NAVIGA IL SITO

Per Russell Investments dopo l'accordo greco meglio aumentare (lievemente) il peso dell'azionario Europa

L'accordo tra la Grecia e i creditori ha fatto scattare un segnale di acquisto, sull'azionariato europeo, per Russell Investments. Ma meglio andarci ancora cauti

di Mauro Introzzi 14 lug 2015 ore 15:26

L'accordo tra la Grecia e i creditori, che comunque dovrà essere ratificato dal parlamento di Atene, ha fatto scattare un lieve segnale di acquisto, sull'azionariato europeo, per Russell Investments. Luca Gianelle, Client portfolio manager di Russell Investments, mette in evidenza che il dilemma “accordo o non accordo” si è alla fine concretizzato in un accordo, e che quindi le probabilità di una Grecia ancora parte dell’Eurozona sono aumentate considerevolmente.

L'esperto evidenzia anche che Tsipras non avrà gioco facile nel far accettare al Parlamento greco le condizioni stringenti emerse dai negoziati ma anche che "il partito To Potami, comunque, potrebbe andare in soccorso di Tsipras e questo sarebbe sufficiente per far passare l’accordo".

lente_16L'economista indica che il processo di investimento dell'istituto "segnalava da tempo un leggero segnale buy sull’azionario europeo" ma anche che questo segnale non era mai stato ancora implementato a causa dell’incertezza politica. L'evoluzione degli eventi rappresenta un elemento sufficiente per aumentare leggermente il sovrappeso di Russell Investments sull’azionario europeo. Ma Luca Gianelle scrive anche che "considerato che l’Eurostoxx 50 ha già recuperato il 7,5% del calo del 14%, ha senso non aumentare troppo tale posizionamento".

Sotto il profilo generale l'economista indica che "tale accordo sembra essere fatto più per far sì che Francia e Germania rimangano amiche piuttosto che risolvere il problema della Grecia. Un arretramento della Grecia sulle riforme e le privatizzazioni è quasi garantito, cosi come dati deludenti sul fronte economico. Il problema greco non sparirà, ma continuerà a perseguitare l’Europa per i prossimi anni con un martellamento di cattive notizie".

Tutte le ultime su: russell investments
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.