NAVIGA IL SITO

Lontani dalle grida, il panico non porta consiglio

Nei momenti di grande frenesia sui mercati è di grande aiuto cercare di non farsi prendere dal panico. Magari anche disattivando notiziari in tempo reale e tv che strillano

di Redazione Soldionline 1 set 2015 ore 10:34

Nei momenti di grande frenesia sui mercati finanziari è di grande aiuto cercare di non farsi prendere dal panico. Un nemico che ti spinge - spesso - a fare scelte che altrimenti non avresti fatto. Una delle tattiche migliori per tenere lontana la paura è quella di estraniarsi dai commenti dei media. E' quello che sostiene Charles Kantor, Portfolio Manager dell'US Long Short Equity di Neuberger Berman. Che ha detto al tuo team di gestori di disattivare i notiziari in tempo reale e le tv che strillano per concentrarsi sulle società ed i loro flussi di cassa:

Definirei lo stato dell’economia americana come discreta. Alcuni, me incluso, temono che se la Fed non rialzerà i tassi di almeno 25 punti base il rischio è la perdita di credibilità. Ritengo sia una preoccupazione concreta che deve trovare soluzione. Dal mio punto di vista, l’economia americana è solida e chi investe nel suo mercato azionario vuole che la Fed constati ciò che è ovvio. Di recente i dati sui consumi sono stati molto buoni, i posti di lavoro continuano a crescere, i salari si stanno alzando ed il mercato immobiliare è favorevole, grazie ai miglioramenti rispetto alla convenienza ed alla disponibilità di contratti ipotecari. Inoltre, i bassi prezzi del petrolio hanno un risvolto positivo ovvero comportano più liquidità nelle mani dei consumatori disponibile per acquisti o, meglio ancora, per risparmi.

usa2_1Per restare in argomento, i consumi rappresentano circa il 70% dell’economia statunitense e crediamo che gli Usa siano nella posizione per cercare di trainare il resto del mondo e che possano essere d’aiuto per la crescita economica mondiale, ruolo svolto dalla Cina dopo il 2008.

Gli ultimi giorni rievocano l’ottobre scorso quando ci fu una correzione rapida e improvvisa. Così come oggi, allora le preoccupazioni erano a livello macro, con l’ISIS, ebola, le tensioni tra Russia ed Ucraina, la crescita tedesca. Oggi gli investitori hanno gli occhi puntati sulla Cina, i mercati valutari e le tensioni tra Corea del Nord e Corea del Sud. Per quello che ci riguarda, continuiamo ad essere cauti.

Viviamo in un mondo in cui le correzioni avvengono ormai a rotta di collo. La scorsa settimana, ad esempio, l’indice VIX ha fatto registrare il cambiamento percentuale ad una settimana più ampio nella storia; questo può significare che il mercato si trova in piena fase di hedging. Per dirla più semplicemente, viviamo in un mondo in cui tutti credono che sia ottimo oppure terribile. Secondo noi la verità si trova da qualche parte nel mezzo.

Il panico non è una strategia. Abbiamo assistito alla prima correzione di mercato (10% dello S&P500) da 46 mesi. È il terzo periodo più lungo della storia. Il fatto che sia successo in una sola settimana riflette la nuova realtà. Le nostre posizioni non sono cambiate nel corso dell’ultima settimana e nemmeno nell’ultimo mese.
Ho detto al mio team di investimento di disattivare i notiziari in tempo reale e le tv che strillano per concentrarsi sulle società ed i loro flussi di cassa. Stiamo impegnando i nostri sforzi nel comprendere le tendenze di mercato dei nostri investimenti e quello che riteniamo essere il giusto prezzo da pagare per i titoli. Siamo pazienti ed estremamente prudenti e, cosa ancora più importante, non cerchiamo di indovinare quello che succederà domani.

Tutte le ultime su: neuberger berman , wall street
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.