NAVIGA IL SITO

Tagliare i tassi: l’obiettivo sono i cambi?

Quasi tutte le banche centrali sembrano orientate a nuove iniziative espansive di politica monetaria, con l'obiettivo di prevenire un apprezzamento della propria valuta

di Valter Buffo 17 lug 2019 ore 09:57

Commento giornaliero di recce-d.com

 

cambi_4Abbiamo messo in evidenza ieri mattina, utilizzando un commento della banca Danske, che per ciò che riguarda l’Europa e gli annunci di prossime, nuove iniziative di politica monetaria (di carrattere “non convenzionale”) gli effetti che si attendono sono tutti, e per intero, concentrati sul mercato finanziario. Si è ormai rinunciato a fare riferimento all’economia reale, quella dei salari, del PIL, dell’inflazione, eccetera. Si discute unicamente dell’impatto sui mercati finanziari: Danske faceva notare che un taglio dei tassi ufficiali BCE avrebbe come effetto che le banche commerciali, invece di prendere i soldi dalla BCE e ri-depositarli alla stessa BCE, andrebbero sul mercato a comperare obbligazioni. Solo a quel punto forse, attraverso un effetto sul tasso di cambio dell’euro, si potrebbe immaginare un effetto anche per aziende e consumatori, ovvero le famiglie. E proprio questo è il punto sul quale noi, oggi, vogliamo attirare la vostra attenzione, allargando anche lo sguardo dall’Europa al mondo intero, sfruttando un articolo che ieri è stato pubblicato sul Financial Times. Nel brano che segue, viene messo in evidenza il fatto che quasi tutte le banche centrali in questo momento sembrano orientate a nuove iniziative espansive di politica monetaria, e che il principale obiettivo si questa operazione, che è solo in apparenza è coordinata, è quello di prevenire un apprezzamento della propria valuta, e contrastare pertanto l’effetto delle manovre messe in atto dagli altri Paesi.

In recent weeks, central banks have shown a willingness to reopen the monetary spigots to keep the economic show on the road. This raises some big questions: are we on the cusp of a new wave of monetary experimentation? If so, how significant will the economic impact be? And are investors ready? The next stage of monetary innovation may see central banks taking policy rates well below zero and potentially even extending asset purchases from government and corporate bonds, to corporate equity. Neither form of policy extension is based on clear economic merit. It is hard to pass on negative interest rates to households; they have the option to withdraw cash and keep it under the mattress. In practice, negative interest rates simply act as a tax on both banks and businesses. Equally, buying corporate bonds and equities risks all manner of problems, as it has the potential to worsen inequality by inflating asset prices. And it can wreak long-term damage on the economy through warped incentives. Central banks passively holding stocks and bonds do not encourage company managers to run their businesses more effectively. Still, several countries’ central banks appear set to embrace this new wave of monetary experimentation, adopting increasingly questionable policies in an attempt to match the efforts of their neighbours and prevent their currencies from appreciating. They will be under pressure to win — or at least not lose — the currency war.

Nel daily dedicato ai Clienti, The Morning Brief, di oggi 17 luglio 2019, abbiamo trattato i seguenti temi:

  1.     Oggi commentiamo i primi risultati trimestrali delle grandi banche globali
  2.     Il dato per le vendite al dettaglio di ieri è una sorpresa positiva
  3.     Il dato per la crescita del PIL in Cina è uscito al livello più basso della sua intera storia e questo dato blocca le trattative sulle tariffe
  4.     SEZIONE L'OPERATIVITA'    questa settimana sul piano operativo ci occupiamo ancora di utili delle Società quotate in Borsa, concentrando la nostra attenzione sull’Europa
  5.     SEZIONE L'ANALISI    il tema della nostra Analisi sarà questa settimana la crisi di Deutsche Bank, che poi è la crisi di un intero settore

recced-logo_1

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà
Tutte le ultime su: recced
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »