NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Basi Investimento » Cos’è il trading online

Cos’è il trading online

Il trading online è un modo di investire in borsa. Lo si può fare da casa e dal proprio computer. Prima di tutto bisogna aprire un account presso un broker finanziario. E bisogna studiare molto e praticare altrettanto. Perché i mercati sono difficili ed è facile perdere.

di Matteo Polleschi

Fare trading online (TOL) vuol dire acquistare e vendere titoli finanziari via computer. E in particolare dal proprio computer, su cui si è installata una piattaforma di trading. Una buona piattaforma di trading online permette di operare su molti strumenti finanziari e su molti mercati.

L'obiettivo di chi fa TOL è guadagnare sulla differenza di prezzo tra acquisto e vendita. E' una attività rischiosa, nel senso che si possono perdere soldi. Per poterla affrontare con profitto bisogna studiare: per capire il funzionamento dei mercati finanziari e per definire un proprio piano di azione. E bisogna saper gestire l'emotività che le fluttuazioni delle quotazioni di borsa possono facilmente generare.

L'aspetto psicologico del trading è molto importante. Tanto che una buona operatività non è mai definita in termini assoluti, ma deve essere sempre adattata al carattere di chi la mette in atto. Per alcuni, ad esempio, può essere adatta una operatività molto frequente, su un orizzonte temporale di breve periodo. Per altri può essere meglio operare meno e porsi in una prospettiva di periodo più lungo.

Il trading online è arrivato in Italia solo nel 1999, quando il "Nuovo Regolamento Consob di attivazione del Testo Unico dei mercati finanziari" ne ha regolamentato gli aspetti.

LEGGI ANCHE: Come investire in borsa

 

COS'E' IL TRADING ONLINE (E PERCHE' FARLO)

analisi-tecnica_10Il trading online, è uno strumento poco costoso per investire il proprio denaro in borsa. Le commissioni sono basse e in più si ha accesso a quotazioni e grafici in tempo reale, analisi tecnica e fondamentale, e tante altre cose. Cose che servono all’investitore per effettuare le scelte di investimento giuste e al momento giusto. Con il trading online, si ha tutto sott'occhio, all’istante e in tempo reale. Si parte con il preborsa, l'apertura, la chiusura, e anche l'afterhours per i titoli azionari.

La maggior parte degli investitori usa il TOL per investire in azioni. Poi si ha accesso alla quotazione dei fondi di investimento, dei titoli di Stato, dei CW, eccetera. L'orario di lavoro per l’investimento in titoli azionari di Piazza Affari si può paragonare a quello di un lavoro comune. Apertura ore 09.00 e chiusura 17.30, escluso il mercato asta. In più, con l'afterhours, si fa anche lo straordinario.

 

PER CHI E’ ADATTO IL TRADING ONLINE

Il trading online è adatto a chi vuole investire il proprio denaro da solo. Ma per trarre vantaggio dall’indipendenza che il TOL rende possibile, bisogna faticare: e cioè studiare, applicare la propria strategia e resistere alla pressioni del mercato.  I mercati finanziari sono infatti posti molto complessi e soprattutto imprevedibili. Per questo bisogna studiare molto e soprattutto continuare a farlo per definire e adattare la propria operatività ai possibili mutamenti dello scenario.

La volubilità dei mercati mette anche a dura prova il carattere del trader. Non è facile mantenere un programma operativo quando il mercato dice il contrario, e cioè quando le quotazioni scendono invece di salire. Per questo ci vuole il carattere per non farsi travolgere dall’emotività. E la competenza per capire quando è davvero necessario cambiare approccio.

Prima di investire, quindi, bisogna capire bene, molto bene, come funziona tutto lo “scatolone”. Il consiglio che posso dare è di rivolgersi al proprio consulente, soprattutto all’inizio, perché vi indichi come agire. Ricordiamoci sempre che stiamo investendo i nostri soldi, magari risparmi sudati in anni di lavoro, e non è piacevole perderli per uno stupido errore. Se sentite in giro dire che con la Borsa si guadagna sempre e bene, non è tutto vero, o meglio i guadagni si fanno, ma è facile anche avere delle perdite.

