NAVIGA IL SITO

Warren Buffett e la lettera agli azionisti Berkshire Hathaway 2018

Come ogni anno Warren Buffet ha inviato ai soci della holding Berkshire Hathaway la consueta lettera agli azionisti. Oltre ai conti, l'oracolo di Omaha ha regalato alcune chicche

di Gianluca Marzoli 27 feb 2019 ore 11:58

warren-buffett_9Come ogni anno Warren Buffet ha inviato ai soci della holding Berkshire Hathaway la consueta lettera agli azionisti. Oltre a fornire i risultati della società nel 2018, l'oracolo di Omaha - come fa spesso nelle sue uscite pubbliche - ha regalato alcune indicazioni di finanza ed economia che, come solito, non hanno deluso la schiera di “seguaci” della sua filosofia di investimento. Vediamone qualcuna.

Nel 2018 l’utile netto della Berkshire è stato di 4 miliardi di dollari. Ma il dato impressionante è la performance di lungo periodo del titolo, che dal 1965, anno in cui Warren ha preso la gestione, è stata del 20,5% all’anno, contro il 9,7% dell’indice S&P500. Se a qualcuno sembra poco, in capitalizzazione composta è un guadagno di 2.472.627% contro il 15.019% dell’indice S&P500.

Nei commenti al risultato, Buffett è stato molto critico riguardo il nuovo metodo di contabilità introdotto negli States, secondo il quale le partecipazioni azionarie in titoli quotati devono essere riportate mark-to-market, ossia al valore di mercato di fine trimestre. Secondo questo metodo, la Berkshire ha dovuto riportare perdite nel primo e nel quarto trimestre rispettivamente per 1,1 e 25,4 miliardi di dollari, mentre ha riportato guadagni per 12 e 18,5 miliardi nel secondo e nel terzo trimestre. Secondo il finanziere più famoso del mondo questo è un metodo sbagliato, perché la maggior parte delle aziende che la Berkshire Hathaway possiede ha dato risultati soddisfacenti in tutti e quattro i trimestri. Quindi molto meglio concentrarsi sugli utili o le perdite dei business sottostanti i titoli in portafoglio, e dare poca attenzione ai prezzi quotidiani, frutto degli umori del momento di mercato.

Proprio a questo proposito, le 5 aziende con le principali partecipazioni, American Express, Apple, Bank of America, Coca Cola e Wells Fargo, hanno distribuito alla Berkshire dividendi per 2.966 miliardi di dollari, ma questi non sono tutti gli utili che hanno creato. Infatti gli utili non distribuiti di competenza della Berkshire ammontano a 6.837 miliardi di dollari. Da questi utili Buffett si aspetta grandi ritorni negli anni a venire.

 

LEGGI ANCHE: 26 citazioni di Warren Buffett

 

Parte di questi utili spesso vengono utilizzati dai manager per il riacquisto di azioni proprie. Buffett è molto favorevole a questa pratica, se viene utilizzata quando i titoli della società quotano al di sotto del valore intrinseco. Per gli azionisti che rimangono per il lungo periodo, si incrementa il valore delle proprie azioni, e anche la percentuale di proprietà. E cita l’esempio di American Express, che negli ultimi otto anni, ricomprando azioni proprie, ha aumentato la percentuale di proprietà della Berkshire dal 12,6% al 17,9%, senza che quest’ultima abbia dovuto comprare una singola azione.

Anche alla Berkshire si riacquistano azioni proprie, quando Buffett e Charlie Munger (il suo braccio destro) decidono che il valore della quotazione è sotto il valore intrinseco della società. In questo caso ne traggono un beneficio principalmente agli azionisti che rimangono, ma anche a quelli che vogliono lasciare, perché comunque c’è un compratore in più sul mercato.

Inoltre, ci possono essere azionisti che lasciano la Berkshire per acquistare azioni di qualche altra società che ritengono più profittevole. Molti di loro in effetti avranno ragione: ci sono tantissime società che consegneranno risultati superiori. Inoltre ci sarà una categoria di azionisti che lasciano perché pensano sia il momento di utilizzare i soldi per goderseli. Buffett afferma che lui e Charlie non si vogliono aggregare a quest’ultima categoria di persone, perché pensano di diventare spenditori netti quando diventeranno anziani (Buffett ha 88 anni e Munger 95)...

La Berkshire non ha mai dato dividendi. Buffett afferma che nel 1965, agli inizi, la Berkshire aveva un capitale di 22 milioni. Trattenere gli utili per tutti questi anni, e lasciando che la capitalizzazione composta facesse il suo magico lavoro, ha portato la Berkshire ad essere un colosso con un capitale totale di 349 miliardi di dollari. Se avesse adottato una politica di dividere il 100% degli utili, la Berkshire adesso starebbe ancora lavorando con i 22 milioni iniziali…

 

Azioni

Società

Percentuale di quota posseduta

Prezzo di carico

Valore di mercato

 
 
 

(in milioni di dollari)

 

 151,610,700

American Express Company . . . . . .

17.9%

1.287

14.452

 

 255,300,329

Apple Inc.  . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

5.4%

36.044

40.271

 

 918,919,000

Bank of America Corporation . . . . .

9.5%

11.650

22.642

 

84,488,751

Bank of New York Mellon Corp . . . .

