro Introzzi 6 mar 2017 ore 15:08

Lo scorporo dell’IVA da un valore al lordo dell’Imposta sul Valore Aggiunto non è un procedimento così semplice come ci si possa attendere. Molti sono portati a sottrarre dal prezzo originale di un articolo la percentuale dell’IVA che caratterizza quel bene (22%, 10% o 4%). Ma questo procedimento non è corretto, se non per avere un valore di massima. Per calcolare il prezzo effettivamente scorporato dall’IVA i calcoli devono invece essere precisi. Di seguito le formule per ottenere grandezze perfettamente corrette.

 

scorporare-ivaCome si diceva non va applicata la formula dello sconto. Sarebbe infatti errato, se il prezzo di un prodotto in regima IVA al 22% fosse pari a 200 euro, sottrarre il 22% di 200 (ossia 44) al costo del bene. In questo caso 44 non è l’IVA applicata e quindi 156 non è il prezzo al netto dell’IVA.

 

Il procedimento giusto è invece il seguente:

 

  •  si prende il prezzo lordo, ossia 200
  •  si individua l’aliquota di riferimento per quel prodotto, nell’esempio 22%
  •  si applica la formula per individuare l’importo già scorporato impostando una proporzione, nell’esempio 200/1,22 = 163,93.


In altre parole, un prodotto che con IVA al 22% costa 200 euro ha un prezzo al netto d’Iva di 163,93. Aggiungendo il 22% a quest’ultimo prezzo (circa 36,07) si ottiene 200.

 

1,22 è dato da 1 + 0,22 (l’aliquota). Se il prodotto fosse soggetto ad IVA del 4% bisognerebbe dividere per 1,04 mentre se fosse soggetto ad IVA del 10% bisognerebbe dividere per 1,1.

 

In modo più schematico, per le 3 aliquote:

  • prezzo senza iva = prezzo con IVA / 1,22
  • prezzo senza iva = prezzo con IVA / 1,10
  • prezzo senza iva = prezzo con IVA / 1,04
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di residenza attiva: 700 euro al mese per trasferirsi in Molise

Reddito di residenza attiva: 700 euro al mese per trasferirsi in Molise

Ma bisogna anche viverci davvero e soprattutto avviare una attività economica. In questa guida ecco come funzionerà il cosiddetto "Reddito di residenza attiva" Continua »

da

ABCRisparmio

Cuneo fiscale: cos’è e perché tagliarlo

Cuneo fiscale: cos’è e perché tagliarlo

Ne sentiremo parlare nei prossimi mesi. Perché la riforma del cuneo fiscale fa parte del programma del nuovo governo. Vediamo cos'è il cuneo fiscale e perché tagliarlo Continua »