NAVIGA IL SITO

Outlook 2024, obbligazioni meglio delle azioni?

Le obbligazioni corporate dovrebbero beneficiare di prospettive più favorevoli sui tassi, con quelle investment grade che attualmente offrono rendimenti molto interessanti

di Redazione Lapenna del Web 19 dic 2023 ore 10:34

azioni-vs-bondSecondo Chris Iggo - CIO di David Page - e David Page - Head of Macro Research di David Page - le domande degli investitori all'inizio del 2024 saranno due: le obbligazioni riusciranno a invertire la serie negativa e le azioni potranno mantenere il loro slancio?

A loro avviso, per entrambe le asset class la previsione è ottimistica, con la differenza che, rispetto agli ultimi anni,  vi sia maggiore probabilità di una sovraperformance delle obbligazioni rispetto alle azioni.

Nonostante le numerose sfide che gli investitori sono chiamati ad affrontare, Chris Iggo e David Page ritengono che per l'inizio del 2024 ci siano buone ragioni per rimanere ottimisti, considerando che nel 2023 i rendimenti obbligazionari non hanno certamente brillato, con una loro impennata su massimi pluriennali. A loro parere, questo quadro preannuncia però total return potenzialmente solidi in futuro. Inoltre, secondo gli esperti, le obbligazioni corporate dovrebbero beneficiare di prospettive più favorevoli sui tassi, con quelle investment grade che attualmente offrono rendimenti molto interessanti, compresi tra il 4% in euro e il 6% in dollari.

"Non possiamo escludere che i mercati azionari continuino a guadagnare terreno," precisano Chris Iggo e David Page, specie qualora i tassi d’interesse e i rendimenti dovessero diminuire e la crescita confermarsi, lo slancio positivo dell’equity che ha caratterizzato il 2023 potrebbe proseguire. Ciononostante, i due esperti ritengono che il rallentamento della crescita del PIL e una minore inflazione potrebbero incrementare il rischio di delusioni per gli utili aziendali, che potrebbero frenare i rendimenti azionari soprattutto negli Stati Uniti, dove le valutazioni sono elevate.

Secondo Chris Iggo, condizioni finanziarie più propizie, grazie a tassi d’interesse e rendimenti obbligazionari in lieve calo, nonché una crescita reale persistentemente positiva, potrebbero sostenere il sentiment favorevole verso le azioni. "Se a ciò aggiungiamo l’attuale entusiasmo per l’Intelligenza Artificiale e il suo potenziale nel sostenere la crescita, alcuni settori del mercato azionario potrebbero offrire ancora una forte ascesa degli utili e dei rendimenti per gli investitori", ha ipotizzato l'esperto, che, tuttavia, ha puntualizzato come il contesto macro ponga delle sfide per la crescita degli utili aziendali in numerosi segmenti del mercato azionario.

Chris Iggo e David Page hanno segnalato che, sebbene le performance obbligazionarie siano state deludenti nel 2023, un portafoglio ponderato sul credito a breve duration e sui titoli tecnologici a lunga duration avrebbe rappresentato un ottimo investimento: "Fino a quando la Federal Reserve non cambierà rotta, questa strategia barbell potrebbe continuare a essere una scelta vincente", hanno precisato gli esperti.

Date le prospettive di una crescita nominale limitata, lo scenario di base di AXA IM indica rendimenti modesti: un simile contesto induce a privilegiare le obbligazioni; in questo segmento, infatti, è emerso un premio per il rischio, che è stato invece eroso nell’universo azionario.

Chris Iggo e David Page ritengono che la volatilità relativa implicita dei tassi d’interesse rispetto alle azioni sia un ulteriore elemento a sostegno di una visione costruttiva sulle obbligazioni. "Inoltre, con i cicli rialzisti all’apice e un’inflazione in discesa, l’incertezza sui tassi dovrebbe diminuire e, di conseguenza, ci aspettiamo un calo dei rendimenti", hanno concluso i due esperti.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.