 

COME FARE TRADING ONLINE

Bisogna farlo tramite un broker, perché non si può operare direttamente sui mercati finanziari. Il broker finanziario è un intermediario che acquista e vende titoli per conto del cliente. Per fare trading bisogna quindi iscriversi presso un broker, e cioè aprire un account. Tipicamente i broker offrono una piattaforma con cui il cliente può inviare al broker stesso gli ordini di acquisto e vendita dei titoli su cui vuole operare.

 

COME SCEGLIERE IL BROKER E LA PIATTAFORMA

In Italia operano diversi broker. E ogni broker offre una piattaforma di trading. Molti offrono anche una versione dimostrativa con la quale è possibile iniziare a fare esperienza senza rischiare soldi veri, e si può valutare la piattaforma stessa. Le cose da considerare per valutare una piattaforma di trading sono:

  • facilità d'uso della stessa;
  • disponibilità di una versione demo illimitata e gratuita;
  • il livello del deposito minimo per cominciare a operare;
  • la disponibilità degli assett su cui operare;
  • e la presenza di strumenti avanzati di trading.

Le diverse caratteristiche assumono diversa importanza secondo il livello e l'esperienza del trader. Chi inizia, ad esempio, potrà preferire piattaforme facili da usare e che non chiedano un deposito minimo troppo alto. Mentre un trader più avanzato potrebbe preferire piattaforme che offrono molti strumenti su cui operare, e la possibilità di utilizzare strumenti avanzati. Non esiste quindi un broker migliore di altri in assoluto.

E ovviamente bisogna considerare i costi, sui quali dovete fare particolare attenzione.

 

I COSTI DELLA PIATTAFORMA DI TRADING ONLINE

I costi variano in base ai servizi offerti e all’affidabilità e alla funzionalità della piattaforma usata. Di solito hanno un canone mensile, da cui si può rientrare in base agli eseguiti fatti. Per esempio: se si fanno 20-30 eseguiti in un mese di acquisto e vendita la piattaforma è gratis. Altre permettono di operare in Push (ovvero si vedono le variazioni dei prezzi in tempo reale), ma hanno funzionalità limitate. Tutto dipende da come e cosa si vuol fare. E' logico che gli operatori professionali usino piattaforme aggiornatissime e affidabili. Con la piattaforma di trading, abbiamo sotto controllo il nostro conto corrente, quindi saldo sempre visibile e aggiornato, a ogni operazione fatta, e piena disponibilità a operare sui mercati finanziari con un click.

 

COME INIZIARE A FARE TRADING ONLINE

Dopo aver aperto un account presso un broker online, avere scaricato la piattaforma e avere imparato a utilizzarla, bisogna darsi una strategia. E una strategia è fatta di obiettivi, di tempi per raggiungerli e di modi di operare.

Ma come abbiamo visto sopra, una strategia non è per sempre. Anzi, è fatta per essere migliorata e adattata ai cambiamenti del mercato, delle proprie capacità e delle proprie attitudini. Col tempo, ad esempio, si può decidere di cambiare tipo di operatività, passare da un'ottica di breve periodo a un'ottica di periodo più lungo. Dopo aver deciso l'approccio, bisogna metterlo in pratica. Anche perché solo dalla pratica si può guadagnare. E solo nella pratica si può provare la tecnica e se stessi.

 

COME LAVORA UN TRADER ONLINE

L'immagine del trader attaccato al computer per 12 ore al giorno potrebbe essere sbagliata. Ne esistono sicuramente di così, ma per operare con profitto sui mercati finanziari forse non è la cosa migliore. L'attività di un trader dovrebbe infatti comprendere le seguenti fasi:

  • certamente la negoziazione dei titoli finanziari;
  • ma anche un tempo per la definizione del piano di lavoro e di una strategia;
  • e un tempo per l'analisi di mercato e l'esame dei risultati ottenuti.

