NAVIGA IL SITO
Home » Analisi di Scenario » La volatilità: buona o cattiva

La volatilità: buona o cattiva

Oggi torna sul tema del ritorno della volatilità, una delle caratteristiche più evidenti dei mercati in questo inizio di 2018

di Valter Buffo 6 apr 2018 ore 09:02

Commento giornaliero di www.recce-d.com

 

Forse a alcuni lettori, potrebbe sembrare che in questo 2018 siano successe molte cose: per la verità, almeno per ciò che riguarda i mercati finanziari, è successo ben poco. I livelli assoluti delle Borse sono di poco lontani dai valori di inizio 2018, e lo stesso si può dire della valute. Un po’ più significativa la variazione dei rendimenti delle obbligazioni, soprattutto negli USA: ma nulla di drammatico. Il vero, autentico, e solo cambiamento riguarda la volatilità, a proposito della quale oggi Recce’d vi propone due grafici molto interessanti:

  •     Nel primo grafico, vedete una media mobile: la media mobile a 50 giorni delle variazioni dell’indice S&P 500; si tratta delle variazioni assolute, nel senso che i ribassi ed i rialzi tra di loro non sono stati compensati, ed un -1% pesa quanto un +1%; insomma si tiene conto solo della ampiezza della variazione
  •     Il secondo grafico è più semplice da leggere: vi dice per quante volte la seduta dell’indice S&P 500 si è chiusa con una variazione dello 1% o superiore: come vedete sono 23, e superano in numero quelle dell’intero anno 2017, e dei tre ultimi trimestri del 2016

In precedenti contributi (Bentornata volatilità!), noi abbiamo salutato come molto benefico il ritorno di quella che noi consideriamo la naturale volatilità di tutti i mercati finanziari: senza volatilità, i mercati perdono la loro stessa ragione di essere. Come potete intuire seguendo i due grafici, negli anni 2016 e soprattutto 2017 abbiamo assistito ad una fase anomala ed eccezionale, di compressione della volatilità (forse artificiale) e probabilmente nel 2018 ci sarà una reazione in direzione contraria che potrebbe estendersi ben al di là del primo trimestre.

indice-s-p-500-media-mobile
Fonte: Bespoke


s-p-500-chiusa-con-variazione-dello-1

Fonte: BBG

 

Nel daily dedicato ai Clienti, The Morning Brief, di oggi 6 aprile 2018, abbiamo trattato i seguenti temi:

  1.     La Borsa in Europa balza in alto puntando sul fatto che la media mobile a 200 giorni a New York abbia funzionato come supporto. Ma è vero?
  2.     Oggi i dati per l’occupazione dagli Stati Uniti
  3.     Il dollaro si rafforza fino a 1,2200 contro euro
  4.     SEZIONE L'OPERATIVITA'    questa settimana sul piano operativo ci occupiamo del settore Tech e della sua influenza sulla Borsa USA
  5.     SEZIONE L'ANALISI    il tema della nostra Analisi sarà la crescita delle economie Sviluppate

 

recced-logo_1

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà

 

Tutti gli articoli su: recced
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Il certificato di malattia per il lavoro: cos'è e come si richiede

Il certificato di malattia per il lavoro: cos'è e come si richiede

Il certificato di malattia rappresenta il documento che attesta la temporanea impossibilità al lavoro. È redatto dal medico curante, il quale provvederà a inviarlo all’INPS Continua »

da

ABCRisparmio

Pensioni: Quota 100 spiegata in pochi minuti

Pensioni: Quota 100 spiegata in pochi minuti

Quota 100 è un sistema che consente la possibilità di accedere alla pensione nel momento in cui la somma tra età anagrafica e contributi versati è pari ad almeno 100 Continua »