NAVIGA IL SITO

Qual è il vero propulsore della volatilità del petrolio?

Secondo Fred Fromm la responsabilità dei picchi di volatilità è da ricercarsi specificamente nelle dinamiche globali del rapporto tra l’offerta e la domanda di petrolio.

di Redazione Soldionline 17 lug 2019 ore 14:08

petrolio_20Negli ultimi tre mesi il prezzo del petrolio ha registrato una forte volatilità. Nel periodo in esame il valore di un barile (WTI di New York) ha oscillato tra un minimo di 51 dollari a un massimo di 66 dollari.
Cosa ha determinato queste forte oscillazioni? Secondo Fred Fromm – Research Analyst di Franklin Equity Group – la responsabilità dei picchi di volatilità non è da ricercarsi tanto nelle tensioni geopolitiche quanto più in altri fattori, specificamente nelle dinamiche globali del rapporto tra l’offerta e la domanda di petrolio.
Nell’analisi seguente l’esperto spiega questa affermazione.

 

Il rallentamento della domanda di petrolio è realmente preoccupante?

 
Al momento attuale, riteniamo che il mercato sembri più focalizzato sulla debolezza delle prospettive per la domanda globale del petrolio, che non su problemi per le forniture dopo i recenti attacchi alle petroliere. A maggio i prezzi del greggio hanno subito una rapida flessione rispetto ai massimi semestrali raggiunti ad aprile e nella prima metà di giugno, mentre l’inasprimento della disputa commerciale USA-Cina ha gettato un’ombra sulle prospettive per il settore manifatturiero e la crescita della domanda di energia.
 
Nelle prospettive di giugno per il mercato del petrolio, l’International Energy Agency (IEA) ha corretto a un leggero ribasso la previsione di crescita della domanda nel 2019 a 1,2 mb/d da 1,3 mb/d del mese di maggio. L’IEA ha anche previsto che la domanda potrebbe iniziare a superare le forniture nel trimestre in corso, segnando il primo squilibrio di questo tipo dall’inizio del 2018.
 
La produzione dei giacimenti petroliferi statunitensi ha aiutato a mitigare i timori di problemi nelle forniture. La produzione si è aggirata intorno a un record di 12,0 milioni di barili giornalieri (mb/d), in aumento rispetto a 10,6 mb/d dell’anno passato e 9,2 mb/d di due anni fa.2 Inoltre le scorte di petrolio statunitensi sono aumentate a quasi 477 mb/d nell’ultima metà di maggio, raggiungendo il totale più elevato da luglio 2017. 2
 
Molti analisti tuttavia hanno continuato a temere che la produzione stabile degli Stati Uniti e un aumento di produzione dell’OPEC e dei suoi alleati possano far sì che il mercato sia ben rifornito qualora l’OPEC scelga di aumentare la produzione a metà del 2019. Nel mese di gennaio, il cartello e i suoi partner hanno raggiunto un accordo per limitare volontariamente la produzione fino a tutto giugno, con un’eventuale possibilità di un prolungamento in una riunione all’inizio di luglio.

Prospettive e strategia attuali per il petrolio

 
La volatilità che si è sviluppata verso la fine di aprile è proseguita a maggio e giugno, mentre gli investitori erano sempre più preoccupati per le azioni relative ai dazi e il possibile effetto sulla crescita globale. Considerando che i combustibili e di conseguenza la domanda di petrolio, sono sempre stati strettamente legati alla crescita del prodotto interno lordo, si stanno rafforzando le previsioni di un indebolimento della domanda, portando a un calo dei prezzi realizzati per i produttori.
 

Noi investiamo in mercati di risorse naturali che sono fortemente influenzati dai trend economici, pertanto riteniamo che la view debba essere dinamica. Le tendenze recenti sembrano mostrare chiari segni di rallentamento dell’attività economica, tuttavia gli indicatori sono eterogenei e potrebbero essere influenzati dalle preoccupazioni per il commercio e i dazi USA-Cina, che potrebbero risultare temporanee qualora si arrivi a una risoluzione nel prossimo futuro.
 
Detto ciò, riteniamo che i fattori relativi all’offerta e alla domanda debbano essere presi in considerazione insieme alle valutazioni azionarie e a ciò che essi implicano riguardo alle view prevalenti degli investitori. Pur trattando con una maggiore incertezza, a nostro giudizio la risultante debolezza del mercato azionario ha creato numerose opportunità d’investimento in società di ottima qualità. Riteniamo che tali azioni dovrebbero dimostrarsi più resilienti nel caso di una svolta più drastica al ribasso, continuando comunque a offrire un potenziale di rialzo allettante nel caso di una ripresa.
 
Mentre la possibilità di problemi nelle forniture è sempre presente (e l’abbiamo visto di prima mano in Venezuela), i recenti attacchi alle petroliere nel Medio Oriente hanno rafforzato il potenziale di tagli più significativi della fornitura di petrolio. È comunque arduo fare previsioni riguardo ai tempi, la gravità e la durata di questi risultati e pertanto è difficile incorporarli in analisi di scenario.

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutte le ultime su: petrolio
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.