NAVIGA IL SITO

Permessi retribuiti

I permessi retribuiti sono rappresentati dalle assenze, retribuite, cui il lavoratore ha diritto

di Mauro Introzzi
Sono rappresentati dalle assenze, retribuite, cui il lavoratore ha diritto. Il prestatore di lavoro può ottenere:
- un permesso retribuito di tre giorni in caso di morte o grave infermità del coniuge o di un parente entro il secondo grado;
- un congedo retribuito di 15 giorni in occasione del proprio matrimonio; - permessi retribuiti per sostenere esami scolastici o universitari, compresi 5 giorni all’anno per prepararli;
- permessi retribuiti per svolgere funzioni durante i periodi elettorali, come quello di scrutatore o di presidente di seggio;
- una giornata di riposo retribuito per una donazione di sangue o il numero necessario di giornate retribuite per gli esami di idoneità e compatibilità per la donazione di midollo osseo;
- varie giornate retribuite (a carico del Fondo della Protezione Civile) per chi espleta funzioni di soccorso o di esercitazione come volontario nella Protezione Civile;
- 2 ore di permesso retribuito al giorno e 3 giorni di permesso retribuito al mese per chi ha un handicap grave. E 3 giorni retribuiti per i parenti che accudiscono portatori di handicap grave.
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

ABCRisparmio

Come si effettua il riscatto della laurea

Come si effettua il riscatto della laurea

Il riscatto della laurea consente di considerare validi per la pensione gli anni trascorsi all’università, come se si fosse lavorato anziché studiato Continua »