NAVIGA IL SITO

Petrolio: sarà un “whatever it takes”?

la riunione di dopodomani a Vienna dei produttori OPEC è attesa sui mercati con particolare tensione: prima della scadenza (prevista per luglio) i Paesi produttori annunceranno un nuovo accordo sui tagli, anche più profondo del precedente

di Valter Buffo 23 mag 2017 ore 09:02

Commento giornaliero di www.recce-d.com

 

Il petrolio ha superato, nel 2016, la crisi più profonda degli ultimi 60 anni, anche (ma non so lo) grazie all’accordo tra i Paesi produttori che ha portato ai tagli alla produzione del dicembre 2016. Va detto però che dopo cinque mesi il prezzo di mercato del petrolio NON è salito ulteriormente, e neppure si sono visti drammatici cambiamenti nelle scorte globali di greggio. Per queste ragioni, la riunione di dopodomani a Vienna dei produttori OPEC è attesa sui mercati con particolare tensione: prima della scadenza (prevista per luglio) i Paesi produttori annunceranno un nuovo accordo sui tagli, anche più profondo del precedente. Tanto che alcuni commentatori hanno associato questo annuncio al “whatever it takes” di Draghi nel 2012. Ed anche se nel caso del precedente accordo si è registrato un rispetto delle regole molto più ampio di quanto si era visto in passato (grafico sotto), non tutti gli osservatori sono convinti che i nuovi tagli avranno un’efficacia maggiore di quelli del primo round: l’obbiettivo dichiarato è quello di riportare il livello delle scorte, nei Paesi Sviluppati, alla sua media quinquennale, dalla quale rimane al momento lontano.

“OPEC and some non-OPEC producers are highly likely to maintain cuts for another six to nine months and this is likely to drive global oil inventories down towards normal at the end of 2017. But if the U.S. market keeps adding 30 rigs a month till then, production is likely to grow by 2.3 million barrels a day, putting a downside price risk on 2018 and 2019.”

Uno dei problemi di maggiori dimensioni è l’IRAQ: un fatto che ci aiuta a capire, al tempo stesso, parte delle tensioni geopolitiche e militari in quell’area. Già nel corso del primo round di tagli, lo IRAQ ha completato l’obbiettivo solo al 61%, costringendo la Arabia saudita a tagli alla produzione molto più profondi di quelli concordati.
“This is OPEC’s problem: There is no punishment mechanism. A deal is one thing, implementation is another”.

CONCLUSIONE   Recce’d oggi anticipa alcuni dei risultati del vertice OPEC di dopodomani

 

accordo-tra-paesi-produttori-petrolio

Fonte: BBG

 

la-storia-del-prezzo-del-petrolio

Fonte: eSignal


Nel daily dedicato ai Clienti, The Morning Brief, di oggi 23 maggio 2017, abbiamo trattato i seguenti temi:

  1.     Sempre fermi a 2400, come dal 1 marzo ad oggi: che cosa aspettano le Borse?
  2.     Dollaro sempre più debole: 1,1250 dopo le frasi di Merkel di ieri
  3.     Il petrolio sarà mosso dalla riunione OPEC di questa settimana?
  4.     SEZIONE L'OPERATIVITA'    questa settimana sul piano operativo ci dedichiamo al famosissimo Trump Trade: per valute e tassi è già nel passato, e per le Borse?
  5.     SEZIONE L'ANALISI    questa settimana per il nostro approfondimento il tema è la crescita globale: che cosa c’è che non va, e perché non parte mai?

 

recced-logo_1

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà
Tutte le ultime su: recced , petrolio
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di residenza attiva: 700 euro al mese per trasferirsi in Molise

Reddito di residenza attiva: 700 euro al mese per trasferirsi in Molise

Ma bisogna anche viverci davvero e soprattutto avviare una attività economica. In questa guida ecco come funzionerà il cosiddetto "Reddito di residenza attiva" Continua »

da

ABCRisparmio

Cuneo fiscale: cos’è e perché tagliarlo

Cuneo fiscale: cos’è e perché tagliarlo

Ne sentiremo parlare nei prossimi mesi. Perché la riforma del cuneo fiscale fa parte del programma del nuovo governo. Vediamo cos'è il cuneo fiscale e perché tagliarlo Continua »