NAVIGA IL SITO

Le commodity possono sopravvivere alla forza del dollaro?

E’ convinzione diffusa che il dollaro abbia una forte influenza sui prezzi delle materie prime. La spiegazione per questa relazione è che, dato che le commodity sono denominate in biglietti verdi, i loro prezzi dovrebbero muoversi al ribasso

di Redazione Soldionline 23 mar 2015 ore 11:00

A cura di Alastair Baker e Patrick Brenner, gestori fondi Multi Asset, Schroders


E’ convinzione diffusa che il dollaro abbia una forte influenza sui prezzi delle materie prime. La spiegazione per questa relazione è che, dato che le commodity sono denominate in biglietti verdi, i loro prezzi dovrebbero muoversi al ribasso in termini di USD quando il dollaro si rafforza, in modo da riflettere l’accresciuto potere di acquisto. Dopo la crisi finanziaria globale del 2008, effettivamente c’è stata una relazione inversa molto forte tra le materie prime e il dollaro. Tuttavia, non è sempre stato così. Prima della crisi globale, la  correlazione era molto meno evidente. Per esempio, durante i gloriosi anni ’90, non c’è quasi mai stata una relazione tra commodity e USD. Poi, nella fase di ripresa all’indomani dello scoppio della bolla delle dotcom, cioè tra il 2003 e il 2006, la relazione si è nuovamente indebolita.
 
dollaro6Per questo, non accettiamo l’estrema semplificazione secondo la quale tutto quello che serve per avere una view sulle materie prime è sapere la direzione del dollaro americano. Certo, se si può comprendere il tipo di quadro in cui il dollaro si sta muovendo, questo aiuta. Guardando al periodo tra il 1990 e il 2015, per il 61% del tempo abbiamo riscontrato una correlazione negativa tra il  dollaro americano e le materie prime; per il 39% del tempo, una correlazione positiva. Quest’ultima percentuale può essere ulteriormente suddivisa in un 23% di tempo in cui sia le commodity sia il dollaro si sono mossi al rialzo, e per un 16% del tempo in cui entrambi hanno mostrato performance negative.
LEGGI ANCHE: Gli effetti negativi del dollaro forte sulle imprese nordamericane

In linea generale, durante i cicli di rialzo dei tassi di interesse della Federal Reserve, abbiamo visto un regime di correlazione positiva in cui sia il dollaro sia le materie prime sono saliti: ciò è particolarmente evidente nei periodi giugno 1996 – marzo 1997; marzo 1999 – gennaio 2000 e giugno 2003 – dicembre 2005. Queste fasi si sono contraddistinte per rialzi dei tassi di interesse e per una forte crescita economica.

Negli Stati Uniti, ci stiamo avvicinando a una fase di stretta monetaria e questo probabilmente porterà a un continuo rafforzamento del dollaro. Se ciò sarà accompagnato dal proseguimento della crescita economica positiva, sia il biglietto verde sia le materie prime potranno muoversi al rialzo.
LEGGI ANCHE: Il cambio euro-dollaro e i mercati azionari (Europa e Usa)

Nel caso in cui la stretta monetaria si dovesse rivelare un errore, o se dovesse esercitare troppa pressione sulle economie dei Mercati Emergenti, tanto da farle entrare in una fase di crisi (rallentamento della crescita e esacerbazione della domanda di dollari), probabilmente le materie prime ne soffriranno.

Tutte le ultime su: commodity , dollaro
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Cos'è e come funziona Inarcassa

Inarcassa è la cassa nazionale di previdenza ed assistenza per ingegneri e architetti che svolgono la loro attività come liberi professionisti e non godono di altra copertura assicurativa

da

ABCRisparmio

Come si effettua il riscatto della laurea

Come si effettua il riscatto della laurea

Il riscatto della laurea consente di considerare validi per la pensione gli anni trascorsi all’università, come se si fosse lavorato anziché studiato Continua »