NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Lavoro

Come Compilare i modello INPS DS22

Il modello DS22 è un modello molto importante al fine di far ottenere ad un proprio dipendente l'indennità di disoccupazione. In questa guida vediamo quello che deve fare il datore di lavoro per compilare in maniera corretta, e quindi far ottenere il sussidio al lavoratore.

di marmottina 3 giugno 2011
Istruzioni
Difficoltà
  1. Sul modello suddetto il datore di lavoro dovrà inserire tutti i dati richiesti dal modello stesso, e barrare le caselle che interessano. Si partirà con l'inserimento dei dati che riguardano l'azienda, come la denominazione, la posizione INPS e la partita IVA, per poi procedere con l'indicazione dei dati anagrafici del lavoratore.
  2. La terza sezione invece si occupa dei dati relativi al rapporto di lavoro, inteso al momento della cessazione dello stesso. Qui si dovrà indicare l'inquadramento del lavoratore, il tipo di contratto lavorativo di cui godeva e le cause della cessazione del rapporto di lavoro. Si procede invece con l'indicazione dei dati numerici relativi alla retribuzione.
  3. Qui infatti andranno indicati, per gli ultimi tre anni di lavoro, mese per mese, la retribuzione percepita dal lavoratore, con l'indicazione di eventuali periodi di sospensione e apprendistato. Inoltre si richiede l'inserimento di una serie di dati che riguardano il rapporto di lavoro nelle ultime 4 settimane, al fine di determinare l'indennità ordinaria di disoccupazione.
  4. Il datore di lavoro dovrà procedere a firmare e timbrare il modello, ed in questo modo si assumerà la responsabilità per la veridicità delle informazioni rilasciate con la presentazione di questo modulo. Una volta completato esso andrà presentato alla sede INPS del territorio dove risulta ubicata l'azienda presentatrice.
come-compilare-i-modello-inps-ds22

Cosa serve

da

ABCRisparmio

Come si effettua il riscatto della laurea

Come si effettua il riscatto della laurea

Il riscatto della laurea consente di considerare validi per la pensione gli anni trascorsi all’università, come se si fosse lavorato anziché studiato Continua »