NAVIGA IL SITO

Piazza Affari polarizzata tra due estremi

Da un lato figurano settori e aziende caratterizzate da crescita, solidità patrimoniale e buoni dividendi; dall’altro settori e compagnie sotto pressione per diversi aspetti che ne inficiano le aspettative future

di Edoardo Fagnani 9 lug 2019 ore 10:52

L’attuale fase dei mercati azionari è caratterizzata da elevata incertezza. Piazza Affari non fa eccezione a questo scenario.

In particolare, Massimo Trabattoni - Head of Italian Equity di Kairos – ha evidenziato che il mercato azionario italiano è sempre più polarizzato tra due estremi: da un lato figurano settori e aziende caratterizzate da crescita, solidità patrimoniale e buoni dividendi; dall’altro settori e compagnie sotto pressione per diversi aspetti che ne inficiano le aspettative future.
“Il settore auto è l’esempio forse più lampante tra quelli sotto pressione”, ha evidenziato l’esperto, che nell’analisi seguente, "Italian Times", analizza nel dettaglio l’attuale scenario.

 

analisi-mercato_1Piazza Affari si sta sempre più polarizzando tra due estremi. Da un lato figurano settori e aziende ritenute "sicure", caratterizzate da crescita – magari anche non esaltante ma costante – solidità patrimoniale e buoni dividendi. Dall’altro, invece, settori e compagnie sotto pressione per diversi aspetti che ne inficiano le aspettative future. Tra le prime ci sono molte aziende del settore delle utility e della salute, mentre nel secondo raggruppamento figurano, soprattutto, le banche e il settore auto. Le compagnie safe sono premiate con multipli sostenuti e dunque hanno un rapporto price/earning elevato mentre le seconde sono penalizzate con valutazioni azionarie ai minimi termini.

Il settore auto è l’esempio forse più lampante tra quelli sotto pressione. Da un lato soffre le preferenze delle nuove generazioni, meno inclini ad avere l’auto di proprietà a cui preferiscono il car sharing e i mezzi pubblici. In secondo luogo, l’avvento e la diffusione dei motori elettrici scompagina le barriere di ingresso permettendo l’entrata di nuovi player sul mercato della mobilità, mentre gli investimenti a lungo termine delle compagnie automobilistiche storiche sono ancora da ammortizzare.

Il nostro lavoro consiste nel cercare di evitare le aziende ritenute solide, ma che possono disattendere le aspettative e finire nel secondo gruppo, penalizzate in modo severo dal mercato. Al contempo, ricerchiamo le aziende del secondo gruppo che potrebbero invece sorprendere le aspettative e riportarsi su multipli più elevati, con significative rivalutazione di prezzo.
Restiamo convinti che le maggiori opportunità di acquisto si trovino nel mondo delle small cap, dove è ancora possibile rintracciare aziende con ottime potenzialità di crescita, caratterizzate da valutazione interessanti: al momento, infatti, gli investitori esteri che hanno disinvestito nella correzione del 2018 non sono ancora rientrati e nel caso di un rimbalzo dei mercati saranno pronti a rientrarvi. Se, al contrario, i mercati dovessero arretrare, le small e mid cap dovrebbero soffrire meno rispetto al paniere di large cap. 

 

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.

 

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

LinkedIn: sei regole d’oro per farsi notare (e trovare lavoro)

L’autunno è un ottimo periodo per la ricerca di un nuovo lavoro, anche attraverso LinkedIn, il più grande network professionale online del mondo. Ecco alcune regole da seguire per farsi notare

da

ABCRisparmio

Lotteria degli scontrini: come si partecipa (e si vince)

Lotteria degli scontrini: come si partecipa (e si vince)

La lotteria degli scontrini è una delle manovre che secondo l’attuale esecutivo dovrebbe favorire il riemergere di una certa parte di sommerso. Vediamo cos’è e come funziona Continua »