NAVIGA IL SITO
Home » Analisi di Scenario » OPEC, la vera sfida non è l'uscita del Qatar

OPEC, la vera sfida non è l'uscita del Qatar

La questione più insidiosa è capire la portata delle politiche di Trump. Gli Stati Uniti hanno rinnovato la minaccia di varare una legge che permetterebbe loro di citare in giudizio l’OPEC

di Redazione Soldionline 6 dic 2018 ore 10:59

Oggi a Vienna è in programma la riunione dell'OPEC, l'organizzazione che raggruppa i paesi esportatori di petrolio. L'incontro, che vede l'uscita del Qatar, dovrebbe ratificare anche un taglio della produzione del greggio, sostenuto in gran parte dall'Arabia Saudita.

Tuttavia, secondo Bob Minter - Investment Strategist di Aberdeen Standard Investments - l'uscita del Qatar non sarà l'unica sfida per l'OPEC. L'organizzazione, infatti, dovrà valutare anche l'approccio degli Stati Uniti e le politiche di Trump, come dettagliato nell'analisi seguente.

 

barili-petrolioL'OPEC ha un compito molto impegnativo di quadratura del cerchio.

L’abbandono del gruppo da parte del Qatar è un problema, anche se non così significativo in termini relativi. La questione più insidiosa è capire la portata delle politiche di Trump. Gli Stati Uniti hanno rinnovato la minaccia di varare una legge che permetterebbe loro di citare in giudizio l’OPEC e rendono difficile comprendere il reale impatto delle nuove sanzioni contro l’Iran. In questo quadro per l’OPEC non sarà facile elaborare dati precisi sull’entità dell’approvvigionamento necessario per il 2019 a livello globale.

 

La mancanza di chiarezza su questi temi costringerà l’OPEC a ridurre leggermente l’offerta e a lasciare aperta la possibilità di aumentare l’attività in un secondo momento. Il taglio sarà probabilmente di circa 500.000 barili al giorno, soprattutto dalla Russia e dall'Arabia Saudita, e si parla molto di monitorare i dati in entrata.

Questo dovrebbe aiutare l’OPEC a raggiungere una fascia di prezzo di 60-70 dollari per il Brent e lasciare comunque margine per un aggiustamento in caso di un’offerta inferiore alle aspettative.

 

La coalizione tra membri OPEC e non OPEC, costituita nel 2016, si trova tuttavia ad affrontare una sfida ancora più grande.

I diversi stati avevano unito le proprie forze con un obiettivo specifico: cercare di bilanciare il mercato in una fase in cui la crescita di scorte di petrolio già elevate era insostenibile. I partecipanti alla coalizione sono riusciti in gran parte a gestire la problematica fino a che non è stata sostituita da una serie di nuove sfide. Le coalizioni restano in vita solo fino a che sono utili e sospetto che la sola soluzione per tenere unita questa sarà di trasformarla in un accordo più formale.

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutti gli articoli su: opec , petrolio
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Il certificato di malattia per il lavoro: cos'è e come si richiede

Il certificato di malattia per il lavoro: cos'è e come si richiede

Il certificato di malattia rappresenta il documento che attesta la temporanea impossibilità al lavoro. È redatto dal medico curante, il quale provvederà a inviarlo all’INPS Continua »

da

ABCRisparmio

Pensioni: Quota 100 spiegata in pochi minuti

Pensioni: Quota 100 spiegata in pochi minuti

Quota 100 è un sistema che consente la possibilità di accedere alla pensione nel momento in cui la somma tra età anagrafica e contributi versati è pari ad almeno 100 Continua »