NAVIGA IL SITO

Ed Seykota, il segugio dei trend!

Insegnamento importante e immediato per raggiungere buoni risultati

di Mario Elia
Nel mondo finanziario, cari lettori, non si è mai placato il dibattito fra i sostenitori delle tecniche “secondo-trend” e di quelle “contro-trend”. Che, tuttavia, non arrivano a risolvere da sole il complesso mondo dell’analisi finanziaria, composto anche di sistemi frequenziali, macroeconomici, randomistici, fondamentali e altro ancora.

Ma dovessimo investire un nostro ultimo e disperato euro a Piazza Affari, oggi propenderemmo per l’approccio di Ed Seykota, grande discepolo di Richard Dochian e Jessie Livingstone e impareggiabile cacciatore dei trend, che al culmine del successo dichiarò: “La vita stessa segue i trend, tutto si muove secondo tendenze, mode, movimenti. Questo non avrà mai fine…”

E di successo ne ebbe parecchio, visto che gli annali della dottrina riportano il caso di un investitore che, avendogli affidato 5.000 dollari, in capo a sedici anni (precisamente, dal 1972 al 1988), pur avendo effettuato dei prelievi, se ne ritrovò ben 15.000.000!!!

Da tempo volevamo proporvi un’antitesi alle indubitabili e documentate imprese di Warren Buffett e Peter Lynch, bravissimi interpreti del più rigoroso fondamentalismo di questo nostro dorato mondo finanziario. Ma tuttavia anche un po’ demotivanti per l’indubbia difficoltà a imitarli e per l’esteso arco temporale solitamente richiesto dagli investimenti. Seykota ha invece puntato i suoi biglietti verdi solo e sempre sull’analisi tecnica, senza mai dissimulare una viva e singolare avversione per i dati di bilancio e per i vari e sacri ratios, dal Roe al Price/Earning.

La sua simpatica-antipatia per questo tipo di interpretazione finanziaria lo ha portato addirittura a valutare attentamente (senza peraltro mai metterla in pratica) la teoria “contrarian”: quindi, il trend-following di Seykota non ama la tecniche contro-trend, né la contrary-opinion. Ma il vero nemico concettuale resta l’analisi fondamentale.

Quale la nostra pur ininfluente opinione? Un ben noto divulgatore italiano di lungo corso, di cui non faremo il nome, per averlo già ripetutamente richiamato, ha sostenuto che “se si vuole rapidamente combinare qualcosa di concreto, non resta che l’analisi tecnica…”

Va detto che, agli inizi, Ed Seykota non brillò particolarmente, essendo fra l’altro incorso in un clamoroso infortunio sulla previsione delle quotazioni dell’argento. Non se ne impressionò, anzi, avendo concluso la fallimentare opinione in base a ragionate analisi e notizia, ne trasse la salutare lezione che i mercati sono disinteressati anche alle informazioni! La testarda applicazione alle grandi prospettive offerte dalla periodica formazione dei trend lo portò in breve a realizzare dei sistemi d’investimento che ne hanno fatto un’autentica leggenda vivente. Scoperta la lampada di Aladino, Ed si mise in proprio, realizzando rendimenti che, nel medesimo arco temporale, risultano tuttora ineguagliati.

In particolare, ogni buon creatore di trading system “secondo-trend” deve saper tagliare le perdite, scegliere i titoli vincenti, suddividere gli investimenti su più di un titolo e rispettare le regole che si è auto-imposto. Con un ultimo ragguaglio: nel dubbio interpretativo, chiudere le posizioni!!!

Umili e contemporaneamente ambiziose, queste premesse hanno portato Seykota a enucleare e a perfezionare il primo sistema “commerciale” di trading computerizzato, idoneo a investire il proprio capitale ma, soprattutto, quello altrui, ciò anche nell’insidioso quanto potenzialmente remunerativo territorio dei futures.

Curiosamente, le imprese di Seykota, come le sue tecniche, hanno fatto notizia grazie alle affettuose e grate dichiarazioni dei suoi due migliori discepoli, Michael Marcus e David Druz, sui quali più oltre immancabilmente torneremo.

Così oggi sappiamo che il grande Ed lavora senza frenesie ipertecnologiche, dedicando al trading lo stretto tempo necessario a mettere a punto i segnali entry-exit nel programma che, da buon ingegnere elettronico, non ha mai cessato di perfezionare. Ma, come accennato, la fredda programmazione tecnica non risolve le ambizioni di Seykota, che ambisce a perfezionare, di pari passo, la psicologia del trading.

Notevole la lezione, già ricordata, di Martin Pring: “…i prezzi sono determinati dal mutare della disposizione d’animo degli investitori verso le evidenze fornite dai dati fondamentali…”

Per Seykota, attività finanziaria e psicologia dell’investitore giungono idealmente a identificarsi. Non era un po’ lo stesso, se ricordate, per Charles Dow e Ralph Nelson Elliott?

Una convinzione che portò Ed all’incondizionata adesione alle teorie di Richard Donchian (proprio il padre del crossover a 5/20 giorni e del trading incentrato sulle 4 settimane), primo “Immortale” a dichiarare serenamente che un ottimo trading-system automatizzato e incentrato sul trend-following avrebbe potuto, nel tempo, battere sonoramente il mercato. E questo perché, cari lettori? Perché il “postulato primo”, sul quale da tempo insistiamo, è che i trend esistono!!!

Credeteci, l’insegnamento di Seykota è così importante e così immediato, relativamente al raggiungimento di buoni risultati, che ci dovremo tornare su quanto prima.
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »