NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Lavoro

Cosa è il codice Ateco e a chi serve

Il codice Ateco serve per classificare l’attività economica svolta in regime di partita Iva e capire quindi quale è il regime fiscale e contributivo che si applica a chi svolge una certa attività economica

di Carlo Sala 24 set 2020 ore 14:31

codice-atecoIl codice Ateco serve per classificare l’attività economica svolta in regime di partita Iva. Ateco è l’abbreviazione di attività economica.

A cosa serve la classificazione con codice Ateco

La classificazione tramite codice Ateco serve per capire quale è il regime fiscale e contributivo che si applica a chi svolge una certa attività economica. In sostanza, il codice è la carta di identità di un’attività economica nei confronti della pubblica amministrazione. Grazie ad essa, la pubblica amministrazione sa con chi ha a che fare e quali sono gli adempimenti e le prescrizioni che la legge prevede per quell’attività. Chi fa l’agente di commercio soggiace a regole diverse da chi opera nell’edilizia, solo per fare un esempio.

Serve quindi a chi svolga un’attività economica sotto forma di:

  • impresa;
  • libero professionista;
  • associazione o fondazione.

 

Come avviene la classificazione con codice Ateco

La classificazione avviene tramite un codice alfanumerico grazie al quale è possibile individuare l’ambito economico di riferimento dell’attività e le caratteristiche specifiche dell’attività. L’ambito economico è individuato dalle lettere che compaiono nel codice Ateco, le caratteristiche specifiche dell’attività dalle cifre che seguono le lettere. Le cifre variano da 2 a 6 a seconda di quante specifiche presenta l’attività economica classificata.

Le attività economiche sono classificate per:

  • sezioni;
  • divisioni;
  • gruppi
  • classi;
  • categorie;
  • sottocategorie.

Chi svolga più attività che ricadono sotto diverse classificazioni può avere un codice Ateco primario ed altri codici Ateco secondari. Il codice primario viene assegnato in base all’attività preponderante svolta dall’operatore economico.
Nel caso di cambio dell’attività economica svolta, occorre cambiare codice (e comunicare il cambio al fisco).

 

Quando serve il codice Ateco

Il codice Ateco è necessario per:

  • aprire una nuova partita Iva;
  • ottenere la Dia;
  • essere profilati dall’Inail.

E’ grazie al codice Ateco che che si può certificare all’Agenzia delle Entrate l’attività che si intende svolgere in regime di partita Iva e ottenere la partita Iva stessa. Ed è ancora grazie a quel codice che si può ottenere la Dia, dichiarazione di inizio di attività, pure richiesta quando si intraprende un’iniziativa commerciale rivolta al pubblico. Infine è sempre grazie a quel codice che l’Inail può valutare la pericolosità dell’attività che si va a svolgere (secondo una scala di 3 gradi: basso, medio, alto) e decidere quali misure occorre adottare per garantire la sicurezza dei lavoratori.

Senza codice, inoltre, non è possibile avere relazioni commerciali con una pubblica amministrazione o partecipare a bandi indetti da pubbliche amministrazioni. Non si può, in sostanza diventare fornitori della Pa o avere quest’ultima tra i propri clienti.

 

Come trovare il proprio codice Ateco

I codici Ateco sono tanti quante le attività economiche con le loro diverse particolarità. La classificazione di tali attività e la realizzazione di un codice per ciascuna di essa è stata realizzata dall’Istat. La classificazione in vigore risale al 2007.
Il codice non deve essere richiesto. Spetta a chi inizia un’attività economica indicarlo quando apre una nuova partita Iva o chiede la Dia o deve comunicare all’Inail in quale settore opera.

Per sapere quale è il codice corrispondente all’attività che si svolge si può fare una ricerca sul sito dell’Istat, all’indirizzo https://www.istat.it/it/archivio/17888. Basta inserire un’indicazione della propria attività (per esempio: ristorante) per trovare il codice corrispondente. Servizi di ricerca analoghi sono peraltro disponibili anche su altre pagine web (ad esempio su quella di InfoCamere) e sono forniti da chi fa consulenza per lo svolgimento di attività economiche e commerciali.

 

Domande e risposte

Cos'è il codice Ateco?

Un codice alfanumerico che serve per classificare l’attività economica svolta in regime di partita Iva.

Quando è necessario il codice Ateco?

Per aprire una nuova partita Iva, ottenere la Dia e essere profilati dall’Inail.

Quanti codici Ateco deve avere chi svolge più attività?

Chi svolga più attività che ricadono sotto diverse classificazioni può avere più codici Ateco: uno primario ed altri codici secondari.

Come sapere qual è il codice Ateco giusto?

Per sapere quale è il codice corrispondente all’attività che si svolge si può fare una ricerca sul sito Istat.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »