NAVIGA IL SITO

OPEC, la vera sfida non è l'uscita del Qatar

La questione più insidiosa è capire la portata delle politiche di Trump. Gli Stati Uniti hanno rinnovato la minaccia di varare una legge che permetterebbe loro di citare in giudizio l’OPEC

di Redazione Soldionline 6 dic 2018 ore 10:59

Oggi a Vienna è in programma la riunione dell'OPEC, l'organizzazione che raggruppa i paesi esportatori di petrolio. L'incontro, che vede l'uscita del Qatar, dovrebbe ratificare anche un taglio della produzione del greggio, sostenuto in gran parte dall'Arabia Saudita.

Tuttavia, secondo Bob Minter - Investment Strategist di Aberdeen Standard Investments - l'uscita del Qatar non sarà l'unica sfida per l'OPEC. L'organizzazione, infatti, dovrà valutare anche l'approccio degli Stati Uniti e le politiche di Trump, come dettagliato nell'analisi seguente.

 

barili-petrolioL'OPEC ha un compito molto impegnativo di quadratura del cerchio.

L’abbandono del gruppo da parte del Qatar è un problema, anche se non così significativo in termini relativi. La questione più insidiosa è capire la portata delle politiche di Trump. Gli Stati Uniti hanno rinnovato la minaccia di varare una legge che permetterebbe loro di citare in giudizio l’OPEC e rendono difficile comprendere il reale impatto delle nuove sanzioni contro l’Iran. In questo quadro per l’OPEC non sarà facile elaborare dati precisi sull’entità dell’approvvigionamento necessario per il 2019 a livello globale.

 

La mancanza di chiarezza su questi temi costringerà l’OPEC a ridurre leggermente l’offerta e a lasciare aperta la possibilità di aumentare l’attività in un secondo momento. Il taglio sarà probabilmente di circa 500.000 barili al giorno, soprattutto dalla Russia e dall'Arabia Saudita, e si parla molto di monitorare i dati in entrata.

Questo dovrebbe aiutare l’OPEC a raggiungere una fascia di prezzo di 60-70 dollari per il Brent e lasciare comunque margine per un aggiustamento in caso di un’offerta inferiore alle aspettative.

 

La coalizione tra membri OPEC e non OPEC, costituita nel 2016, si trova tuttavia ad affrontare una sfida ancora più grande.

I diversi stati avevano unito le proprie forze con un obiettivo specifico: cercare di bilanciare il mercato in una fase in cui la crescita di scorte di petrolio già elevate era insostenibile. I partecipanti alla coalizione sono riusciti in gran parte a gestire la problematica fino a che non è stata sostituita da una serie di nuove sfide. Le coalizioni restano in vita solo fino a che sono utili e sospetto che la sola soluzione per tenere unita questa sarà di trasformarla in un accordo più formale.

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutti gli articoli su: opec , petrolio
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Il Reddito di cittadinanza è il nuovo sussidio contro la povertà. Lo si potrà richiedere dal 6 marzo 2019 e verrà distribuito a partire dal 27 aprile. Destinatari, requisiti e importi Continua »

da

ABCRisparmio

Scadenze fiscali settembre 2019 per le pesone fisiche

Scadenze fiscali settembre 2019 per le pesone fisiche

Vediamo quali sono le principali scadenze fiscali per il mese di settembre 2019. Tratteremo in particolare quelle che riguardano le persone fisiche. Continua »