NAVIGA IL SITO

Mercati, il 2023 parte bene (ma restano alcuni punti di domanda)

di Redazione Lapenna del Web 17 gen 2023 ore 10:29 Le news sul tuo Smartphone

mercato-azionario_3Alberto Tocchio - Head of European Equity and Thematics di Kairos Partners SGR - racconta nel suo podcast come la partenza positiva del 2023 - in apparenza fin troppo benevola - sia condizionata da una serie di logiche sottostanti che, come sempre, non possono mai definirsi banali.

"Siamo passati da un 2022 che è stato il peggior anno per performance negativa sia lato bond che equity degli ultimi 100 anni, ad un 2023 che si sta mostrando il migliore dal 1987," spiega Tocchio, che ha aggiunto "i volumi sono stati bassi ed il movimento di questi primi giorni dell'anno è stato principalmente caratterizzato da coperture di posizioni corte su futures".

L'esperto ritiene che il mercato stia prezzando una recessione moderata e breve negli Stati Uniti, mentre in Europa si prevede una leggera crescita per il 2023. "L'attenzione ora è rivolta ai risultati trimestrali", ha puntualizzato Alberto Tocchio.

Secondo l'esperto i punti di domanda riguardano l'eventuale recessione, ma soprattutto i messaggi delle Banche Centrali: da una parte la BCE che rimane rialzista e con l'inflazione core stabile e dall'altra la Fed alle prese con un mercato del lavoro ancora molto forte.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: previsioni 2023