NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Lavoro

Regime forfettario: come funziona e chi può utilizzarlo

Il regime forfettario è un metodo di imposizione fiscale che si applica in sostituzione dell’Irpef a chi una partita Iva individuale. Come funziona e chi può beneficiarne

di Carlo Sala 13 gen 2020 ore 10:45

regime-forfettarioIl regime forfettario è un metodo di imposizione fiscale che si applica in sostituzione dell’Irpef a chi una partita Iva individuale. I redditi derivanti da attività svolta come titolari di partita Iva individuale vengono tassati secondo un’aliquota fissa (si tratta di una flat tax); non devono quindi essere sottoposti all’ordinario prelievo Irpef.

 

Come funziona il regime forfettario

Il regime forfettario consente di pagare una aliquota fiscale del 15% per redditi fino a 65.000 euro l’anno. Chi avvia una nuova attività paga un’aliquota del 5% per i primi 5 anni e del 15% dal sesto anno in poi, ovviamente sempre a condizione di non superare i 65.000 euro di reddito.

Dall’1 gennaio sono scattate due novità che riducono l’ambito di applicazione e i beneficiari di questo sistema di pagamento delle tasse.

Il regime forfettario non vale più per redditi derivanti da attività svolta in regime di partita Iva compresi tra i 65.001 e i 100.000 euro l’anno. L’aliquota del 20% in vigore fino all’anno scorso è infatti stata abolita.

Chi ha redditi derivanti da attività svolta in regime di partita Iva fino a 65.000 euro non può più godere del regime forfettario nel caso abbia sostenuto spese per dipendenti, collaboratori e personale a progetto superiori ai 20.000 euro l’anno.

 

Chi può utilizzarlo

Il regime forfettario è rivolto ai titolari di partita Iva individuale. Può essere utilizzato soltanto da chi svolge attività in proprio, come libero professionista o imprenditore individuale. Sono quindi esclusi coloro che svolgono attività in associazione o società (anche se si tratti di società anonime, società di persone).
Rientrano nel regime forfettario solamente i redditi conseguiti nello svolgimento dell’attività per la quale si è aperta la partita Iva. Chi è titolare della partita Iva può peraltro svolgere anche altre attività, come dipendente o pensionato. In questo caso il regime forfettario opera solo se ricorrono due condizioni:

  • i redditi derivanti da attività svolta regime di partita Iva non devono superare i 65.000 euro all’anno (ed eventuali spese per personale non devono superare i 20.000 euro l’anno);
  • i redditi derivanti da attività svolte come lavoratore dipendente o assimilato o derivanti da pensione non devono superare i 30.000 euro lordi l’anno (equivalenti a una media di 2.200-2.300 euro al mese).

 

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Gli incentivi per l'assunzione di lavoratori

La legge riconosce sgravi contributivi per le assunzioni di persone in particolari condizioni. L’incentivo ha un’entità e una durata variabile. In questa guida tutti i bonus attualmente in vigore

da

ABCRisparmio

Detrazioni 730 delle spese sanitarie: pagate con mezzi tracciabili!

Detrazioni 730 delle spese sanitarie: pagate con mezzi tracciabili!

Ogni anno la Legge di Bilancio introduce novità sulle agevolazioni fiscali. Quest’anno, per 730 e dichiarazioni dei redditi da fare nel 2020, sono variate le condizioni per ottenere le detrazioni Continua »