NAVIGA IL SITO

MMT e Giappone: è quello che ci aspetta?

Qualcuno sostiene che MMT non sia una opzione di politica economica che in futuro potrebbe essere adottata, ma è piuttosto una descrizione efficace della realtà attuale

di Valter Buffo 15 mar 2019 ore 12:01

Commento giornaliero di recce-d.com

 

yen-giapponeQuesta settimana, i nostri contributi a SoldiOnline.it si sono concentrati su un tema che, almeno nel resto del Mondo, è della massima attualità: si tratta di MMT, la Moderna Teoria della Moneta. Noi di Recce’d abbiamo accostato l’argomento, teorico, all’attualità, e ci siamo chiesti se la recente inversione ad U nelle politiche monetarie di Federal Reserve e BCE (che si è tradotta del totale abbandono dell’obbiettivo “normalizzazione” e nel ritorno a politiche monetarie accomodanti, espansionistiche, e persino al QE, almeno nelle dichiarazioni che non lo escludono) non sia un segnale di un passaggio epocale, verso una impostazione di politica monetaria nuova, ed almeno in parte ispirata a MMT.

Per chiudere questo argomento, abbiamo scelto di riprodurre più in basso un estratto da Bloomberg. Ci è sembrata interessante l’affermazione fatta nel pezzo, specie dove si dice che “MMT non è una opzione di politica economica che in futuro potrebbe essere adottata, ma è piuttosto una descrizione efficace della realtà attuale. Nel medesimo brano come potete vedere, si trova un accenno al Giappone, a cui si fa riferimento per l’eccezionale rapporto tra debito e PIL (superiore al 200%) e poi si parla anche degli Stati Uniti, visto che proprio MMT offre una possibile spiegazione per il fatto che (almeno fino ad oggi) i tagli alle tasse di Trump non hanno provocato alcun aumento dei rendimenti delle obbligazioni, e quindi del costo del maggiore debito pubblico.

La conclusione, a parere dell’articolista, è che parlare di MMT come di qualche cosa che potrebbe oppure no essere implementato è un errore, perché in realtà siamo già in un mondo MMT.

articolo_mmt
Fonte: BBG

 

Nel daily dedicato ai Clienti, The Morning Brief, di oggi 15 marzo 2019, abbiamo trattato i seguenti temi:

  1.     La fase di oscillazione dell’indice S&P 500 intorno a quota 2800 anticipa una nuova impennata di volatilità in Borsa
  2.     La sterlina rimane forte a 1,3300 contro dollaro USA
  3.     I dati di ieri mattina per l’economia cinese hanno calmato il rally di Borsa
  4.     SEZIONE L'OPERATIVITA'    questa settimana sul piano operativo ci occupiamo dell’andamento dei mercati valutari, con riferimento alle valute maggiori
  5.     SEZIONE L'ANALISI    il tema della nostra Analisi sarà questa settimana il twin deficit, ovvero la somma del deficit pubblico e di quello commerciale, negli Stati Uniti

recced-logo_1

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà
Tutti gli articoli su: recced
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Il Reddito di cittadinanza è il nuovo sussidio contro la povertà. Lo si potrà richiedere dal 6 marzo 2019 e verrà distribuito a partire dal 27 aprile. Destinatari, requisiti e importi Continua »

da

ABCRisparmio

Quota 100 spiegata in pochi minuti

Quota 100 spiegata in pochi minuti

Quota 100 è un sistema che consente la possibilità di accedere alla pensione nel momento in cui la somma tra età anagrafica e contributi versati è pari ad almeno 100 Continua »