Tutto questo, assieme allo studio dei mercati, permetterà di migliorare le proprie strategie e le proprie tattiche. E di far crescere i profitti dell'attività di trading.

 

LEGGI ANCHE: La vita di un day trader non è affatto divertente

 

TRADING ONLINE E CARATTERE

Le quotazioni di borsa fluttuano in maniera in gran parte imprevedibile, e si posso perdere soldi. Per fare in modo che le perdite siano superiori ai guadagni, c'è sicuramente una componente tecnica: di conoscenza dei mercati finanziari, del loro funzionamento e di capacità elaborazione di una strategia. Ma una componente importante è sicuramente quella psicologica: l'emotività può indurre in errore e far perdere più soldi di quanti si sarebbero persi se si fosse rimasti più freddi.

Per contenere gli effetti negativi dell'emotività, come ad esempio vendere e acquistare quando non è il momento, molti sostengono che il trader debba imporsi una disciplina. E al limite non importa nemmeno che la disciplina, o meglio una procedura operativa, sia la migliore possibile. L'importante è che consenta di evitare gli errori emotivi peggiori e potenzialmente più distruttivi.

 

LEGGI ANCHE: Gli errori dei risparmiatori

 

COME FARE TOL: LE MODALITA’ OPERATIVE

Per entrare in un dettaglio maggiore su come fare trading online, focalizziamo adesso l’attenzione sull’uso da parte dell’investitore, e identifichiamo tre modi di operare (in base all’orizzonte temporale che chi investe decide).

Lo scalping, cioè l’entrata e l’uscita dal mercato, di solito con titoli azionari, più volte nell’arco della giornata (operazioni che durano minuti). Lo scalper utilizza frequentemente e in modo costante il book. Ovvero:

trading online

Dove il danaro rappresenta quello che siamo disposti a pagare per acquistare il titolo. La lettera è, invece, la richiesta di danaro da parte del venditore, quindi prezzo di vendita del titolo. Sulla sinistra del book si ha la quantità di “denaro” disposti ad acquistare ovvero numero di azioni e il prezzo di acquisto. Lo stesso per la “lettera” solo che si tratta della vendita e sulla sinistra della Q. Denaro e sulla destra della Q. Lettera si ha il numero di investitori disposti ad acquistare o vendere al prezzo del livello. Ricordo che i book profondi sono a 5 livelli, come quello sopra indicato. Vedremo in seguito meglio le strategie di scalping e il book, le quali richiedono molta attenzione, in quanto complesse.

 

LEGGI ANCHE: Trading online: il book e lo Scalping

 

Il day trading, che vuol dire operare con un orizzonte temporale giornaliero. Il day trader compra un’azione, che sta seguendo da un certo periodo, e l’acquista quel giorno, perché è convinto dalle sue analisi, dalle notizie del titolo e del mercato, che quel giorno, farà la migliore performance.

Poi ci sono gli open trader, ovvero coloro che entrano nel mercato in modo casuale, oppure dopo l’uscita di qualche dato o notizia.

Esistono anche investitori long. E cioè coloro che aprono posizioni long, che credono che quel titolo, dati determinati accadimenti, possa salire in un arco temporale medio lungo.

 

COME E' FATTA UNA PIATTAFORMA DI TOL

Chi investe e opera su internet ha la necessità di poter contare su piattaforme di trading online sempre più avanzate. E con livelli di usabilità molto elevate. Le piattaforme di trading di ultima generazione permettono di ottenere informazioni molto dettagliate per operare al meglio. E strumenti per poter effettuare scambi in qualsiasi posto e in qualsiasi momento.

