NAVIGA IL SITO

La FED, una delle incognite del 2019

Un’incognita chiave per gli investitori nel 2019 è la possibilità che la Federal Reserve (Fed) compia un errore nella sua politica monetaria

di Redazione Soldionline 15 gen 2019 ore 16:29

"Dopo un periodo difficile per i rendimenti nel 2018, osserviamo cinque fattori che potrebbero caratterizzare i mercati in questo anno potenzialmente ancora volatile". E' quanto osserva il team Global Fixed Income, Currency and Commodities Group di J.P. Morgan Asset Management.

federal-reserve_1Tra questi il più importante riguarda la politica monetaria che sarà seguita dalla FED nel corso del 2019, dopo il rialzo dei tassi avvenuto nella riunione di dicembre.

Nell'analisi seguente gli esperti di J.P. Morgan Asset Management spiegano i motivi di questa tesi.

 

Un’incognita chiave per gli investitori nel 2019 è la possibilità che la Federal Reserve (Fed) compia un errore nella sua politica.

Nonostante il rialzo dei tassi di dicembre, il quarto dell’anno, fosse in linea sia con le indicazioni prospettiche che con le aspettative di mercato, i listini globali hanno reagito negativamente, a indicare che oggi gli investitori temono un inasprimento eccessivo.

Alle giuste condizioni, pensiamo che la Fed troverà la forza di compiere due ulteriori rialzi nel 2019, anche se siamo meno convinti di questa possibilità rispetto al passato e le tempistiche sono incerte.

 

Il percorso dei tassi della Fed è uno dei cinque fattori che secondo noi plasmeranno i mercati quest’anno, e questo dipende a sua volta dagli altri quattro, in particolare l’esito del dialogo commerciale tra Stati Uniti e Cina, che pesa sull’attività globale; la forza della domanda di petrolio; gli sviluppi politici, tra cui Italia, Brexit e la situazione di impasse del Congresso statunitense; e l’impatto di un ridotto stimolo fiscale negli Stati Uniti come conseguenza dello stallo del governo.

 

Siamo ragionevolmente certi che una mancata risoluzione alle incertezze del momento peserà sui mercati e impedirà alla Fed di applicare ulteriori strette. Ciò che resta poco chiaro è la probabilità di sviluppi positivi e quanto potranno stimolare l’economia globale, consentendo alla Fed di esercitare il proprio mandato.

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutte le ultime su: fed
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.