8.8%

3.860

3.977

 

6,789,054

Charter Communications, Inc . . . . .

3.0%

1.210

1.935

 

400,000,000

The Coca-Cola Company  . . . . . . . .

9.4%

1.299

18.940

 

65,535,000

Delta Airlines Inc  . . . . . . . . . . . . . .

9.6%

2.860

3.270

 

18,784,698

The Goldman Sachs Group, Inc . . . .

4.9%

2.380

3.138

 

50,661,394

JPMorgan Chase & Co. . . . . . . . . . .

1.5%

5.605

4.946

 

24,669,778

Moody's Corporation . . . . . . . . . . .

12.9%

248

3.455

 

47,890,899

Southwest Airlines Co . . . . . . . . .

8.7%

2.005

2.226

 

21,938,642

United Continental Holdings Inc. . . .

8.1%

1.195

1.837

 

146,346,999

U.S. Bancorp  . . . . . . . . . . . . . . . . .

9.1%

5.548

6.688

 

43,387,980

USG Corporation . . . . . . . . . . . . . . .

31.0%

836

1.851

 

449,349,102

Wells Fargo & Company  . . . . . . . . .

9.8%

10.639

20.706

 

 

Altre  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 

 

16.201

22.423

 

 

 

 

 

 

 

 

Totale:

 

102.867

172.757

 

 

Buffett, e il suo socio storico Charlie Munger, non vedono questi 172 miliardi come un insieme di ticker pronti per essere venduti a causa di downgrade da parte di Wall Street, oppure per aspettative su movimenti della Federal Reserve, possibili sviluppi politici, previsioni di economisti o su un qualsivoglia argomento del giorno. In queste partecipazioni invece, vedono un insieme di compagnie che Berkshire possiede in parte, che guadagnano almeno il 20% sul capitale richiesto per portare avanti il loro business, e che possono portare a casa i loro profitti senza l’impiego di debiti eccessivi.

 

The American Tailwind (il vento alle spalle americano)

L’11 marzo ricorrerà il 77° anno da quando Buffett acquistò le sue prime azioni. Era il 1942, aveva 11 anni, e acquistò tre azioni di Cities Service.

Tornando indietro di altri due periodi di 77 anni si va al 1788, l’anno prima in cui gli Stati Uniti instaurarono il loro primo presidente, George Washington. Buffett si chiede: potrebbe qualcuno aver immaginato all’epoca che risultati avrebbe potuto raggiungere la nazione appena nata?
Durante questi due periodi di 77 anni prima del 1942, gli Stati Uniti sono passati dall’essere una nazione di 4 milioni di persone ad essere la più potente nazione al mondo. Ma non è stata una cavalcata tranquilla, la nazione è passata attraverso una guerra civile che ha ucciso il 4% della popolazione maschile, e negli anni 30 l’America ha attraversato la Grande Depressione, un lungo periodo di crisi economica caratterizzato da una fortissima disoccupazione.

Inoltre ci sono stati periodi di forte inflazione, diverse guerre costose e controverse, le dimissioni di un presidente, un collasso nei prezzi delle case, un panico finanziario paralizzante e altri problemi. Eppure i risultati della nazione sono stati straordinari e tutti i problemi sopra elencati adesso sono solo storia. Se i 114,75 dollari di Buffett fossero stati investiti in un index fund a zero costi sull’indice S&P500, con tutti i dividendi reinvestiti, al 31 gennaio 2019 sarebbero diventati 606.811 dollari, che è una crescita di 5.288 a 1!

Se qualcuno, spaventato dall’aumento del deficit federale, fosse andato nel panico e con i 114,75 dollari si fosse rifugiato nell’acquisto di oro, che protezione avrebbe avuto? Adesso avrebbe un valore di circa 4.200 dollari, meno dell’1% di quanto avrebbe realizzato investendo nel business americano.

Tornando al punto di partenza, nel 1788 in America c’era veramente poco: qualche gruppo di persone ambiziose con un’embrionica intelaiatura di un governo con l’intendimento di tramutare i loro sogni in realtà. Oggi, la Federal Reserve stima il patrimonio finanziario complessivo delle famiglie americane a 108 trilioni di dollari, una cifra quasi impossibile da comprendere.

Quindi Buffett scrive che gli imprenditori Americani che rivendicano di essersi fatti da soli peccano di arroganza; il vento a favore Americano gli ha dato una grossa mano. E’ stato lo stesso, e lo sarà anche per la Berkshire: nei prossimi 77 anni la sua crescita sarà dovuta in larga parte all’American Tailwind.

Tutte le ultime su: warren buffett
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Reddito di residenza attiva: 700 euro al mese per trasferirsi in Molise

Reddito di residenza attiva: 700 euro al mese per trasferirsi in Molise

Ma bisogna anche viverci davvero e soprattutto avviare una attività economica. In questa guida ecco come funzionerà il cosiddetto "Reddito di residenza attiva" Continua »

da

ABCRisparmio

Cuneo fiscale: cos’è e perché tagliarlo

Cuneo fiscale: cos’è e perché tagliarlo

Ne sentiremo parlare nei prossimi mesi. Perché la riforma del cuneo fiscale fa parte del programma del nuovo governo. Vediamo cos'è il cuneo fiscale e perché tagliarlo Continua »