NAVIGA IL SITO

Cosa sono e cosa fanno i robo advisor

Il robo advisor, neologismo diventato presto decisamente diffuso nel mondo della finanza, è una piattaforma di consulenza finanziaria, fornita da sistemi automatici e sul web

di Redazione Soldionline 29 lug 2019 ore 15:02

fintechQuella dei robo advisor è una branchia del FinTech, in particolare del digital investing (ossia degli investimenti tramite il digitale). Acronimo delle prime sillabe di FINancial TEChnology, il FinTech è il segmento che raggruppa le imprese che forniscono prodotti e servizi finanziari attraverso le nuove tecnologie digitali.

 

Cos'è il robo advisor e quando è nato

Il robo advisor, neologismo diventato presto decisamente diffuso nel mondo della finanza, è una piattaforma di consulenza finanziaria, fornita da sistemi automatici e sul web, spesso (ma non sempre) da fruire in totale autonomia.

Il servizio di basa su un sistema di consulenza automatizzata, costruita su una serie di algoritmi, finalizzata a consigliare la miglior proposta di investimento per il cliente in base alle sue caratteristiche di avversione/propensione al rischio e in base ai suoi obiettivi finanziari.

La definizione robo advisor non è da confondersi con quella di robo trader. Quest’ultimo termine può essere assimilato a quello di trading system, ossia un sistema di investimento interamente deciso da una macchina in base a determinate regole e con gli ordini passati direttamente al mercato.

Per quanto riguarda il robo advisor, invece, la trasmissione del segnale è passata al cliente ed eseguita da quest’ultimo.

Nati alla fine del primo decennio degli anni 2000 negli stati anglosassoni (USA e UK in primis) i robo advisor si sono poi diffusi negli altri paesi occidentali e negli stati europei.

 

Come lavora un robo advisor

La consulenza fornita tramite un robo advisor viene personalizzata in base a una profilazione compiuta sul cliente. Questa profilazione serve a definire le caratteristiche dell’investitore, principalmente in termini di propensione o avversione al rischio, di obiettivi e/o vincoli finanziari.

Una volta che il cliente è stato “inquadrato” gli si propone un’allocazione degli investimenti congrua al suo profilo, tipicamente con gli Exchange Traded Fund.

Successivamente i digital advisor propongono servizi di ribilanciamento automatico del portafoglio nel tempo, al variare delle condizioni dei mercati e più in generale dello stato dell’economia complessiva.

Accanto a un approccio più radicalmente digitale, negli anni è nato anche un modello maggiormente ibrido, che affianca al servizio “pure robo advisor” una componente più fisica, grazie al supporto umano - magari in modalità remota – di consulenti finanziari indipendenti. Secondo molti addetti ai lavori sarà questo approccio a vedere lo sviluppo più accelerato in questi anni, con un’interazione umana (pur digitale) sempre presente.

 

I pregi del robo advisor

Il principale vantaggio per chi si rivolge a un robo advisor è quello dei costi: i modelli di produzione e distribuzione di questi ultimi, e l’utilizzo di asset poco dispendiosi come gli ETF (i fondi indice a gestione passiva) permette di tenere sotto determinate soglie le spese annue relative alle varie commissioni tipiche dell’industria dei fondi di investimento. La standardizzazione dell’offerta, che non è però sempre sinonimo di spersonalizzazione (specie nei modelli in cui la componente di interazione umana è ancora ben presente), è poi tipicamente trasparente e ben definita, anche sotto il profilo dei costi, già all’inizio dell’investimento.

Un altro dei pregi maggiori dei robo advisor è quello dell’eliminazione della componente emozionale, sia dei risparmiatore ultimo che dei suoi advisor fisici, nell’approccio all’investimento. Totalmente demandato, anche nei ribilanciamenti periodici o non, a algoritmi e supporti automatici.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Il Reddito di cittadinanza è il nuovo sussidio contro la povertà. Lo si potrà richiedere dal 6 marzo 2019 e verrà distribuito a partire dal 27 aprile. Destinatari, requisiti e importi Continua »

da

ABCRisparmio

Scadenze fiscali settembre 2019 per le pesone fisiche

Scadenze fiscali settembre 2019 per le pesone fisiche

Vediamo quali sono le principali scadenze fiscali per il mese di settembre 2019. Tratteremo in particolare quelle che riguardano le persone fisiche. Continua »