NAVIGA IL SITO

Quali opportunità su azioni e bond dopo le elezioni europee?

Gli operatori dei mercati finanziati in Europa tornano a focalizzarsi su temi momentaneamente accantonati come la Brexit e le relazioni commerciali USA-Cina. Senza dimenticare la questione politica italiana

di Redazione Soldionline 30 mag 2019 ore 10:26

Passato l’ostacolo delle elezioni europee, gli operatori dei mercati finanziati in Europa tornano a focalizzarsi su temi momentaneamente accantonati come la Brexit e le relazioni commerciali USA-Cina. Secondo gli esperti di Amundi, questi due fattori “rappresentano un rischio ancora maggiore per il sentiment in Europa - due incertezze ancora irrisolte”.
Senza dimenticare la questione politica italiana che ha portato a un aumento delle pressioni sul debito italiano, coinvolgendo a cascata i titoli di stato italiani e i principali istituti quotati su Borsa Italiana.
Sulla base di questo scenario nell’analisi seguente Amundi fornisce alcune indicazioni di investimento per i prossimi mesi.

azioni-vs-bondIl solo svolgimento delle elezioni dovrebbe eliminare un'incertezza anche se la piena manifestazione del nuovo Parlamento europeo si avrà nei prossimi mesi: la nuova Commissione e il nuovo Presidente della BCE devono ancora essere eletti e quelli saranno passi cruciali nel determinare il percorso dell'Unione europea nei prossimi anni. Crediamo che la Brexit e le relazioni commerciali tra Stati Uniti e Cina rappresentino un rischio ancora maggiore per il sentiment in Europa - due incertezze ancora irrisolte.

Riteniamo ci siano ancora buone opportunità nei comparti più ciclici delle azioni europee. In particolare, le società esposte all’economia domestica dovrebbero beneficiare di una stabilizzazione degli indicatori economici e di una potenziale ripresa nel secondo semestre. Inoltre, vediamo alcune selezionate opportunità all'interno del settore sanitario e delle telecomunicazioni tra i segmenti più difensivi. Naturalmente l'economia europea è molto esposta al commercio globale, quindi sarà influenzata dagli sviluppi nelle relazioni commerciali USA/Cina.

Abbiamo adottato un atteggiamento moderatamente prudente sul debito italiano che potrebbe essere interessato da misure fiscali potenzialmente più aggressive, deficit più ampi in un contesto di crescita lenta (negativa nella seconda metà dello scorso anno) del PIL, con il rischio che il paese sia sottoposto alla procedura per deficit eccessivo da parte della Commissione Europea. Ciò potrebbe mettere sotto pressione gli spread dei BTP e aumentare la volatilità, per non parlare della potenziale reazione delle agenzie di rating e del danno aggiuntivo per le banche italiane. Anche se non riteniamo che questa sia una grave minaccia nel breve termine, perché l'Italia e l'UE potrebbero trovare un accordo su un orientamento fiscale più flessibile, preferiamo adottare una posizione attendista.

La reazione del mercato sull'euro è stata molto limitata in quanto i risultati sono stati in gran parte in linea con le aspettative e non rappresentano un punto di svolta. Le questioni chiave in gioco rimarranno il profilo della crescita economica, gli sviluppi nel panorama politico europeo dopo le elezioni in ciascun paese, la necessità di maggiori stimoli e l'impatto delle varie minacce ancora in atto, che si tratti dei dazi o della Brexit. Il contesto attuale non prevede un'improvvisa ripresa dell'euro.

 

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Il Reddito di cittadinanza è il nuovo sussidio contro la povertà. Lo si potrà richiedere dal 6 marzo 2019 e verrà distribuito a partire dal 27 aprile. Destinatari, requisiti e importi Continua »

da

ABCRisparmio

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

Il modello 730 precompilato 2019 sarà accessibile online dal 16 aprile. Può semplificare molte cose nella compilazione della dichiarazione dei redditi. Continua »