NAVIGA IL SITO

Gli obiettivi dell'investimento

Esistono tre obiettivi di investimento: la crescita del capitale; la fruizione di una rendita periodica; la protezione del capitale. E non è facile accordarli

di Marco Delugan

Il "prezzo" per la protezione del capitale investito è un rendimento ridotto, solitamente nella forma di un reddito annuale più basso. Poi, tanto più reddito si ritiene di dover ottenere dagli investimenti, tanto meno crescita si otterrà sul capitale investito. Un reddito periodico sottrae proventi finanziari all'investimento di base, che se opportunamente reinvestiti, genererebbero invece nuovi utili e quindi potrebbero apportare ulteriore valore all'investimento.

Anche in questo caso, ogni persona ha specifici obiettivi di rendimento, che possono differire anche di molto l'uno dall'altro. Se il portafoglio di investimento deve fornire una parte importante del reddito annuale, ad esempio, l'investimento dovrà essere strutturato in modo da garantire che questo reddito sia stabile e sicuro. D'altra parte, persone che investono in vista di eventi futuri - come ad esempio la scuola dei figli, la casa, la pensione - cercheranno rendimenti che tendano ad enfatizzare la crescita del capitale. Molte persone, poi, desidereranno bilanciare le due componenti - in parte reddito corrente, e in parte crescita del capitale.

LEGGI ANCHE: Come investire in borsa

E' importante determinare gli obiettivi di rendimento e scegliere in maniera adeguata: non esiste un investimento che possa fornire contemporaneamente un reddito certo alto ogni anno, protegga il capitale investito e offra un alto potenziale di crescita.

Anche su questo tema ci sono diversi trade-off, che possono essere osservati dagli esempi di singole categorie di titoli, dalle meno rischiose alle più rischiose:

  1. fondi di investimento monetari, certificati di deposito, obbligazioni a breve termine offrono un reddito annuale certo e la protezione del capitale, ma è bassa la potenzialità di crescita futura;
  2. le obbligazioni di lungo termine offrono un reddito annuale più alto, ma una minore protezione del capitale - sul lungo periodo l'emittente potrebbe diventare insolvente con una maggiore probabilità rispetto al breve periodo - e un potenziale di crescita un po' più alto;
  3. le azioni di società solide in settori maturi offrono un reddito annuale meno certo, dal momento che i dividendi non sono certi, e nessuna protezione del capitale dal momento che il prezzo delle azioni non è garantito, ma offrono un forte potenziale di crescita;
  4. e infine, azioni a "crescita aggressiva" - società emergenti, mercati emergenti - offrono il più alto potenziale di crescita ma raramente pagano dividendi.
I titoli indicati servono solo come esempi di tipologie, come aiuto per identificare gli obiettivi di rendimento. Individui con obiettivi di rendimento specifici non investiranno necessariamente solo all'interno di una categoria di titoli. Diversificare tra diversi tipi di titoli nelle proporzioni adatte aiuterà a raggiungere gli obiettivi di rendimento.


Marco Delugan
marcodelugan@soldionline.it

 

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di residenza attiva: 700 euro al mese per trasferirsi in Molise

Reddito di residenza attiva: 700 euro al mese per trasferirsi in Molise

Ma bisogna anche viverci davvero e soprattutto avviare una attività economica. In questa guida ecco come funzionerà il cosiddetto "Reddito di residenza attiva" Continua »

da

ABCRisparmio

Cuneo fiscale: cos’è e perché tagliarlo

Cuneo fiscale: cos’è e perché tagliarlo

Ne sentiremo parlare nei prossimi mesi. Perché la riforma del cuneo fiscale fa parte del programma del nuovo governo. Vediamo cos'è il cuneo fiscale e perché tagliarlo Continua »