NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Lavoro

Come mettere in regola colf e badanti

Sono sempre di più le persone che si fanno dare una mano nei lavori domestici, nella cura dei bambini o nell'assistenza ad un anziano. Secondo un'indagine del Censis, infatti, sono più di due milioni le famiglie italiane che aprono le porte di casa a colf, babysitter e badanti. Adesso regolarizzare la loro posizione è molto più facile.

di alexmex 25 gennaio 2011
Istruzioni
Difficoltà
  1. L'Inps, da qualche tempo, ha messo a punto un nuovo sistema online ancora più semplice per regolarizzare il rapporto di lavoro di colf e badanti. Il datore di lavoro non deve più correre da un ufficio all'altro, ma può fare tutto con un click. Il servizio è accessibile dal sito www.inps.it, alla sezione " servizi online ".
  2. Per procedere occorre avere a disposizione una copia del documento di identità e del codice fiscale della persona che si vuole assumere. Se l'assunzione riguarda una persona extracomunitaria, il datre di lavoro dovrà avere a portata di mano anche la copia del permesso di soggiorno per verificarne la validità. La compilazione delle diverse parti è guidata e i dati già in possesso dell'istituto di previdenza sono inseriti automaticamente. Per evitare blocchi o interventi successivi, le informazioni vanno confermate in tempo reale.
  3. Il contratto deve essere in duplice copia, sottoscritto da entrambi le parti ed è indispensabile che il datore di lavoro consegni alla persona assunta questo documento nel quale vengono indicate le condizioni di lavoro concordate oltre ai dati delle parti. In questo documento devono essere indicati: la data di inizio del rapporto di lavoro, la categoria in cui viene assunta la persona e la sua anzianità di servizio, la durata del periodo di prova, l'orario di lavoro, il giorno del riposo settimanale, le condizioni del vitto e dell'alloggio e la retribuzione oraria.
come-mettere-in-regola-colf-e-badanti

Cosa serve

da

ABCRisparmio

Come si effettua il riscatto della laurea

Come si effettua il riscatto della laurea

Il riscatto della laurea consente di considerare validi per la pensione gli anni trascorsi all’università, come se si fosse lavorato anziché studiato Continua »