 

LE FUZIONALITA' TIPICHE

Ora vediamo come è fatta una piattaforma di trading online; prima vi preciso che ogni piattaforma propone un’interfaccia diversa, rispetto a un’altra, ma sostanzialmente la funzione è la solita:

  1. non richiedono di installare software e sono compatibili con i principali sistemi operativi (Windows, Mac, Unix, Linux);
  2. sono gratuite, almeno le versioni base;
  3. sono sviluppate internamente; quindi si può intervenire direttamente sui programmi, sia per la manutenzione che per lo sviluppo: gli aggiornamenti sono messi a punto con modalità più rapide ed efficaci e anche eventuali suggerimenti utili dei clienti possono trovare risposta velocemente;
  4. sono tra loro integrate, ovvero il cliente troverà la stessa situazione del proprio conto di trading qualunque piattaforma stia utilizzando. Ad esempio può inserire l'ordine dal Book e controllare l'eseguito e la nota informativa sulla Base;
  5. forniscono le quotazioni dei titoli in modalità push tick by tick;
  6. consentono l'immissione, modifica e revoca degli ordini in un secondo;
  7. permettono di immettere ordini "al meglio", con prezzo limite o condizionati (stop loss/debording);
  8. consentono di vendere "allo scoperto" con ricopertura in giornata, oppure oltre tale termine, mediante l'apertura di un prestito titoli;
  9. consentono di effettuare acquisti con il "margine", cioè impegnando solo una frazione dell'importo dell'acquisto;
  10. sono in grado di visualizzare i grafici intraday e storici di indici e titoli;
  11. espongono per ogni ordine l'esatta cronistoria: ora-minuto-secondo di immissione, di inoltro alla Borsa, di entrata in negoziazione e di eseguito;
  12. A ogni eseguito presentano l'aggiornamento in tempo reale della posizione in euro e titoli, compreso il calcolo della componente fiscale;
  13. consentono di accedere al proprio conto in qualunque momento, anche fuori dell'orario di operatività della Borsa.

Con la piattaforma si ha pieno accesso agli strumenti necessari per investire, la comodità che è tutto visualizzabile anche quando il mercato è chiuso.

 

HOME BANKING E TRADING ONLINE

Tornando un po’ indietro ci possiamo chiedere: ma io posso lavorare da casa, dall’ufficio, ma in che modo, collegandomi a cosa? Riposta: per gli investitori non professionisti ci si appoggia all’home banking e alle piattaforme messe a disposizione dal nostro Istituto. Con la locuzione inglese home banking (traducibile come banca da casa), anche detto banca online, vengono indicate le operazioni bancarie effettuate dai clienti degli istituti di credito tramite una connessione remota con la propria banca, funzionalità resasi possibile con la nascita e lo sviluppo di Internet e delle reti di telefonia cellulare. Alcuni dei servizi di home banking attualmente più diffusi sono:

  • Visione dell'estratto conto
  • Bonifici bancari on-line
  • Operazioni di ricarica del cellulare
  • Pagamenti on-line
  • Investimenti

L'adozione di sistemi di home banking ha portato vantaggi sia alle banche che ai clienti degli istituti di credito: per la banca l'adozione di tali servizi comporta l'allargamento del target di clientela, potendo estendere i propri servizi anche all'estero, nonché una riduzione dei costi lavorativi; i clienti beneficiano invece della maggior comodità (accesso non geograficamente né temporalmente limitato) dei servizi di home banking e del loro minor costo rispetto ai servizi off-line. Quindi l’home banking è la “base-servizio” per fare trading online, quasi tutte le più famose banche danno la possibilità di avere l’home banking, e quindi piattaforme per il trading online.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Gig economy: lavoreremo tutti per un algoritmo?

Gig economy: lavoreremo tutti per un algoritmo?

Economia dei lavoretti, ma non solo. La gig economy potrebbe diventare la nuova forma di organizzazione del lavoro per molti. Vediamo di cosa si tratta Continua »

da

ABCRisparmio

Comprare o affittare casa?

Comprare o affittare casa?

Se inserita in un'ottica di gestione patrimoniale, comprare o affittare casa può essere una scelta più difficile di quanto sembri. Uno strumento aiuta a chiarirsi le idee Continua »